Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

L'Allerta Rossa

  Allerta Rossa La storia della Calabria è ... Read more

Contròllati.. !

Controllati ! Nella sala convegni di Via nazio... Read more

Ci Rivedremo ..Lassù

Ci Rivedremo Lassù 24 Maggio 1915, esattamen... Read more

Ai Soldati di Jacurso

La Commemorazione dei Caduti in tutti le ... Read more

Le Giornate del Cuore

  Prevenzione Malattie Cardiovascolari ... Read more

UROLOGIA tra Silenzi e Paure

Tra Silenzi e Pudori Un problema che incide pe... Read more

Le Giornate del F.A.I. - Il Fondo Ambiente a Maida

  ll Comune di Maida è tra le 260 città di ... Read more

La Napoli Portici

La Napoli - Portici Il Presidente della R... Read more

Il Treno del Sud

Il Treno del Sole – Resta un pezzo di storia ... Read more

Contròllati.. !

Controllati !

Nella sala convegni di Via nazionale , Sabato 9 Novembre , ha avuto luogo con successo e larga partecipazione,la presentazione dell’iniziativa “ Jacur…Sani “  - Evento di educazione alla Salute - promossa ed organizzata dall’Amministrazione Comunale di Jacurso in collaborazione con i vertici dell’AsP di Catanzaro  , delle direzioni sanitarie dell’ospedale di Lamezia  e del Dott. Umbaca che  ha messo a disposizione, a titolo gratuito, le proprie competenze e la propria professionalità.

 

 

Un impegno che la giunta jacursese , ha detto il Sindaco durante l’introduzione al Convegno,  continua a proporre da tempo essendo riconosciuto il valore  importante che ne deriva se ci si controlla sufficientemente in tempo proprio per evitare l’insorgenze di patologie . L’ultimo evento sempre coniato “ Jacur  sani “ ha messo in evidenza l’aspetto urologico e il primo cittadino ha rimarcato quanto la prevenzione  debba essere un impegno sociale , medico , scientifico  e politico . Per tale assunto , ha continuato ,  la prevenzione  può fare la differenza nel ridurre i numeri di casi “ da Bollettino da Guerra “ e per realizzare  ciò bisogna fare della prevenzione soprattutto nelle scuole per promuovere e  radicare una coscienza sul valore della salute “.

L’iniziativa  ,ha concluso ,mi vedrà impegnato  a prevedere sia screening gratuiti presso un laboratorio mobile, che visite specialistiche presso gli ambulatori del Distretto sanitario in quei cittadini affetti da urgenze in questo ambito sanitario.

Le disfunzioni maschili e le patologia della prostata,diceva il Dott.Chiriaco – medico a Jacurso – sono in costante incremento tra i miei assistiti e il fatto sta che quasi sempre si ha difficoltà a parlarne.

Nel Convegno serale di sabato ,invece , il Dott. Umbaca ha saputo affrontare la trattazione con molto disinvoltura aprendo nei partecipanti quel velo di difficoltà a sentire o a pronunciare parole e termini che abitualmente vengono nascoste relegati a termini di pudore  con difficoltà a vedere o a pronunciare. Non troverò ,pertanto, alcuna difficoltà a rappresentare quelli che  sono gli organi maschili e femminili che l’Urologia previene e cura nella sfera sia femminile che maschile.La serata ha occupato il tempo disponibile alla quasi sfera maschile ( Prostata ) senza trascurare alcune patologie tipiche di quella femminile ma , come ha illustrato il Dott. Umbaca , molte parti restano comuni sia nella donna che nell’uomo e pertanto di comune interesse come i Reni , la Vescica e  l’Uretere.

La Cistite .patologia tipica nelle donne

 


Le statistiche dicono che :

  • solo tra il 10% e il  20% degli uomini si sottopone ad una visita di prevenzione
  • solo 9 maschi su 10   effettuano una visita ma in caso di gravi patologie anche se  gli uomini si ammalano di più e spesso in maniera più grave rispetto alle proprie compagne.
  • La prevenzione riduce la frequenza di patologie tumorali  (della prostata, del rene, della vescica e del testicolo)  e patologie benigne  (calcolosi urinaria, iperplasia benigna della prostata e prostatiti, infertilità maschile e disfunzioni sessuali)

 

Il Sindaco di Jacurso Dott. Serratore e il Dott. Umbaca

 

 

Le considerazioni   di Jacursoonline – sulla sanità e non solo

Il sistema di protezione sociale nel nostro meridione   offre un quadro inquietante generalizzato  in tutto il Sud diventato ormai Terra di tutti  e di nessuno ove tutti aspirano a governarla  ma  nessuno, volendo  bene a questa terra sa poi governarla con dedizione per seguire un progetto credibile di rinascita. Nei piccoli Comuni in particolare stiamo vivendo un  momento storico anche preoccupante considerato che  gli ultimi anni sono diventati  quelli della " crisi senza fine " caratterizzati dall’aumento della precarietà, della povertà , della nuova emigrazione , dei livelli di diseguaglianza, da una contaminazione diffusa dei motivi ambientali e dei rifiuti in particolare . Il  cambiamento climatico che aggrava  poi tutte le precedenti criticità resta inascoltato  e il territorio diventa sempre più fragile e indifeso.

Se in modo allargato e angosciante questi sono solo una parte  delle difficoltà del popolo meridionale la riflessione  fatta per  le piccole comunità è comprensibilmente già molto compromessa da tempo. Jacurso è il paesino più dimagrito del suo comprensorio ma porta solo il vessillo di questo malessere seguito dalle vicine  comunità , da Girifalco a Curinga, passando da Cortale, Maida e San Pietro laboriose , un tempo, di attività artigianali , agricole e culturali oggi in costante sofferenza.

Il sistema pubblico statale  presenta,  inoltre, diverse linee e tendenze che protendono verso la  privatizzazione ( Scuola , Sanità ... ) e lo stesso sistema è oltretutto sotto finanziato e costantemente ridotto a tagli . Niente soldi per il Sud  e nessun Piano di Rinascita  ogni volta promesso. Le ultime intemperanze meteorologiche ,poi , hanno interessato altre Regioni e  il litorale Jonico da Soverato a Reggio mostrando tutte le fragilità conosciute ma  nessuna Testata ha quantomeno riportato l'eco a livello nazionale .Territorio , Ambiente , Viabilità e Servizi . Le differenze regionali e locali sono in aumento  e il pericoloso progetto di " Regionalismo Differenziato” non trova una classe politica meridionale capace a fronteggiarla  o quanto meno ad arginare il fenomeno che la genera.

Servizi , Emigrazione , Lavoro e Sanità. Quanto alla Sanità calabrese  chiudono gli Ospedali  ed in quelli rimasti si assiste ad un incremento delle difficoltà d’accesso alle prestazioni (liste d’attesa in periodo di anni ) mentre  pesano molto e ci “ sguazza “ bene il cancro annoso della  Burocrazia , altro male tipico nostrano. Le  norme riguardanti il blocco delle assunzioni e alcune “ nicchie oscure “ mai estirpate della mala sanità completano il quadro triste di questa difficoltosa piaga sanitaria che costringe all’emigrazione nelle strutture dell’altra (Alta ) Italia. Per chi può ! Salti chi può ! E chi non può ?   Cade e si fa male !

In tutto questo sfacelo, che noi del Sud vogliamo sempre addebitare ad un Nemico Sconosciuto, dobbiamo sommare le nostre incapacità a governarci e a farci governare dalle persone distratte e non idonee a farlo sia localmente che a livello nazionale dove neanche tentiamo a essere presenti delegando il “Gatto e la Volpe “ a farlo. Siamo capaci ,infatti , persino a dare il consenso a rappresentare la Calabria a chi  da sempre implora i nostri vulcani e  i possibili terremoti e maremoti.

La Sanità che non piace

Quanto alla sanità alcuni riferimenti generali che ne derivano da queste considerazioni potrebbero essere che :

- vi è una stretta relazione tra condizioni socio economiche, ambientali, alimentari e salute.

- non può essere il mercato , cioè il profitto  di pochi  e delle multinazionali , l’unico principio regolatore del mondo, ma occorre che ci sia una sfera pubblica che agisca in nome di un interesse generale di giustizia e convivenza sociale.

- l'Ospedale non deve essere l'unica sede in cui debba essere tutelata  la salute ma deve tornare ad essere lo strumento finale a cui ricorrere dopo aver utilizzato le altre figure mediche  rappresentate da una pianificazione urbanistica e da una programmazione che mettano al centro la salute e la tutela delle risorse di supporto alla vita .

La Sanità e i Comuni. Un rapporto da “riscoprire” e “rivalutare”

Sappiamo tutti  che ai Comuni non è affidata l’organizzazione e gestione dei servizi sanitari. Tuttavia un Sindaco  - oltre alle altre incombenze - non è un buon Sindaco se non si occupa prioritariamente delle questioni della salute e della protezione sociale dei concittadini. Di conseguenza è fondamentale l’azione dei comuni in termini di controllo, proposta, e ‘rivendicazione’ nei confronti del livello regionale e delle aziende sanitarie

Aria, Acqua, Suolo, Alimenti , Istruzione e Prevenzione  le altre  " cure " che indirizzino i cittadini verso l’assunzione di comportamenti ecologicamente corretti e salutari, interventi di screening ove disponibili, forte sostegno e promozione alla medicina di base. Tanto è stato prospettato al Sindaco nei pochi momenti disponibili in occasione di questo evento e non si mancherà  che questi temi siano oggetto di nuovo incontri.

francesco Casalinuovo  Jacursoonline

16 11 19

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-10.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante