Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Contròllati.. !

Controllati ! Nella sala convegni di Via nazio... Read more

Ci Rivedremo ..Lassù

Ci Rivedremo Lassù 24 Maggio 1915, esattamen... Read more

Ai Soldati di Jacurso

La Commemorazione dei Caduti in tutti le ... Read more

UROLOGIA tra Silenzi e Paure

Tra Silenzi e Pudori Un problema che incide pe... Read more

Le Giornate del Cuore

  Prevenzione Malattie Cardiovascolari ... Read more

Le Giornate del F.A.I. - Il Fondo Ambiente a Maida

  ll Comune di Maida è tra le 260 città di ... Read more

La Napoli Portici

La Napoli - Portici Il Presidente della R... Read more

Il Treno del Sud

Il Treno del Sole – Resta un pezzo di storia ... Read more

Ai Soldati di Jacurso

La Commemorazione dei Caduti in tutti le Guerre

Jacurso 4 novembre 2019Il discorso del Sindaco  di Jacurso  Dott. F.do Serratore

In apertura di questa importante cerimonia di commemorazione dei Caduti di tutte le guerre, desidero innanzitutto ringraziare  le autorità militari, religiose e civili per aver preso parte a questa commemorazione dei caduti di tutte le guerre. Un grazie particolare va a Giuseppe Rocchino che ha contribuito a rendere la cerimonia più solenne. Come tutti sapete, negli anni a cavallo tra il 1914 e il 1945 si verificarono due conflitti mondiali che provocarono milioni di morti e numerosi mutilati, feriti e dispersi negli atroci scontri avvenuti in Europa e anche in Asia e Africa. Si trattò di vere e proprie stragi, anche tra civili innocenti, in nome di varie ideologie, alcune delle quali veramente assurde, paradossali e sanguinarie.

 

 

 

La lapide e questo monumento ricordano i nostri caduti e - continua il Sindaco  - “dietro ogni nome c’è una storia  che fa parte del nostro bagaglio culturale e che quindi appartiene a tutti noi.

Dobbiamo ascoltare il richiamo dei nostri eroi  e essere riconosciuti  per affermare  le ragioni a favore della vita".


" Purtroppo – riprende  il Sindaco Dott. Serratore – molti sono ancora i focolai di guerra .Inutili stragi e un’orrenda carneficina che disonora l’Europa. Così affermava Benedetto XV del 1° conflitto mondiale ..E se ancora insiste  in maniera forte un antisemitismo caratterizzato da odio razziale  nei confronti di un’icona  dell’Olocausto come Ilenia Segre  , oggetto di attacchi odiosi e se a Desdra  , in Germania il Consiglio Comunale è costretto a approvare  un deliberazione  con la quale proclama lo stato di emergenza  sta ad indicare che la Storia non ci ha insegnato nulla !

Infine un monito  a tutti e soprattutto ai giovani particolarmente distratti e assenti ad imparare dalla Storia  e dalla Cronaca di ogni giorno.

" A conclusione vi lascio con questa riflessione  “ Non si può asciugare l’acqua con l’acqua e spegnere il fuoco col fuoco “ quindi non si può combattere il male  con il male. Dobbiamo ritrovare la nostra identità di giustizia  e di eguaglianza  nei valori della propria storia  e civiltà. E conclude citando il profeta  della non violenza Tolstoj che in quel capolavoro di Guerra e Pace  emerge che le guerre non si vincono . Si perdono ! "

La breve pioggia, non  ha impedito lo svolgimento della  cerimonia al Monumento di Viale Madonna della Salvazione dove sono convenuti soprattutto i parenti dei soldati caduti in guerra e un discreto gruppo di cittadini.

Di nostro possiamo dire  che se questi ragazzi ora ci chiedessero cosa concretamente noi qui presenti oggi possiamo fare per evitare che succedano ancora delle guerre cosa risponderemo? Varrebbe la pena chiedercelo tutti insieme; se non siamo venuti qui soltanto per fare della retorica dobbiamo dare loro una risposta.

Intanto possiamo dire che una cosa l’abbiamo già fatta venendo oggi qui a testimoniare il mantenimento della memoria , il ricordo delle privazioni , dei disagi famigliari per i figli e i mariti in guerra e poi dei lutti.  Bisognerebbe ancora  farsi venire la voglia e l’interesse di appartenenza a questa comunità  per  conoscere le vicende storiche locali in merito ai fatti di guerra che pure  hanno interessato la gente del  nostro comune nei due grandi conflitti e non solo. E poi ancora  tutte le altre azioni che quotidianamente ognuno di noi può compiere per ripudiare la guerra. Sarebbero non poche  e potrebbero partire  da tanti piccoli gesti quotidiani per migliorare la convivenza civile, il rispetto reciproco, l’impegno per gli altri, il rispetto della cosa pubblica, il senso del dovere per il prossimo, la collaborazione e solidarietà con gli altri.

Non basta chiudere delle porte e innalzare dei muri, occorre anche dare delle risposte a chi ha fame di cose che mancano. C'è da impegnarsi  per diffondere la convivenza  , la partecipazione e promuovere il rispetto tra gli individui...

Il discorso del Sindaco va anche letto in questa direzione e non soltanto come occasione per celebrare questo giorno e scordare quello successivo. E in questa direzione non mancherà il modo e la circostanza per riparlare della nostra storia e  anche di quanti hanno avuto o perso un parente in quegli anni che sanno poco e potrebbero sapere di più.

Mai più lutti, mai più guerre. Il 4 novembre dovrebbe essere un giorno di lutto e di memoria. ...


Recuperando le parole del Sindaco quando dice Come ha scritto  il grande scrittore Lev Tolstoj, profeta della nonviolenza, nel capolavoroGuerra e Pace ,

Le Guerre non si Vincono, le Guerre si Perdono e Basta.

 

............................

 

Per recuperare la memoria Storica Locale un breve contributo di :

Quanto  rimane dei nostri Ragazzi-Soldato ... e  non sono tutti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

la decimazione alla Brigata Catanzaro

Le mostrine della Brigata

 

 

 

--------------------------------------

 

 

 

francesco casalinuovo     jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-9.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante