Notizie Scorrevoli

Per non Dimenticare Moro

  A trentasette anni dal sequestro di Aldo Mor... Read more

Due Giornate sott'Acqua

Le giornate da dedicare all'Ambiente , all... Read more

M'illumino di Meno

    L'inquinamento  Luminoso La luce per l... Read more

E' Deceduta

E decedura Maria Provenzano di anni 62   Read more

Il 25 Aprile

 

Quel primo venticinque Aprile

La guerra non era finita ma irrimediabilmente era già perduta e le truppe tedesche risalivano, quasi ordinatamente, dalla Sicilia per  attestarsi su quella che chiamarono la Linea Gotica . Ai nostri abitanti  di quella linea non interessò mai nulla quanto invece la certezza che i  tedeschi stavano per arrivare.

Per paura si stava già in allerta e in tanti si erano attrezzati  nelle case di campagna .   Dove passavano i tedeschi  ,  era solo stato  detto alla popolazione , facevano razzie e poi saltare i ponti .

Le colonne tedesche erano ben fornite di carte e a conoscenza  di tutta la viabilità minore , avevano fretta di risalire la penisola ma allo stesso tempo  la necessità di sfuggire alle aviazioni  nemiche , inglesi e americane. Per non esporsi  dovevano,  necessariamente , allontanarsi dalla litoranea  e preferire la viabilità interna . Anche per questo motivo la colonna tedesca ebbe a percorrere la allora Strada Provinciale che passa ancora  per Jacurso.

A Jacurso , dai racconti dei nostri anziani , la colonna si fermò  e sostò per molteplici motivi. Intanto i blindati furono fermati nelle zone alberate per sfuggire agli avvistamenti degli aerei , per le necessarie manutenzioni ma soprattutto per il ricongiungimento con le  altre truppe in ritirata .

Per  l’arroganza che si adopera  in tempo di guerra i soldati  seppero farsi  rifocillare dagli abitanti, piazzarono più di una mitragliatrice e quando ripresero la marcia  non tutti partirono insieme. Un drappello  restava  nelle retrovie , poi minavano i ponti .  Pochi lo ricordano ma per parecchio tempo si disse “ lu Ponte de Lignu “ . Appunto , prima del ponte sul Pilla , quello che si conosce come il ponte di Cortale.

Fatta saltare la breve arcata , fu riattivato, alla buona, con soluzioni e materiali recuperati sul posto  . Legname dai castagneti vicini.

Proseguendo, “ si disse ”  tra Girifalco e San Floro, fu anche abbandonato,  su uno dei  ponti , un mezzo militare   . Presumibilmente in avaria e volontariamente ,credo,  da farlo vedere agli aerei inglesi.Comunque anche un espediente  perché , imbottito di esplosivo,   venne mitragliato e bombardato  con le conseguenze nefaste per lo stesso ponte.

A jacurso, i tedeschi furono autoritari ma non cattivi , dissero. Qualcuno alzò la voce …zittito e calmato come sapevano fare  i tedeschi  di quei tempi.

La memoria non aiuta nessuno ad apprezzare quanto non si è patito e quanto meno a ricordarlo, pertanto, il messaggio resta affidato alla immagine sottostante colma di innocenza. Per il resto affidiamoci ai ricordi in attesa di una nuova Liberazione.

 

 

 

 

 

 

 

francocasalinuovo  ass.cult.kalokrio   jacursoonline

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-7.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante