Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

prova

"La prima notte ho dormito in auto". Inizia così l... Read more

Per non Dimenticare Mauro Rostagno e Federico Aldovrandi

  Accadde Oggi  a questi due italiani  Rostagn... Read more

Per non Dimenticare Don Puglisi

  Papa Francesco a Palermo ricorda don Puglisi:... Read more

Per non Dimenticare Cento Anni

  Quel giorno, nel 1918, l’esercito dell’Aust... Read more

Stefania Trino - ricercatrice

La Dott. ssa  Stefania Trino. Fa parte del c... Read more

Per non Dimenticare il Generale Dalla Chiesa

La lotta contro il banditismo, la Lotta contro... Read more

Per non Dimenticare

In nome della legalità Trentanni fa moriva il M... Read more

Per non Dimenticare

Ormai lu cchiù è fhattu ! Era il ritornello che girovagava in testa .Continuava con questo pensiero ricorrente  quello che rimaneva  di un paio di scarponi  sottratti ad un soldato tedesco  a cui quegli scarponi non servivano pìù ........

 

Ormai lu 'cchiù è fhattu         da: un racconto breve -   autore Dastoli Domenico

Ormai lu cchiù è fhattu ! Era il ritornello che girovagava in testa .Continuava con questo pensiero ricorrente  quello che rimaneva  di un paio di scarponi  sottratti ad un soldato tedesco  a cui quegli scarponi non servivano pìù . Erano due numeri  “ più grandi “  e i suoi piedi ci sguazzavano dentro ma servirono ugualmente a proteggere i suoi piedi dalla neve dalle pietre , dal fango , dalle spine  e chissà da quante altre cose. Ogni tanto quando poteva trovava un luogo dove ripararsi , cioè fermarsi e riposare  senza correre grossi pericoli  , si sedeva , toglieva quei pesanti scarponi troppo  scomodi  , si massaggiava i piedi  e le dita con tanto vigore sino a trovar sollievo. “ Ndà fhacistivu caminu ! …’mò  …’mò  mi dassati ….. lu ‘cchiù è fhattu e incoraggiava se stesso e le gli scarponi .

La strada era lunga in mezzo ai filari di vigna e , in lontananza , voci di bambini portate dal vento   insieme all’abbaiare dei cani  lo rincuoravano  perché forse era in prossimità , forse , di un riparo .

Lui , però, trasaliva ad ogni rumore sospetto e pensava che non era possibile averla scampata dalle pallottole vere e  soccombere per una coltellata a tradimento.  Aveva imparato sin da piccolo , a camminare scalzo ed ora a breve distanza da una casa di campagna  non si rimise quelle scarpe, legò le stringhe  e li mise a tracolla.

Avvertì i cani che si avvicinavano rabbiosi  e gridò, cercò di gridare ma la sua voce , non più abituata a gridare  cadde tra le stoppaie di quella parvenza di strada sconquassata e inaridita  dall’acqua , dal caldo e dal vento mentre i cani si portavano correndo sempre più vicino. Poi, quando furono a viso aperto , cadde qualunque ostilità perche cambiarono tono,non ringhiavano anzi  scodinzolavano  le code.. Lui parlò  e …si capirono .

Da lontano si intravide  l’andare lento di un contadino , un contadino coi panni da lavoro e la bontà degli uomini che portano la sofferenza della vita. Il sole gli batteva in faccia e spostò la visiera della barretta, consunta e sbiadita , per poter guardare meglio chi si districava tra i filari della vigna.  E’  ‘natru gridò alla moglie, porta la vozza ca sicuramente ha site  e acquietò i cani che già istintivamente  si erano molto accucciati.   Salute …Salute  !  Si guardarono negli occhi  senza altra parola mentre uno ,  due e tre bicchieri  bastarono  a lenire la  gran sete di Vito.

Guardò quella vozza e guardò quel bicchiere . Lo guardò a lungo e condivise che quel bicchiere lui lo conosceva prima della guerra .  Apriva  la spinnoccia della damigiana di vino  , lo riempiva e lo porgeva senza farne cadere un sola goccia. Ma quello era un bicchiere  come della sua bettola !. A volte qualcuno lo restituiva perché  aveva la “ chjirica “ non era colmo sino all’orlo e lui con pazienza lo colmava e lo restituiva. Era un bicchiere pesante , ruvido …da bettola !

Lo prese quasi piano piano  e lentamente  assaporò il piacere che solo un assetato può capire .Poi  lo riappoggiò alle labbra e  con gesto deciso bevve d’un fiato…..Restituì il bicchiere e col braccio si asciugò le labbra.

Non era ancora arrivato a Jacurso ma l’umanità di quella famiglia  contadina quasi lo aveva fatto sentire già a casa.  E dalle vigne di Santa Fhemia cominciava a sentire odore di casa sua .

Antonio si ritrovò , invece , a Napoli tornando da  Dacau. A dacau non era andato da emigrante ma lo avevano trasferito dalla Grecia  i tedeschi . Non  come facevano gli inglesi in India o in Inghilterra ma in un campo di concentramento . Alcuni dei nostri non tornarono più mentre Antonio e Michele ebbero le traversie giuste per scampare e tornare a Jacurso.

Campo tedesco di detenzione. " Ospitò " un nostro soldato.

Quelli che tornarono non sempre trovarono ,però , un ambiente sereno . Le malattie che si erano portate addosso li costrinsero a volte ad un isolamento ostile quanto la prigionia.

…………………………

 

Non solo Dachau e Auschwitz

Acutil

.

Quel giorno ha sancito la sconfitta dell’Italia , sosteneva qualche nostalgico ma se quel giorno non fosse esistito , ho replicato , non saremmo    qui a parlare e a ripensare, in libertà ,  ciò che è accaduto. Questa libertà è quanto ha reso simili  noi e quelli che non la pensano come noi . Un altro della dinastia  , l’ultimo Vittorio Emanuele, che, a parer suo e pubblicamente  sostenuto ,  l’olocausto e le leggi razziali sarebbero state ben poca cosa dimostrando così  come dalla casata Savoia abbia ereditato scarsa sensibilità e denutrita intelligenza . Elementi tipici che hanno caratterizzato le ultime generazioni dei Savoia .

Il peso della Memoria è importante e , in questo caso ,  “ conoscendo  o  ricordando“  è il modo di celebrare democraticamente tutto ciò che è accaduto per rifiutare  quel passato. Quelle leggi razziali , direi Razziste , scritte così meticolosamente , avrebbero impedito ad qualunque   cittadino ebreo ogni possibile spiraglio di salvezza  , come lo impedirono agli omosessuali , zingari e oppositori.

Oggi distrattamente , cioè senza approfondire i contenuti, si legifera spesso producendo errori vistosi per  incongruenze  , mancanza  di chiarezza se non addirittura carenze tali da non consentire l’approvazione della  legge.   Le leggi razziali pare siano state , invece , un capolavoro  di perfezione!

Giovane soldato di Jacurso : Buccafurni Francesco di Antonino muore per " Malattia " in un Lager Tedesco

Portare la salma di un re che firmò quelle leggi , che scappò  lasciando soli gli italiani e allo sbaraglio  gli alti comandi   dell’esercito non potrà mai giustificare il senso di umanità che questo savoia non ebbe per gli italiani

.

E fu l’unico Re ,in Europa , a firmare , appoggiare e mettere in atto quelle norme che segnarono l’abbandono e la discriminazione  dei suoi cittadini   disobbedendo a quello  statuto  sul quale aveva pure giurato , per difendere la dignità e la vita dei " suoi " Italiani . Quali ?.

......Puzzano più da morti ...che da vivi  ... dicevano


In questi giorni  si è “ italianamente “ riscontrato   qualche cortocircuito nel comportamento delle nostre Istituzioni. Da una parte,  con tutti gli onori  , viene nominata senatrice a vita la Sig.ra Segre , che ha tenuto alto il ricordo di quanto accaduto nel 1938  ma  nello stesso tempo queste stesse istituzioni hanno  fatto risaltare e onorato  il ritorno del Re  Savoia in Italia . La costituzione non prevedeva il ritorno  della salma di questo re che ha firmato  le leggi razziali ,che li ha controfirmato , le ha sostenute , le ha appoggiate e ha fatto si che entrassero in vigore .

"L'Olocausto e le leggi razziste " per l'ultimo Vittorio emanuele sarebbero state, anche, cose da poco !

E’ rientrato con un volo militare , all’aeroporto ha avuto un picchetto d’onore , al  santuario il rappresentante della prefettura , carabinieri in alta uniforme , sindaco,…mi chiedo come è possibile  un cortocircuito di questo tipo .

Da una parte stigmatizziamo le leggi razziali , meglio scrivere razziste ,  e dall’altra parte onoriamo chi quelle leggi razziali li ha firmate, controfirmate  consentendo che procurassero quei danni disastrosi  80 anni fa . Ma lo si fa per umanità.

Con la stessa umanità quando a jacurso , una piazza importante del fascismo provinciale , finiva in cella, per motivi giustificati di ordine pubblico ma ufficialmente per altre motivazioni  , un certo   …. Antifascista che avrebbe  dato fastidio alle manifestazioni di piazza programmate .

Nomi e Cognomi di confinati o sfollati  riparati a Jacurso durante la seconda guerra

 

 

Italiani in Africa   ...Brava Gente


 

 

 

 

 

per jacursoonline        franco casalinuovo

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-5.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante