Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Una Settimana di Eventi

Trame  a Lamezia   Una settimana di Even... Read more

Aliante sul Mediterraneo

  A San Pietro Maida il Gran Galà del prem... Read more

Era il 24 maggio di 104 anni fa

    Sciaboletta , l’Inutile strage di Capo... Read more

Per non Dimenticare

Piazza della Loggia Martedì 28 maggio 1974: a... Read more

La Repubblica

Per meglio comprendere il significato del 2 ... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Franceschina Pullì   Read more

Educazione alla Salute

  L’Evento sul  “Gelato di Jacurso “ è già ... Read more

La Giornata del Gelato

Dalla Sciurubetta al Gelato Artigianale All’... Read more

La Festa di Aprile

  La Festa di Aprile Si celebrava oggi,ulti... Read more

Le Giornate e il Parco del Reventino

 

 

 

 

Il 21 marzo si conclude il lungo periodo dedicato alla poesia e, oltre all’ingresso della primavera  , questo giorno viene dedicato, insieme all’Ambiente , a tutte quelle   persone vittime  delle organizzazioni criminali   mentre nella giornata del 22 marzo è riproposta l’attenzione sul tema dell’Acqua .

L’arrivo della primavera , come lo scorso anno in anticipo, è quanto a dire che il ciclo naturale che governa il mondo vegetale si modifica in costante progressione. Ci consentiamo , però , di assistere ancora come in questo Pianeta Terra le Piante , gli arbusti , gli alberi , insieme a tanti minuscoli insetti , si mostrano in grande risveglio, sintomo che la natura è ancora in vita .

“ entrammo nel fondo e sentivamo i grilli , le api , le vespe … quando siamo usciti era un silenzio che assomigliava a un cimitero ..”  Un esempio di quell’agricoltura assistita  nebulizzando uno dei tanti veleni (diserbanti ) che , in progressione, fanno “ male “ in silenzio anche all’uomo e che nell’immediato alterano la catena alimentare e l’ecosistema !.

Camminando sul far della sera  e portando a termine un nuovo percorso , non si è potuto trascurare queste considerazioni  e , osservando il sole dietro lo Stromboli, abbiamo avvertito qualche vuoto  di conoscenze sul ciclo delle stagioni . Equinozi , asse della terra e angoli di inclinazione ci sono sembrate un po annebbiate . Si è convenuto fare qualche ripasso  su queste lacune ed  è venuta fuori una salutare rinfrescata che potrà essere consultata..in fondo alla pagina.

E’ primavera da due giorni ma ancora senza le rondini  che,  ogni anno  che tornano, diventano sempre meno di numero mentre si notano con frequenza altri piccoli animali morti sulle strade o sui percorsi di campagna . Il più delle volte finiti dalla fame o per i veleni che ingoiano assieme al poco cibo già scarso per  nutrirsi  . Volatili, faine , volpi , ricci , ghiri , il rospo e persino il tasso che da vivi non sono facili da notare  è ricorrente osservarli da morti. Abbiamo incontrate non poche " carcasse " di questi piccoli animali, a volte  "pelle e ossa ". Si ammalano , per incuria e indifferenza  , assieme agli animali anche  le piante d’alto fusto  come il Castagno e il Pino mentre le sorgive d’acqua  montane  sentono  sprofondare e diminuire  le falde che le nutrono. Queste giornate dedicate alla natura pongono l’attenzione su quanto sta capitando anche al nostro territorio e pertanto si potrebbe scrivere che ..

La consapevolezza da parte di un’Associazione e di una  Comunità come la nostra, deve riflettere sul  proprio patrimonio materiale, sulla  storia che gli appartiene , sulle  tradizioni e sulle  consuetudini  , è fondamentale nel desiderio di voler tutelare e salvaguardare l’ambiente mentre la difesa sociale più avanzata dovrebbe diventare soprattutto  una difesa culturale, strumento di conoscenza  e quindi  indispensabile  per la  sopravvivenza della propria identità.”

Lo stiamo facendo e, insieme all’Amministrazione che ci ha dato ascolto , abbiamo iniziato un percorso di coinvolgimento in tutto il circondario coinvolgendo i soggetti disponibili e che ha fatto diventare il nostro Comune quello capofila per le Amministrazioni e  le Associazioni vicine senza l'egoismo del pennacchio. Il Convegno a Jacurso sul  " Parco del Reventino " testimonia che si può collaborare e risvegliare, con l’impegno, tutte le coscienze.

Una zona del Reventino appena sopra Lamezia mentre dalla gobba sbuca la sommità del Pollino innevato.

 

Celebrando il Bicentenario dell’Infinito di Giacomo Leopardi  si è chiusa,il ventuno marzo,  il mese dedicato alla Poesia  mentre altre Giornate hanno proposto l’Ambiente e l’Acqua come beni  da tutelare senza sprecare. Su questi temi venerdì 22 si è tenuto a Jacurso un incontro con una delegazione del versante che siamo abituati a osservare ogni giorno. Il Monte Reventino si fa osservare imponente e il suo territorio ha bellezza ed interesse pari al nostro. Per l’inizio del secolo scorso, il XX secolo, già che si era più “ religiosi “ che adesso, su Monte Contessa  veniva alzata una Croce  che ben si fronteggiava con quella del Reventino. Ne da una straordinaria testimonianza il Sacerdote Don Antonio Panzarella , Arciprete a Jacurso , che tra l’altro ci fa sapere come siano convenute su Monte Contessa più di “ seimila persone “.

I saluti del Sindaco Serratore, Mimmo Dastoli di Kalokrio, Antonio Falcone , Caterina Puzzonia

Mimmo Dastoli di Kalokrio , che ha moderato l’incontro , ne ha parlato convenientemente ma il tema interessava “ Il Parco del Reventino “ e di questo si è parlato con l’introduzione del Sindaco di Jacurso Serratore e del Vicesindaco a cui sono seguiti importanti interventi , illustrazioni e informazioni sui vari progetti in cui si articola il Piano.  Interessanti le  relazioni  di Antonio Falcone Dottore Forestale  - Carmelo Perri  Capogruppo Ats  -   Caterina Puzzinia Coordinatrice attività didattiche e della Dott.ssa Sinopoli. Considerato l’interesse comune , ha riferito il sindaco Serratore , non mancheranno altri incontri di collaborazione. Da quello sterminato serbatoio di cultura rurale, socialità diffusa e buone pratiche vissute nel passato, aggiungiamo noi da kalokrio , con impegno e costanza potrebbero essere realizzate buone progettualità.

Tornando al primo tema riportiamo alcune Poesie dando preferenza a Giacomo Leopardi con l’Infinito scritto nell’anno 1819.


L'Infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.


Ma sedendo e rimirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete


Io nel pensier mi fingo, ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s’annega il pensier mio:

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Leopardi


Esistono anche  i versi che raccontano un passato, versi che hanno fermato il tempo e hanno dato un senso a ciò che sembrava incomprensibile.


La terra e la morte

Tu non sai le colline

dove si è sparso il sangue.

Tutti quanti fuggimmo

tutti quanti gettammo

l’arma e il nome. Una donna

ci guardava fuggire.

Uno solo di noi

si fermò a pugno chiuso,

vide il cielo vuoto,

chinò il capo e morì

sotto il muro, tacendo.

Ora è un cencio di sangue

e il suo nome. Una donna

ci aspetta alle colline.

Cesare Pavese


Tre fiammiferi accessi

Tre fiammiferi accesi

uno per uno nella notte

Il primo per vederti tutto il viso

Il secondo per vederti gli occhi

L’ultimo per vedere la tua bocca

E tutto il buio

per ricordarmi queste cose

Mentre ti stringo fra le braccia.

Jacques Prévert


E Noi Restiamo

E noi restiamo

in questo triste silenzio,

in questo spazio senza tempo,

dove ogni cosa ha il suo peso,

dove il tempo ha incurvato le schiene

e ci costringe a guardare per terra.


Vent'anni son cinquanta

e trenta ottanta:

per le speranze deluse,

per la vita senza domani.


L'esistere è condanna

ed opprime

la pietà che ci umilia,

la povertà che ci offende.


Dover soccombere

non sapendo se convenga rassegnarsi.


Dover sopravvivere

inebriandosi e facendo l'amore,

su umili guanciali,

sotto un tetto di stelle,

dove il susseguirsi delle ore è lento,

come la gallina sull'aia.


AI risveglio,

l'inquietudine riassale

e si vive il ricordo di stanze chiuse,

di sogni ripudiati

di angosce prostrate.

di Ernesto Gaudino (1977 )


la prossima , a  comporla non è un Poeta ma   un cantautore di casa nostra . A tanti è piaciuta anche come poesia .


- Sfiorivano le viole https://youtu.be/e55CBpnJoAs

L'estate che veniva con le

nuvole rigonfie di speranza

Nuovi amori da piazzare sotto il sole


Il sole che bruciava, lunghe spiagge di silicio

E tu crescevi, crescevi sempre più bella


Fiorivi,sfiorivano le viole

E il sole batteva su di me

E tu prendevi la mia mano

Mentre io aspettavo….


I passi delle onde che danzavano

sul mare a piedi nudi

Come un sogno di follie

venduto all'asta


La notte quella notte

cominciava un po' perversa

E mi offriva tre occasioni

per amarti e tu…


Fiorivi sfiorivano le viole

E il sole batteva su di me

E tu prendevi la mia mano

Mentre io aspettavo…te


Il sole che bruciava

bruciava bruciava bruciava

E tu crescevi crescevi

Crescevi più bella più bella


Fiorivi sfiorivano le viole

E il sole batteva su di me

E tu prendevi la mia mano

Mentre io aspettavo te


Mentre io aspettavo te

Si lavora e si produce,

si amministra lo stato

Il comune, si promette

e si mantiene a volte…

Mentre io aspettavo te


Il marchese La Fayette

ritorna dall'America

Importando la rivoluzione

e un cappello nuovo

Mentre io aspettavo te…


Ancora penso alle mie

donne quelle passate

E le presenti le ricordo appena

Mentre io aspettavo te…


Otto von Bismarck-Shonhausen

realizza l'unità germanica

E si annette mezza Europa

Mentre io aspettavo te..

Michele Novaro

incontra Mameli

e insieme scrivono un pezzo


Tuttora in voga

mentre io aspettavo…te

Rino Gaetano ( 1976 )

Rimasto profondamente legato alle sue origini calabresi, rifiutò ogni sorta di etichetta e, a differenza di numerosi suoi contemporanei, evitò di schierarsi politicamente. Nonostante questo, i suoi componimenti non mancano di riferimenti e critiche alla classe politica italiana e calabrese . Queste sono le canzoni che fanno venire anche la pelle d'oca . Il tratto sarà anche soggettivo ma questa canzone , indipendentemente dal proprio gusto, è pura poesia dove chiunque debba pur provare qualcosa.

I Ricordi dell'Acqua

….alcune memorie legati alla prima gioventù

Non c’era, dunque , l’acqua nelle case e non c’era la lavatrice. Le nostre mamme quando non trovavano un po di “ Trattiagnu * “ e dovevano lavare ‘na cista de panni “ erano costrette a portarci appresso.

E li non è che si trovava il parco giochi. Si andava di malavoglia ed era un luogo duve “ ni ‘ncrisciamu , e basta “. Già il posto metteva tristezza . Non era luminoso ed aveva spazi ristretti soffocati da una fitta vegetazione. La mamma preparava ‘nu gurnale “ e si addobava le pietre per lavare . Ogni Donna , abitualmente, aveva una sua “petra liscia “. Era il suo posto.

* Trattiagnu : trattenere- Si domandava ad una vicina di accudire il figlio/a per un determinato tempo di necessità. Poteva essere breve o prolungato a seconda che la vicina , avendo un figlio di pari età ,li metteva a giocare.


Il Paesaggio

La prima riflessione è che ognuno ha una consapevolezza precisa sul paesaggio che fa a sua volta emergere un elemento peculiare . Il paesaggio è virtualmente conosciuto come una distesa di luoghi che, tra privati e demaniali, appartengono a Jacurso Comune e ai Jacursani.

Il dato negativo rileva, purtroppo , che sono pochi coloro i quali conoscono realmente il territorio e ancora meno quanti hanno consapevolezza sul significato dei toponimi che caratterizzano principalmente le zone montane . Serra Pelata - Serra del Gelo - La Fossa della Neve - Il Passo di Catanzaro ....

Dove si interrompono le Serre , dove si incontrano numerose sorgenti e dove ancora restano i segni degli antichi tratturi e delle strade che formavano quadrivi e si dipartivano verso l’Istmo , per le zone interne delle Serre ( San Vito , Cenadi , Chiaravalle , Serra ) o per la costa Jonica (Satriano …)

Posizione geografica, bellezze naturali , boschi , sorgenti , fiumi , strade . E Faglie .Perchè il nostro è un territorio dove le faglie partono e arrivano sino a Gioia, sul Tirreno e a Stalettì (Caminia ) sul versante Jonico . E non manca la faglia traversale.

Si conosce , pure, poca cosa sui fatti del passato anche se alcuni esiti importanti si sono trascinati sino ai giorni nostri . Ma non c’è da preoccuparsi. Anche gli Amministratori del circondario disconoscono  i limiti comunali e ignorano vertenze e contenziosi .

Vicende rilevanti per la tutela degli interessi comunali che nel futuro o già nel presente potrebbero avere ricadute sui destini del territorio. Proprietà e concessioni delle acque e dei terreni che , per citare il più longevo , intentato dalla dinastia del Duca di Monteleone Aragona Pignatelli Cortez e altro dal Duca della Scaletta .

Per l’associazione KaloKrio gli argomenti trattati sono diventati il frutto di un lavoro appassionato e sufficientemente condiviso non solo tra i soci ma dagli amici lettori e altre Associazioni mentre una fattiva collaborazione si è stabilita con l’Amministrazione del Sindaco Serratore che sta già impegnando quanto necessario per la rimozione di quelle che sono diventate discariche diffuse e per il qual motivo Jacurso sta mantenendo il timone di quella Unione dei Comune che ha perso da tempo il senso dell’istituzione.

Le Stagioni

Come nascono le stagioni: Primavera, Estate, Autunno e Inverno? Cos'è il solstizio? Cos'è l'equinozio? Quando entra l'estate? e la Primavera?

Queste sono domande che i ragazzi studiano a scuola e che ritornano anche in età adulta e sono alla base della vita della terra, per tale motivo è bene capirne il funzionamento.

Sappiamo che la terra impiega un anno a girare attorno al sole (moto di rivoluzione) e nel contempo ogni giorno gira sul proprio asse (moto di rotazione), quest'ultimo però non è perpendicolare al piano di rotazione (piano dell’eclittica) ma inclinato di 66° e 33' (come si vede nell'immagine in basso).

Attenzione, se consideriamo l'asse ortogonale al piano dell'eclittica allora l'angolo con l'asse terrestre è di 23 gradi e 27'. Nel grafico in basso si vede in modo chiaro le due differenze di calcolo.

È proprio l'inclinazione della terra a generare il fenomeno delle stagioni, la differenza tra il caldo d'estate ed il freddo d'inverno deriva dall'angolo con cui il sole colpisce la terra.

Mappa rivoluzione della Terra

Nella mappa in alto si vede come in inverno, per effetto dell'inclinazione, il polo nord e tutto l'emisfero boreale (dall'equatore al polo nord) sono piegati "fuori dal sole" e formano con i suoi raggi un angolo di circa 23 gradi.

Viceversa in estate (nell'emisfero boreale) potremmo dire che la terra risulta piegata verso il sole ed in tal caso i raggi colpiscono la parte alta della terra con un angolo di 70 gradi.

Attenzione il caldo estivo non è dato dalla distanza dal sole (anzi dal 3 al 7 luglio la terra si trova alla massima distanza dal sole, chiamato punto di Afelio) ma proprio dall'angolo dei raggi solari.

Nell'immagine in alto vediamo che se i raggi del sole (possiamo simulare con una torcia elettrica) colpiscono con un angolo vicino ai 90 gradi (quindi quasi ortogonalmente) la terra, l'area illuminata è minore e l'intensità maggiore, mentre nel caso indicato dall'immagine di destra i raggi coprono una superfice maggiore disperdendo l'energia (luce e calore). I fenomeni delle stagioni ovviamente seguono un andamento inverso se si considera la zona boreale (nord) o la zona australe (sud), quindi quando nella parte alta della terra l'angolo sarà al massimo nella zona sotto l'equatore (es. in Australia) avremo l'inverno.

 

Acque appena cerulee e non propriamente bianche. No, non sono sporche o inquinate. E' la " Pilla " del Pilla. "la pijha ", in dialetto locale, sta a significare  una polvere grigiastra che tale diventa asciugando sui bordi del fiume. E' trasportata dall'acqua di cui ne fa parte.

Una sorgiva nel territorio di Jacurso e la presenza di un inquinante  frutto del gesto maleducato di un ignorante. Ignorante : Più o meno colpevolmente sfornito delle capacità o delle nozioni richieste, Privo di istruzione o di cultura, incolto. E' necessario istruire e informare ma in televisione si continua a friggere in qualunque ora e mostrare le donne scosciate.

Un alluvione abituale di fine agosto. A Jacurso

Una piacevole escursione di osservazione  su iniziativa di KaloKrio e protezione civile con l'Amministrazione.

Parte del Reventino che si vede da Jacurso. Nella gobba  sbuca, innevato, il Pollino ?

 

 

.................

franco casalinuovo  Ass.Cult. Kalokrio   jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-6.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante