Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Per Non Dimenticare :Il Treno del Sole del '70

Per non dimenticare:  La Freccia del Sud del 1... Read more

Gli Spiriti della Memoria

Per arrivare ad Arcumannu  o  a Catanzaru ... Read more

La Prima Italia

  Prima di parlare di Roma – oggi capitale dell... Read more

Il Custode della Memoria

A fronte dei famosi palazzi d’arte , che han... Read more

Son Tornati gli Uccellini

Le campagne sono piene di Uccellini “ Le c... Read more

La Repubblica

  E’ l'anno  in cui, diversamente da come si... Read more

Posa Suffrijuta cu Taccuni

Posa Suffrìjùta ... cu Tàcchi di Gf Maiora... Read more

Per Non Dimenticare Falcone e Borsellino

23 maggio – Il Giorno del Ricordo Im... Read more

Per Non Dimenticare

Accadde  Oggi:  9 maggio 1978, l'assassinio di... Read more

Il Massimo a Cosenza

Apre a Cosenza, in Corso Mazzini, il nuovo Punto Vendita  della rinomata Gelateria di Jacurso “ Il Massimo del Gelato. Jacurso , piccolo borgo nell’Istmo catanzarese, è diffusamente conosciuto per le sue gelaterie che da sempre continuano a mantenere le tradizioni artigianali e, andando a ritroso, va ricordata l’arte montanara capace di trasformare la neve e mantenerla ghiacciata sino ai mesi estivi .


La si produceva e costipava, infatti , in spezzoni di lastre nelle località montane “ Serra del Gelo “ e “Fossa della Neve “. Al tempo quel ghiaccio sarebbe servito ai primi “ Gelatieri “ indispensabile alla preparazione di Granite al Limone. Unico sollievo alla calura estiva .Poi , oltre alle granite, divennero gustosi i gelati alla panna o cioccolato. Oggi le gelaterie di Jacurso si presentato ai loro clienti con tante proposte, materie prime di assoluta qualità e un’attenzione speciale all’ambiente con prodotti biologici certificati ,di primissima qualità e con una lavorazione esclusivamente artigianale. E’ recente il Marchio D.O.C. per la tutela del Gelato Artigianale di Jacurso e di tanto va dato merito all’Amministrazione Comunale locale che così supporta le imprenditorialità artigianali le quali , insieme ad altre iniziative mirate, aiutano a movimentare un sistema produttivo in evidente trasformazione di identità .

 

A Cosenza , su Corso Mazzini, 41 e in prossimità della sede Comunale , apre dunque  “ Il Massimo del Gelato “, un nuovo modo di fare gelato, firmato il Gelato di Jacurso.           L’inaugurazione è in programma DOMENICA  9 Febbraio  alle ore 16

Un primo punto vendita è da tempo aperto a Catanzaro Lido , dove il gelato è già apprezzato dalla clientela locale, dalle occasionali presenze della Domenica  e dai tanti vacanzieri estivi. Oggi la famiglia de “ Il Massimo del Gelato “  vuole orientare la sua passione e la sua arte gelatiera  anche alla produzione delle sue specialità artigianali , con un locale dedicato ed esclusivo, dove il gelato non sarà più una conseguenza ma un vero punto di piacevole degustazione e incontro ove non è stata  disattesa la localizzazione  di primaria attenzione e interesse.

Grazie all’esperienza che si tramanda da padre in figlio da oltre 50 anni e alla selezione delle migliori materie prime, i prodotti della gelateria sono oggi più che mai sinonimo di bontà e qualità ed esprimono l’artigianalità e la calabresità degli autentici sapori di una volta. Fiore all’occhiello della produzione sono la famosa Nocciola,i Gelati frutta e limone, le Granite , rinomate e conosciute in tutto il circondario lametino, insieme ad un vasto assortimento di gusti e sapori espressione della migliore preparazione artigianale.


Tutto di propria produzione seguendo le tradizionali ricette della famiglia. La gelateria “ Il Massimo del Gelato “, apre a Cosenza per creare un locale di classe , raffinato e con un servizio che va dalla prima colazione, con ottima caffetteria e pasticceria, alla pausa pranzo, agli aperitivi serali che, come da tendenza, potranno essere  coniugati con il gelato e poi ancora le torte al Gelato e i zuccotti al Gelato  . Ma tanto altro.

Il proponimento  sarà , comunque  quello di  produrre  e offrire il gelato secondo i principi della cura nella scelta delle materie prime di qualità e nella gestione produttiva quotidiana per far si che il gelato sia sempre fresco. Il Latte , come da sempre, sarà il primo ingrediente fresco di giornata , il Pistacchio è quello certificato di Bronte , le nocciole delle langhe  e così per la frutta , le fragole e i limoni.

Investimenti in macchinari d’avanguardia per la produzione del gelato ed un’accurata e ricercata selezione delle migliori materie prime presenti sul mercato sono , anche ,  la certezza della qualità.

Daniel , il più giovane della famiglia , che potrebbe essere l’incaricato alla gestione della gelateria ci confidava che  …” che sono tanti e tutti validi i motivi che possono indurre un giovane ad accarezzare l’idea di avviare una gelateria in quanto il settore potrebbe essere ancora promettente soprattutto se viene considerato che nelle grandi Città , e Cosenza è una grande bella Città, la stagione tende ad allungarsi e i consumi sono pure in crescita. Ma è opportuno andare con la giusta riflessione in quanto è errato  proporsi di aprire una gelateria  soltanto perché attratti dal mestiere in quanto gli aspetti da prendere in considerazione sono diversi  e occorre analizzarli con attenzione.

..offrire un prodotto di qualità e la consapevolezza  di conoscere gli ingredienti

ll primo aspetto da valutare riguarda senz'altro la propria capacità di ottenere un prodotto di qualità . La condizione  “senza la quale " …per riuscire  è determinante e prioritaria anche se ad un costo lievemente superiore alla normalità.

Una gelateria deve il suo successo per la bontà del prodotto  ,infatti , e poi anche per la simpatia , la capacità di chi lo serve, per l’ubicazione e l’ambiente accogliente e circostante.

Ottenere un gelato di qualità non significa "soltanto" saper miscelare le materie prime secondo le ricette che si possono imparare frequentando i corsi organizzati da chi vende i macchinari e le attrezzature. Partecipare a rassegne , fiere e gare …cose che fanno parte del mio vissuto nella professione. Vuol dire anche lavorare “a bottega" per molti mesi. E soprattutto studiare da autodidatti, con l`aiuto di un buon maestro , cioè se stessi , le nozioni apprese e soprattutto  le materie prime.

Un gelatiere non può ignorare, per esempio, la differenza esistente fra il latte di qualità, quello intero e quello scremato. Noi utilizziamo Latte Fresco del Meridione , provvediamo alla pastorizzazione e quindi alla lavorazione.

Deve vantare, continua Daniel  , buone conoscenze anche per quanto riguarda gli zuccheri e i grassi, quelli saturi o insaturi , la preparazione delle basi e saperne il più possibile per quanto concerne, per esempio, l'utilizzo degli ingredienti.

Sono tutti aspetti fondamentali per sapere sempre che cosa si compera, anche quando ci si rivolge a fornitori di semilavorati e per acquistare gli ingredienti al giusto prezzo, riconoscendo le differenze fra un preparato e l’altro. Fatta questa debita premessa, è evidente che una voce significativa sarà da dedicare alla formazione, che dovrà essere tanto più incisiva quanto meno si è già addentro nel settore della  Gelateria.

lpotizzare dunque un impegno economico anche  per la formazione non è lontano dalla realtà.

Laboratorio artigianale o locale pubblico?

Quando gli si chiede  sulla preparazione ,  Daniel  continua che ..” Un ulteriore aspetto da valutare ancor prima di mettersi in gioco è se si vuole avviare un semplice laboratorio o un bar gelateria  e il tipo di servizio.

Occorre valutare soprattutto l”impegno e la possibilità di coinvolgere i propri familiari o altro personale. La preparazione resta esclusiva quella del Laboratorio. La gestione, quindi, non solo è più impegnativa di quanto si possa pensare, ma indubbiamente è più costante e complessa. Coinvolge l’intera famiglia e comporta non indifferenti sacrifici e rinunce. Ma è anche la scommessa di camminare con le proprie  gambe e dare anche l’esempio ai giovani come me … che si può fare .

Non bisogna mai dimenticare, pertanto , che il lavoro di un gelatiere è molto più faticoso di quanto si possa pensare a prima vista. Porta infatti alla necessità di lavorare anche più di 12 o 13 ore al giorno, con una maggiore concentrazione nelle festività. Funzionando da Caffetteria l’apertura sarà ,inoltre , molto mattiniera e la chiusura serale solo da capire.

E soprattutto non si può più pensare di limitarsi a lavorare intensamente solo per una stagione, assicurandosi un reddito soddisfacente anche per gli altri mesi".

Occorre mettere in preventivo di specializzarsi in produzioni che continuino a portare fatturato anche nel periodo invernale, quando i consumi di solo gelato si contraggono di tanto è il nostro pensiero conclusivo mentre auguriamo il meglio che si aspetta a Daniel..

 

 

.................................................

 

 

 

francesco  casalinuovo  jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-4.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante