Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Una Settimana di Eventi

Trame  a Lamezia   Una settimana di Even... Read more

Aliante sul Mediterraneo

  A San Pietro Maida il Gran Galà del prem... Read more

Per non Dimenticare

Piazza della Loggia Martedì 28 maggio 1974: a... Read more

La Repubblica

Per meglio comprendere il significato del 2 ... Read more

Era il 24 maggio di 104 anni fa

    Sciaboletta , l’Inutile strage di Capo... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Franceschina Pullì   Read more

Educazione alla Salute

  L’Evento sul  “Gelato di Jacurso “ è già ... Read more

La Giornata del Gelato

Dalla Sciurubetta al Gelato Artigianale All’... Read more

La Festa di Aprile

  La Festa di Aprile Si celebrava oggi,ulti... Read more

Un Brutto Clima

Il  16 febbraio si era tenuto un incontro sul tema “ Quali prospettive  di sviluppo in un comprensorio  che comprende  più comuni “  pensato  e finalizzato  a porre   qualche stimolo  in seno alla Unione dei Comuni “Monte Contessa “ che , dopo la entusiastica partecipazione   della sua fondazione ....   si è limitata ad alternare la Presidenza  annuale deludendo, per mancanza di fatti concreti,  le aspettative  delle popolazioni.

 

 

In quella riunione , l’Associazione Kalokrio proponeva di osservare lo stato di degrado ambientale e monitorare lo stato di salute  non solo del proprio ma anche dei territori limitrofi  che interessano i comuni dell’Unione  : di Cortale , Jacurso, Maida e San Pietro  considerando che  il comune di Curinga  aveva consegnato al passato  l’identità di appartenenza trasferendosi in altri  più meritevoli  ambiti territoriali.

Per tale obiettivo e  partendo dal basso ,  venivano coinvolte altre associazioni quali Borgo Antico di Cortale e Costa Nostra di Curinga  che in altre circostanze aveva mantenuto fondate le radici alle falde del Monte Contessa. L’incontro proposto e organizzato dall’Amministrazione di Jacurso  registrava  l’adesione del  Sindaco di Maida  e  di Lega Ambiente  riuscendo  a coinvolgere l’interesse di una diffusa  parte di cittadini con una larga partecipazione di ascolto .

In quella serata per il Comune di Maida era presente il Sindaco Paone  mentre l’associazione  “ Costa Nostra “ di Curinga partecipava con il suo Presidente Iemme.

Tre esperienze a Confronto

Per quanto riferitoci dall’associazione “ Costa Nostra “  si è appreso  delle potenziali risorse del litorale marino mettendo tuttavia a  nudo anche le esigenze  e le problematiche che permangono  su quel  litorale , soggetto non solo alla scarsa attenzione politica ma colpevolmente all’incuria  e al degrado per i continui sversamenti di rifiuti  da parte di soggetti non educati  e irrispettosi per l’ambiente. Poco o quasi niente si è potuto dialogare  per la zona collinare e montana essendo “ Costa Nostra “ impegnata solo sulla costa.

Come è notorio ha  prevalenza   collinare e montano, invece, il territorio di Jacurso  ma con le stesse problematiche evidenziate  sul litorale marino . Paesaggi contaminati solo in parte dai parchi eolici , non abbrutiti  dal cemento  e con la prospettiva di una agricoltura ancora sostenibile  ma da cominciare ad attenzionare  e  necessariamente da  regolamentare  per tutti gli accessori , alcune strutture mancanti o da adeguare  e degli  indotti consequenziali di cui ha bisogno. Energie , Acqua , Interventi di Forestazione e Consolidamento  , Irrigazione  e Viabilità in particolare.

Il territorio di Maida è molto più vasto, anche per il ruolo politico assunto come  Feudo nel passato ; comprende una estesa zona marina e una limitata  fascia collinare  che, interessando il limite territoriale con jacurso , necessita di una fattiva collaborazione  mirata a comuni interessi.

Jacurso e Cortale detengono   I territori con una natura collinare e montana dove non mancano  le  risorse paesaggistiche  di notevole  interesse  e  le aree a vocazione agricola che al momento restano male utilizzate perché con reddito poco remunerativo e pertanto viene osservata un’azione scarsamente attiva .

Quale Finalità e quale intento.

In mancanza di una qualunque ipotesi da parte  dell’Unione , che non è stata mai partecipata alle popolazioni, con questo primo incontro si è tentato di dare voce e visibilità a tutti quei soggetti che in vari modi e in diversi ambiti  si prendono cura” del Comune di appartenenza , del suo territorio, del suo ambiente naturale, dei suoi beni culturali, delle sue tradizioni, del prodotti … In  una parola, dei suoi “beni comuni”. Dei piccoli e grandi patrimoni, palesi o nascosti che siano .Restava questo   l’obiettivo di quell’incontro del 16 febbraio dal titolo: Ambiente ,Territorio e Ipotesi di Sviluppo.

Non sappiamo quanto e cosa sia stato prodotto in seno a questa Unione ma in un incontro promosso ad Acconia  anche dalla stessa Unione , sul Dissesto idrogeologico, la partecipazione dei suoi rappresentanti è stata meschina come scarsa la partecipazione pure su un aspetto troppo triste per i danni materiali al territorio , all’Agricoltura ed alle persone avendo conseguito giovani vittime.

 

Madama Laura : Terre umide e sorgenti di acque copiose.

 

Il 15 marzo è la nuova Giornata della Terra

E sono,ancora , i cittadini attivi nei borghi e nelle città del nostro Paese a dare  visione al Pianeta che ci ospita e del quale gestiamo senza alcuna attenzione un pezzetto di territorio che sentiamo nostro.

Ma  a movimentare l’attenzione e la cura per  un pianeta ammalato ,sono anche alcune grandi organizzazioni diffuse da tempo in tutto il Paese, che nella loro azione , puntano ad una più radicata e solida cultura della valorizzazione e del rispetto delle risorse e delle persone. Per questo l’evento ha una valenza “politica”, nel senso più ampio del termine, perché l’Italia che vuole rendersi visibile come “soggetto collettivo” rappresenta di fatto un’alternativa all’Italia del rancore, del risentimento , degli interessi e  quindi dell’egoismo. Per il triste momento politico che fanno vedere quanto il nostro paese rimane incapace di intraprendere anche un misero progetto di vita per gli italiani.

Anche sul Clima pare che le strade annunciate non siano mai state aperte e che il gravame per le conseguenze  climatiche  lasciano le cose come son piovute e chi vivrà .. vedrà !

Inquinamento da inciviltà : Nei pressi di una sorgente ,la carcassa di un elettrodomestica. Considerato il luogo come distanza ,non certo come rispetto, e la fatica a scaricarlo, viene da chiedersi la convenienza del gesto...economicamente conveniente.

Come le strampalate dichiarazioni del Presidente americano  sul clima : “ Quella cagata del riscaldamento globale “ o  di nostri sedicenti giornalisti  / opinionisti al soldo,  per non dire al tozzo del padrone , dell’impresario o della multinazionale che gli da vivere. E in questa confusione di interessi  non la stiamo vincendo la battaglia per salvare il mondo dai catastrofici effetti del riscaldamento globale. Che chi ne capisce  di scienza …dice , urla , scrive ma viene  smentito, quasi con " pari cultura ", dalle veline della politica o da quei politicanti che tengono stretta la preda tra le “zzanne”.

Per limitare l’aumento della temperatura globale , infatti , gli impegni presi dai singoli Stati a Parigi nel 2015  sono rimasti ancora largamente disattesi o solo scritti sulla carta mentre nel mondo reale continuano ad aumentare le emissioni dei gas serra . Con i Paesi ricchi che non tagliano quanto sarebbe possibile e necessario, e i Paesi emergenti e in via di sviluppo che spingono sul pedale dello sviluppo tradizionale.

Sono gli scienziati a dirci che dobbiamo arrivare a emissioni zero massimo entro il 2050 a livello mondiale. Non per recuperare  o ripristinare quanto distrutto ma solo per mantenere quanto abbiamo .

Il Pianeta terra anche se malconcio  “resterà “ mentre a sparire sarà la razza umana. Quindi  bisogna volerlo fare: bisogna elettrificare il trasporto e il riscaldamento, ridurre gli sprechi usando l’energia in modo efficiente, rendere pulita la produzione di energia elettrica, lasciare sottoterra il più possibile gas, petrolio e carbone. I governanti - ma anche tanti cittadini – purtroppo  non vogliono e così assistiamo alle perforazioni sui nostri litorali con l’impedimento della pesca a chi in Calabria di pesca vive da generazioni. E chissà tra questi ragazzi che oggi manifestano  se fra qualche anno sapranno rinunciare  a quelle comodità o vizi che tanto hanno o stanno provocando la malattia del  pianeta.

Anche in Italia questo coraggio (e la voglia di colpire interessi consolidati in campo industriale, energetico e petrolifero) non c’è. E non c’è neanche da questo Governo in carica visto che i 16 miliardi che ogni anno vengono sborsati per incentivare fonti energetiche fossili non sono stati toccati. Il riferimento va alla mancata riduzione  del carbone  che nel  “piano energia e clima “ disattende  tale impegno  e ancora peggio  puntando tutto sul gas , si persiste a negare  lo sviluppo delle energie rinnovabili. Adesso c’è un movimento nel mondo che coinvolge  soprattutto la gioventù ma poi ci sarà  la realtà  e la realtà non sarà fatta di faccine colorate e di girotondi , ma sarà fatta di politiche e di scelte fatte anche di interessi precisi.

Il Sogno , il desiderio e la necessità sta nella possibilità che tra questi ragazzi possa formarsi una nuova classe dirigente non più assillata dalla crescita del Pil ma dalla consapevolezza di essere ancora “ animali umani “.

 

Madama Lauira : nome accattivamente come la voglia di amore cresciuta negli anni su corteccia di questo albero.

 

Escursione e monitoraggio : associazioni , Amministrazione e Protezione civile locale

Non abbiamo avuto voglia di identificare il Modello. Ma è la carcassa di una vettura che in questi giorni sarà rimossa per cura dell'Amministrazione di Jacurso.

Non siamo nelle vallate o montagne del Nord ma appena  vicino alla Serra del Gelo.Nei pressi di Madama laura

Noi stiamo da molti anni vicino alle bellezze e alla salute della Terra.

..................

 

franco casalinuovo ass.cult Kalokrio  jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-10.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante