Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Dipendenti Comunali , Promozione del Territorio ed Emigrazione

Riceviamo  e pubblichiamo la nota pervenuta da... Read more

E' Deceduta

Angela  Dattilo di anni 88   Read more

La Festa di Aprile

  La Festa di Aprile Si celebrava oggi,ulti... Read more

'U Miraculu - La Ciciarata

“ U Miraculu “ Come negli anni che l’hanno pr... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Vittoria  Michienzi   Read more

Un Brutto Clima

Il  16 febbraio si era tenuto un incontro su... Read more

8 Marzo

I piccoli paesi  sono diventati, ormai  borghi... Read more

DONNA

Per questo evento, abbiamo   voluto promuove... Read more

la strina

La Strina /

 

Nell’ arco di tempo che va dall’immacolata sino all’Epifania , Natale significava  un ciclo di momenti religiosi e festivi. Da quella data e  sino agli inizi degli anni sessanta ,  cambiava l’atmosfera abituale in tutte le famiglie e diventava un periodo di attesa .Si aspettava Natale

 

 

{play}images/stories/audio/strinamp3.mp3{/play}

 

Oggi , come si annunciava in qualche comunicazione commerciale, Natale quando arriva … arriva. Cioè arriva o potrebbe essere Natale ogni giorno e con questa premessa cristianamente non arriverà mai. Perché ,per  la Religione Cristiana, Natale è solo il 25 Dicembre. Ma quale atmosfera ?

La campanella all’alba,che annunciava la novena, chiudeva la messa mattutina con quel curioso e liberatorio  “ ite missa est “ di Don Adolfo che dava il via  a caricare le batterie…. Fatte di Tric- Trac e qualche Bomba a muro . Dato fuochi ai Tric- Trac e fatti Trichetraccare  , specie all’uscita delle signorelle, queste   restavano piacevolmente spaventate dagli ardimentosi amichetti innamorati. Faceva freddo e capitava spesso di osservare i “ Ghiaccioli “ in fila sotto le tegole della chiesa . Si correva verso casa , avvolte ‘ntà li fhorzalettuni , e poi la sera ,  in ogni casa , cominciavano a circolare  le castagne ‘nfornate, i fichi secchi da preparare con le noci e le bucce di mandarino , il vino nuovo  - spesso ancora “ agro”- . Si cominciava a preparare perché la fine d’anno era prossima  e dopo qualche nota approssimata di zampogna  , sarebbero apparsi li “ Strinari “.

Nel Jacurso di fine anni cinquanta , case e “ grupi di Case “  erano piene di gente e un po tutta la comunità contadina e artigianale non è che  sfavillava di lire. Per essere stati Casale del Feudo non si potevano vantare né Casati e patrimoni terrieri nè tantomeno capitali monetari.

Qualcuno , per traversie favorevoli, poteva comunque aver credito sia dell’una che dell’altra risorsa e  talvolta  continuava rimanere  brava gente mentre in qualche caso  , raccontano, si allungavano le distanze  .  E  ” Vasciati vrujhu ca passa la chjina  “ era la rassegnazione  di alcuni coloni spremuti da quei padroni. L’ultima dell’anno si confidava nel clima buonista dell’ Epifania, ancora a venire,  e attrezzati di organetto  , fisarmonica e qualche altro strumento battente si andava per le strade a segnare la fine dell’anno ed augurare il nuovo. L’allegria è sempre esistita dove la condizione umana dovrebbe portare alla tristezza.

Era il modo di esorcizzare il malessere e la maniera  per procurarsi qualcosa per chi sentiva il bisogno mentre restava  festaiolo per l’aitante gioventù propenza a vivere qualche distrazione.

Cos’e la Strina

La strina è un canto accompagnato da una melodia che si ripete uguale in ogni strofa  e che si compie   con strumenti molto semplici come la zampogna o la ciaramella, l’organetto e il tamburello. In seguito si aggregarono la fisarmonica con la chitarra e fu  tipica in quella  Calabria Citeriore  che dall’istmo avanza sino ai limiti della Puglia e della Basilicata.

Dovrebbe trarre  origini  certamente latine e  potrebbe risalire al periodo Romano quando Strenna interpretava   la dea degli omaggi floreali e dei doni della terra. Era la fine dell’anno il momento propizio per queste regalie e , nel segno della bontà, si porgevano auguri agli stessi dei , tra amici e conoscenti.

Una canto beneagurante per allontanare le insidie del demonio e quindi del male . Riti antichissimi che , per quel che si legge, portano sempre a riti di  origini pagane.

Ma com’era “ strutturata “ la Strina e come si attuava   nell’abitato  di Jacurso ?

Intanto il Gruppo (esiguo ) veniva composto da sonaturi e cantaturi . Come si diceva da qualche parte ,  gli strumenti erano quelli che abitualmente si imparavano nelle botteghe dei sarti e falegnami  . Fisarmonica , mandolino , chitarra e strumenti a battito . Capitava abitualmente che al gruppo si univano altre persone  ma solo per partecipare all’ascolto della serenata.

Nta l’aria fhridda si sentìa sonare

N’organettu , na pipitula e ‘ na ciaramejha

Che accumpagnavanu na vuce allegra e mungarusa.

Le famiglie non venivano scelte in modo avventato ma, comprensibilmente , con una certa oculatezza di intenti e dinnanzi l’ingresso si intonavano le piacevoli e ironiche strofe  di quel canto . Rimanendo il tempo opportuno davanti l’abitazione si aspettava l’invito ad entrare  e stornellavano allegre frasi di augurio.. Quasi sempre erano accettati e  fatti entrare con gioia e allegria e , allegramente , si entrava suonando , cantando e , augurando,  si indirizzavano  lodi e bellezze della padrona di casa .

L’approccio vicino casa

Ohi fhà… ohi fhà

tu ‘a strina’ m’hai de fhà

e si ‘a strina no mi fhài

un mi muaticu di ccà!…

ed ancora

ma nui restamu finu a la matina,

si prima no mangiamu e nun vivimu.

Chi Diu vi manda tanti buani anni

quantu a lu mundu si spandenu panni…”;

“Chi Diu vi manda tanti buani misi

quantu a lu mundu nce sordi e turnisi…

Un bicchiere di vino, na zzippula e il resto ‘nta a   “ viertula “ che andava a ingrossare le tasche laterali con formaggio , salsicce , castagne , fichi…a volte una bottiglia di olio e di vino  . Prodotti assolutamente locali frutto del benessere  di quella famiglia. !

Il tempo restava limitato a quelle poche mansioni come un bicchiere di vino , gli auguri ,i regali e via per altra casa.

E se di quella  “ casa “ non si apriva la porta ?

Capitava , alcune volte,  che quella porta o portone non si aprivano e che faceva il gruppo dei sonaturi e cantaturi ?

Modificava  la strina augurale dando voce e melodia alta  a quella di sdegno e gli auguri , cantati maleauguranti ironicamente, presagivano  sfortuna a tutta la famiglia:


Sientu nu sgrusciu  de lu tavulatu

chi a lu patrune l’avia  affucatu…

Sientu nu sgrusciu  de lu tavulinu

ca lu  patrone s’impiccau a nnu pinu…

Ammianzu a sta casa pende nu lazzu

Chimmu cadi e mu ti smienduli nu vrazzu !

Parole di  “ ringraziamento “  , intonate in modo burlesco e ridicolo,  mantenevano rima con il clima festaiolo .

E nelle case ? Nelle case si viveva questo momento di euforia collettiva preparando Zzippuli  e  Turdulijhi , Pittiajhi e Vrasciuali ,  cucinandu carne de puarcu  ancora fhrisca , arrustiandu sazizzu , affejhandu fhormaggiu  e inchjiandu fhiaschi de vinu.

Ai crocicchi de li stradi e a lu  muru de l’acquaru , a lu strittu o avanti cicciu si sentia nu sulu adduru !

Li  Zzippuli su fhatti , la limba è puru chjina, Betta pigghjia li piatti ca fhacimu na bbona strina.

Si spalancava la mezza porta . In casa, rimbalzando da fuori , entrava  il suono e il canto dei li Strinari  che osannavano e auguravano , Ringraziavano  e Vantavano quella casa e la famiglia .

Focolare e braciere ospitavano quei giovanotti infreddoliti e poi una tavolata di bicchierini di Alchermes, Anice  rigorosamente preparati in casa insieme all’offerta di  Zippuli , sazizzi e formaggio che finivano in una confortante “ Viertula “ .

Poi i saluti scanzonati in rima , gli auguri e via verso altra casa….


Senza esseri chiamati simu vinuti

e li patruni avimu bon trovati

chjini de gentilezza e cortesia

Fhazzu la strina chi ti suolu fhare

si no tieni nente dunami  n’amaru

Fhammi la strina e non mi la negare

Ca   cu ssu fhriddu no puazzu chjiù campare

Fhammi la strina  e fhammila de dinari

Ca ti auguru mu fhai nu fhigghjiu cardinale …..

Stà canzuna è vecchia e vui la sapiti

Speriamu ca v’è piaciuta e puru gradita

Canta lu gajhu e scuatula li pinni

mo vi dunamu la bonasira e iamuninde


E poi finiva tutto con la viertula chjina !

Lu tiampu sta passandu e mo è matina

Tra puacu nui fhinimu puru la strina


Cos’era la Strina ?

Semplicemente la natura innata della gente di Calabria con il senso della Ospitalità e della Solidarietà.

A Jacurso l’ultima Strina , senza sonaturi , venne fatta da Pino Casalinuovo e , forse, qualcun'altro.. Poi più nulla come le farze... .


A tutti i lettori del Sito Un anno migliore da jacursoonline

 

 

 

franco casalinuovo jacursoonline  ass. Cult   Kalokrio

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-11.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante