Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Per non Dimenticare Mauro Rostagno e Federico Aldovrandi

  Accadde Oggi  a questi due italiani  Rostagn... Read more

Per non Dimenticare Don Puglisi

  Papa Francesco a Palermo ricorda don Puglisi:... Read more

E' Deceduta

Marietta Ciliberto ( Catozza ) Read more

Per non Dimenticare il Generale Dalla Chiesa

La lotta contro il banditismo, la Lotta contro... Read more

Chi 'ssi mangiava 'nta lu Casinu

  Chi si mangiava ntà lu Casinu I fabbrica... Read more

Per non Dimenticare

In nome della legalità Trentanni fa moriva il M... Read more

Per non Dimenticare L' 8 Settembre 1905

  Accadde oggi nel 1905 l'8 settembre del ... Read more

Serena Ciliberto Magistrato

 

 

 

 

Serena Ciliberto -

23  Luglio 2018

Nomina dal Presidente Mattarella a Magistrato della Repubblica Italiana

23 Lug. – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato nel pomeriggio al Quirinale i Magistrati ordinari in tirocinio nominati con decreto ministeriale del 7 febbraio 2018. Erano presenti il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, il Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione, Giovanni Mammone, il Procuratore Generale della Corte Suprema di Cassazione, Riccardo Fuzio, il Presidente della Scuola Superiore della Magistratura, Gaetano Silvestri. Dopo gli interventi del Vice Presidente del CSM Legnini e del professor Silvestri, il Presidente Mattarella ha pronunciato un discorso e ha salutato i nuovi Magistrati presenti alla cerimonia.

Jacurso adesso si può fregiare di due  Magistrati. Dopo la Dott.ssa  Lagani anche la Dott.ssa Serena Ciliberto è stata nominata ufficialmente Magistrato della Repubblica. Per un minuscolo paesino di nome Jacurso , con la gei iniziale che lo distingue , adesso anche la neo Magistrata pone e rafforza un distinguo in più . Erano altri tempi quando tali eventi ebbero a sapersi per i Magistrati Giliberti, Dattilo e Jeradi. Erano anche maschi e suscitarono tanta fierezza per significare l'identificazione in un successo collettivo che riusciva a coinvolgere  anche l'analfabeta persona o più umile  della plebe .

Riconoscimenti ed encomi delle allora Amministrazioni Comunali non ebbero a mancare ma erano i tempi dei nostri nonni . Oggi si rinvigorisce questa fierezza soprattutto per chi vuole ancora bene a queste ragazze meravigliose. Ma il più sta nelle pieghe familiari dove il percorso di queste due figlie è stato assaporato vivendo il travaglio estenuante della carriera di studio.

Il percorso è veramente faticoso e stressante . Una selezione, oltre che per  le personali capacità, compiuta anche dalla burocrazia come si potrà osservare dal riferimento allegato. Poi , però, si fa giorno e ti ritrovi davanti al Presidente della Repubblica che ti ammonisce di essere diventato , da quel momento, un servitore dello stato  in nome della giustizia e della legalità.

Un momento di emozione e di liberazione , cara Serena , perché Lei ha  saputo attendere lunghissimi anni  questo sogno ancora indeterminato nel quale ha sempre creduto e inseguito rinunciando, spesso, alla Sua giovinezza.

E' sintomatico   quanto Serena Ciliberto  scriveva , in versi,  di se e  che, idealmente, sembra racchiudere il primo ciclo del suo progetto di  vita.

Credo di poter chiudere scrivendo che alla neo Magistrata - Serena Ciliberto -  sia rivolto l'augurio per  un proficuo lavoro, convinti che, con la propria verve e capacità, riuscirà a svolgere con scrupolo, coscienza e onestà morale , la propria funzione di servitore dello Stato. Serena Magistrato ha scelto il lavoro più tosto avendo optato per la sezione penale e ha già assunto l'incarico  alla Procura della Repubblica nella città di Perugia.

Buon lavoro


Chiudi gli occhi

immagina una gioia

molto probabilmente

penseresti a una partenza


Ah si vivesse solo di inizi!

Di eccitazioni da prima volta,

quando tutto ti sorprende e

nulla ti appartiene ancora.


Penseresti all'odore di un libro nuovo

a quello di vernice fresca

a un regalo da scartare

al giorno prima della festa


Al 21 marzo, al primo abbraccio

a una matita intera, alla primavera

alla paura del debutto

al tremore dell'esordio


ma tra la partenza e il traguardo

in mezzo c'è tutto il resto,

e tutto il resto è giorno dopo giorno

e giorno dopo giorno è

silenziosamente costruire

e costruire è sapere

e potere rinunciare alla perfezione.

serena ciliberto


COME SI DIVENTA MAGISTRATI

La prima strada percorribile è quella di ottenere il titolo di “Avvocato”, la seconda quella di conseguire il diploma della scuola di specializzazione per le professioni legali. Entrambe le scelte implicano un tragitto che, se percorso senza intoppi, dura non meno di tre anni.

Per iscriversi alla scuola di specializzazione, innanzitutto, devi laurearti entro un determinato mese dell’anno che coincida col bando altrimenti dovresti attendere altri tre anni per il nuovo Bando. Intanto bisogna frequentare anche il praticantato presso uno studio legale e si arriva a sostenere l’esame di avvocato.

L’esame è cinico. Tre prove in tre giorni, i risultati non prima di sette mesi. Se sei promosso allo scritto dovrai sostenere la prova orale dopo un periodo variabile dai tre ai dodici mesi dall’uscita dei risultati. , se passi l’esame al primo tentativo avrai impiegato dai tre ai quattro anni dalla laurea.

Il concorso in magistratura impone anche un’infinita “costanza che significa regolarità, concentrazione, determinazione, perseveranza e tenacia nello studio e nel voler raggiungere la meta.

Costanza vuol dire anche continuità nel devolvere migliaia di euro in libri, codici e manuali che, il più delle volte, un mese dopo il loro acquisto sono già vecchi, per non parlare degli altrettanti soldi da spendere in corsi specifici che ti preparino adeguatamente alla prova.

La prova di Esame

Arriva il giorno degli scritti: tre giorni, orari allucinanti, attese snervanti ,otto ore di tempo per consegnare il tema. Tutta la pressione sta per scoppiare !

Nell’eventualità in cui dovessi superare l’esame, e quindi diventare magistrato al primo tentativo, allora saranno passati cinque anni dalla laurea, dieci considerando i cinque anni di università.

 

 

 

franco casalinuovo  www.jacursoonline   kalokrio

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-13.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante