Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

Peppino De Vito   Read more

Alla Ricerca del Futuro

  Fanno parte di quel mondo vissuto anche i fra... Read more

Ricordare

Il Prof. Antonio Panzarella Read more

Per Non Dimenticare

1961 In tutti i paesi e paesini della Calabri... Read more

Ultimi Frammenti di un Mondo Perduto

  Tanto ma tanto tempo fa gli Dei cercavan... Read more

Per non Dimenticare

Per non Dimenticare Accadde oggi: 8 novembre 1... Read more

Per Non Dimenticare

Nella Memoria del Sisma Sono passati esattamen... Read more

Per Non Dimenticare

1961

In tutti i paesi e paesini della Calabria la viabilità è carente e si va a scuola con i tanti autobus blu che abitualmente riservano tanti posti " all’impiedi  ". Nella fascia presilana e silana tanti di questi paesini sono collegati dalla linea ferrata delle ferrovie  Calabro-Lucane che , nel periodo invernale,  restano la sola via di trasporto per i tanti studenti che frequentano gli Istituti di Catanzaro o Cosenza e si parte anche presto.

Quel 23 dicembre del 1961 le due carrozze , motrice e rimorchio , partono da Soveria alle 6,43 e sostano a Decollatura, Serrastretta, San Pietro Apostolo, Cicala e Gimigliano, con termine al capolinea di Catanzaro Centro. È l’ultimo giorno di scuola, poi il periodo di ferie Natalizie .

Nei due convogli  viaggiano 99 passeggeri soprattutto studenti  e alle  7,45 transitano sul viadotto della Fiumarella  che , per fatale coincidenza , ha un percorso curvo e proprio lassù il rimorchio si sgancia  e retrocede senza controllo . Esce dal binario precipitando nel torrente 40 metri giù. Il disastro è terribile. Settantuno viaggiatori muoiono subito, gli altri rimangono gravemente feriti. Trentuno risiedevano a Decollatura, la comunità più colpita. I sogni di un futuro migliore per i giovani che vanno a scuola  finisce sotto al ponte il giorno prima Natale.

Su un social è ben riportato questo fatto accaduto nel 1961 e ricorre la circostanza di riportare le ultime frasi dell'autore : "Abbiamo il privilegio di andare a lavoro o a scuola quasi sotto casa. Abbiamo acqua calda, e riscaldamento tutto il giorno. Abbiamo pane e dolci, così tanto da buttarli. Abbiamo tutto. E siamo, invece, ostaggio della nostra insana ambizione. Che porta all’insoddisfazione, ma non alla morigerata saggezza, del niente.

Pensiamoci, ogni tanto, almeno oggi, a quei ragazzi. Se non con la preghiera, almeno con la paura. Che stiamo sbagliando.

" Sbagliando tanto, quando per noia, ci si da appuntamento a farsi  una grande scazzottata  " giovane "  come capita a Roma o quando si sfida il treno in corsa a passargli avanti...

Il Covid ... insiste , muta , continua a mandare messaggi di morte  . Noi " Tosti " e la gioventù ancora peggio .....

 

..............

 

Dastoli Domenico    Francesco Casalinuovo       jacursoonline     Ass. Cult.  kalokrio

 

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-6.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante