Notizie Scorrevoli

prova

"La prima notte ho dormito in auto". Inizia così l... Read more

Per non Dimenticare Mauro Rostagno e Federico Aldovrandi

  Accadde Oggi  a questi due italiani  Rostagn... Read more

E' Deceduta

E' deceduta la Sig.ra Serratore  Rosa   Read more

La Via Del Cuore

      La Via del Cuore Sono trascorse poch... Read more

Per non Dimenticare Don Puglisi

  Papa Francesco a Palermo ricorda don Puglisi:... Read more

Per non Dimenticare Cento Anni

  Quel giorno, nel 1918, l’esercito dell’Aust... Read more

Tre Poesie

Nella società contadina ,vista al femminile , la donna sta in casa e attende al governo della famiglia svolgendo , anche , lavori di maglieria o al telaio a preparare la dote. E’ poco usuale vedere, per strada, una “ ragazza schietta “ e se la incontri si “ arrimìna “ a camminare pure in fretta. Tra i vicoli in modo particolare !

Esuberanti e irrequiete danno sfogo al loro concitato spirito e cantano , spesso ,da sole o in compagnia , canzoni varie, canzoni dolci d’amore, quando stanno in casa o nei campi durante la mietitura , la vendemmia e , meno , quando si raccolgono le olive.

A tarda sera, quando tornano dalla campagna e si fermano alla fontana , ripeteranno i vecchi ritornelli che un tempo non lontano cantavano le loro mamme: dalle quali  hanno appreso tutto !

Le processioni diventano un altro modo  “ occasionale “ per sentirsi inondare del profumo giovanile e ‘Ntoni , giovane contadino , inebriato dalla vicinanza femminile , ne comprende  l’intenso significato e , da quel momento , inizia a vivere in uno stato di ardente  eccitazione. Ma per Cuncetta e Rosa la melodia non è di meno se “ lu juarnu senza core mi fhai jire e la notte mi fhai perdere lu suannu !

 

In tutte le storie primeggia sempre l’amore  e la bellezza delle giovani donne.  Spesso lo scopo dichiarato degli autori che scrivono le piacevoli storie , è  anche quello di salvare dall’oblio i vocabuli perduti del dialetto come dice Domenico Vono della vicina Curinga o come  Michele  Dileo nel suo poemetto in dialetto “ A Vasata “ che, nella mirabile e appassionata presentazione  dell’Avv.Sorace , augura di custodire …le voci  , gli sguardi …le passioni forti. Ma prima spinge a fermarsi per intuire in quegli sguardi , passioni e voci il significato intenso dei vocabuli.

Per questo trascriviamo qualche parte del Poemetto.

Le altre poesie riprendono il malessere del Sud e gli espedienti della gente del meridione.

" Condividiamo e non accetteremo mai che il cuore del Sud debba fermarsi per l’indifferenza e per la colpevolezza della gente che ha governato questa terra " .

" Cercheremo  ancora  il coraggio di una "civiltà" che è resistita per secoli alle dominazioni straniere, al feudalesimo, alle incursioni dei barbari, all'autoritarismo e alla repressione, al sistema clientelare dei "notabili" di ieri e dei "potenti" di oggi.

La  "Notte del Sud " è ancora  lunga, è stata troppo lunga per non farci invocare, con tutta la rabbia civile che può avere un popolo saccheggiato e umiliato dal malgoverno locale e dal sistema clientelare.  Quell' "Alba Nuova" che bisogna conquistare e non continuare solo ad aspettare.

da  …E cuamu ti vinna …a menta ! è tratta ,invece , la poesia " L’assicurazione."

Gente di montagna ! Contadini e carbonai , per dirla in versi , sono come il passero. Il Passero birbante , magro e ladro che ti guarda di sbieco , che vola dal tetto e cerca la spiga…..

francocasalinuovo  per jacursoonline  e  ass.cult kalokrio


 

 

la Processione...de 'Ntony

 

La processione: "lu giovanottu s'affhjancau " . Due ore,quasi , di piacevole appagamento

 

Cuncetta cu la mamma  s’accudau,

lu giovanottu prontu, s’affhiancau !

Cercava mu sta accorta, nommu arretra

avìa lu core sutta di na petra.

Cu passu luongu, lesta, trachijandu, *    * camminando di sbieco,dondolandosi

ma ihju sempre ntornu, rotijandu. *         * girando attorno

Volìa mu nci dichiara l’amure sue°,           °suo

parìa la lapa° ntornu di lu fhjiuri.              °ape,vespa


Mustrava pretendenza cuomu è d'usu,

cu fhaccia fhrisca, tuttu pampinusu. *    * con aria da pavone, pieno di foglie

Hjìu ripetiendu sempre sta finzione

fin'a la fini de la pricessione.


La strata pe' la casa la pigghjiaru,

a lu puntuni fhiermu lu ncuntraru:

nu pedi nterra e n'atru a lu murieju,

c'allazza fici finta lu cordeju. *              * il laccio della scarpa


 

Rosa pigghjiau mu mina strancalati, *             * passi lunghi

Ihju cu l'occhji li guardava li pedati.


A metà strata di lu Strittu

davanti li sbucau quasi a lu volu.

Cuncetta stroppicau, pe' mala sorta,

nchjianandu lu scaluni di la porta.



Si  preparau la chjiave  cu premura,

ma non trovava cchjiù la chjiavatura. *         * fermatura , serratura

* * *



Rosa spurmunijau * cchjiù de nu jornu   * tentava,cercava di“respirare” verità

mu sape quantu avìa chi  li jhia  ntuornu.

Cuncetta li giurava supa° a cui:              *giurava alla mamma su chi?

"Cu chista e n'atra vota sunnu dui".

Fhaciendu Ntoni nommu pò notari .

di nenti pemmu pò suspettare.



Lu jornu doppu Natale chi passau

rjajima * cchjiù Cuncetta non pigghjiau:     * riposo , respiro, tregua

mentìa la testa supa lu cuscììnu

e pensandu li agghjiornava lu matinu.


Pe' uottu juorni fhu nu mundu mutu °         ° non si disse niente

lu fhattu li parìa c'avìa fhinutu.

Ma la simana appriessu, a la scordata,

lu giuvanottu fhici na passata.


Di vasciu li partìu mu vene susu,

lu peditozzulu * fhacìa ntinnusu°.        * Rumore  delle scarpe ,*faceva rumore



Na chjioma liscia, tutta lucidata,

cuomu nu generale a la parata.

Appena vitti ca la porta è chjiusa

la tussi si sforzau mu fhà cupusa. °     ° tosse cupa, cavernosa da far sentire



A lu tilaru chi tessìa Cuncetta     *al telaio si usa la navetta a forma di barchetta

Li catte di li mani la navetta. *   * passava il filo da tessere per l'intreccio

Lentau mu guarda dintra la fhjiancazza, *    * spiraglio,fessura della porta

quasi ca lu sbirciau fin' a la chjiazza.


Due nottolini in legno, ai lati del " calascindi " , che fermano i due portelli


Li gambi li tremaru cuomu canni,

allegra non capìa cchjiù nta li panni;

cercava pemmu chjiudi lu mandaili *      * nottolino di legno girante


sentiendu na tempesta di grecali *;         * grecale: vento di nord-est

lu focu nc'arrivau fin'a la crozza: *           * testa



cercava  pemmu l'astuta vippe nta la vozza! *   * contenitore  di terracotta

Guatta guardava si torna a nchjianare

mu vidi ncuna mossa chi po' fare.

A la tornata cu nnù passu lientu

L’uacchi girau mu guarda nu momentu.


Cuncetta quasi quasi assicurau ,

era cuntenta ca l’occhiulijau.


Annamurata tantu si sentìa,

puru ca ancora no lu canuscìa


Cuncetta ...era cuntenta ca l'occhiulijau.


Occhjiulijau:

Il linguaggio dialettale , con i suoi vocaboli, riesce ad accostare sostantivi, avverbi e aggettivi in modo da creare nella mente di ascolta o di chi legge, concretamente tutto, lasciando al lettore di immaginare ....senza mai cadere nel volgare.

Cuagghji olivi = cuagghjialivi...in italiano  raccogliere le olive ,  perde tanto di significato

……………………………………………………………………………….

 

 


 

l'Assicurazione

'Nu carvunaru finu d'a muntagna,

fu 'mbicinatu de 'nu vinditura

chi  ‘u salutau e lu chiamau "signura."


Permetta: mi sun de milan, il raggioniere stante,

rappresentante delle generali,

grandi assicurazioni nazionali.


Specialità infortuni sul lavoro.

Se, lavorando voi v'infortunate,

vi pagheremo medici e giornate.


Se, per disgrazia poi perdete un' anca,

c è l'assicurazione ch'è garante,

d'un vitalizio naturaldurante.


"E chistu mo chi bbò?"  dissa tra ihju

lu carvunaru fhacendu li scungiuri,

ca già si senta chinu de doluri.


Ma ihju l'arricchiau, pua dissa 'e botta,

girandu lu discurzu a 'sta manera:

"Assicurarati pur u la mugghiera ? "

Certo! rispundiu prontu 'u milanisa.


Per quanto la volete assicurare?

"tricentu miliuni. Si po' fara?"

e, Bettinuzza vinna assicurata.


'Nghiornata, cu' tantu de contrattu,

pagau la spisa e stringiru lu pattu.


Lu carvunaru mo no' ha cchiù pacia

sà c'ha mu facia ma no' pò sapire

duva e quandu lu fattu ha de vinire.


traduzione

Un carbonaio, furbo, di montagna,

un giorno fu avvicinato da un venditore

che lo saluta chiamandolo signore.

"permetta, sun de milan, il ragioniere stan1

rappresentante delle generali,

grandi assicurazioni nazionali.

specialità: infortuni sul lavoro.

se sul lavoro voi v'infortunate

vi pagheremo medici e giornate.

se, per disgrazia, voi perdete un' anca,

c'è l'assicurazione che è garante

d'un vitalizio natural durante."

e questo cosa vuole? dice fra sé

il carbonaio facendo gli scongiuri;

sentendosi di già pien di dolori.

dopo averlo ascoltato, all'improvviso,

al venditore chiede a malavoglia:

"potete assicurare anche mia moglie?"

certo risponde pronto il milanese.

"per quanto la volete assicurare?"

"trecento o più milioni, si può fare?"

elisabetta venne assicurata,

nella stessa giornata, con contratto;

ha pagato la quota; tutto è fatto!

il carbonaio adesso non ha pace.

dovrà fare qualcosa, lui lo sa,

ma dove, come e quando lo potrà.

a un mese dalla firma del contratto

nel paese è arrivata la notizia

che una tizia s'era fatta male.

s'è detto che un pezzo di ramo,

dopo tagliato, fece un volo

nell' aria e cadde a punta come una freccia,

fu come un tuono, una schioppettata,

e betta cadde come una patata;

quando si alzò da terra era accecata.

nel paese si parla sottovoce

di questa croce senza testimoni,

e dell' arrivo di molti milioni.

col tempo la verità poi venne a galla,

come è successo il fatto s'è saputo:

di dietro, a tradimento l'ha acchiappata.

tra il fumo del carbone che saliva,

lei vide un lampo, seguito da un dolore.

non ricorda più niente che il dottore.

ma proprio un occhio, chiede al carbonaio

la gente, che lo vede sorridente,

spender soldi come un milionario.

e lui risponde a tutti che, bettina,

con uno o con due occhi è tale quale;

tanto, che deve leggere il giornale?

 

 

 

............................

 


CCÀ NO' CANGIA .... NENTe !

Carù Peppe cuomu stai?"
-E chi bbua; sempra accussi;

sempra ccà ...Si tira avanti passijiandu e aspettandu

pe m'arriva lu 'missia!':        CHI?

"Ma chi dici? . .Si a 'stu mundu
già sagghjiru supra 'a luna

e tu ancora stai aspettandu pe' m'arriva lu missia?

Mi pua dara ' na raggiuna?"         CHI?

- 'Stu paisa è moribundu,
pecchì nujhu ccà travagghjia

'Ntr"a 'i potihi no' ssi serra, e, la terra dà gramigna;
no' producia mancu pagghia!-

"E pecchi nuddhufà nenta?"

Siti tutti benestanti?

O aspettati tuttiquanti lu guvernu mu vi manda

'ncuna manu mu vi gratta 'ù mangiasuna?"          CHI?

-Io chi sacciu, tu hai raggiuna!

Su' tant'anni ormai c'aspiettu;

Sugnu stancu e, pe' dispiettu, votu virdi, russi e gialli:
però ccà no' cangia nenta-

" E tu dimmi, tu c'hai hattu

pe' aiutara 'stu paisa

m'adderizra li storturi chi lamienti e bbua cangiara;

hai 'n'idea chi ssi po'ffara? CHI?

Caru Peppa, mi dispiacia,
Ch'ogni annu si' cchiu: amaru;

Sempa cuntra 'sti guverni chi votasti o, chi votaru;
E li cuosi no' cangiaru!

Non 'hai ancora capisciutu
ca lufora no' si cangia

'Nzina a quandu tu no' cangi li pensieri c'hai 'ntra la capu

chi t'allordanu la menta!

No' si stancu de stendira
sempìa manu, cu' 'a speranza

ca, 'nce 'ncunu chi ti l'inchia 'nzina a prossima fermata?

Chi ssin'uomu o 'na vilanza? CHI?

Ogni cosa chi si cerca
'st'ammucciata dintra 'e nui;

ch'u riescia mu la trova cangia 'u cora e cangia 'a menta;

Ch'u no' 'a trova .................. Si lamenta

. ................... CHI?

"Ch'u stà  'a speranza d'attri e no'

cucina, vena la sira e si curca dijiunu!"

 

 

 

traduzione

"Caro Peppe, come stai?"
-Cosa vuoi; sempre così;

sempre quì a tirare avanti, passeggiando ed aspettando

l'arrivo del "messia!" ........ CHE?


"Ma che dici?.ln questo mondo
Son saliti sulla luna

E tu ancora stai aspettando quì l'arrivo del "messia!"

Mi puoi dare una ragione? CHE?


-Il paese è moribondo
Perché quìnessun lavora;

Le botteghe son silenti e la terra dà gramigna;
Non produce manco paglia!-

"E perché nessunfa niente?

Siete tutti benestanti? ..

O aspettate tuttiquanti il governo che vi mandi


Una mano per grattarvi il prurito?   CHE?


-Che ne so io?.Tu avrai ragione;
sono anni ormai che vò aspettando;

sono stanco e, per dispetto, voto i Verdi, i rossi e i gialli:
però quì non cambia nulla!-

"E tu? Dimmi tu che hai fatto
per aiutare il tuo paese

a drizzare le storture che lamenti e vuoi cambiare?


Hai un'idea cosa vuoi fare? ....... CHE?


Caro Peppe, mi dispiace,
di vederti 'si adirato

Sempre contro i governi che hai votato o, che han votato
E, che nulla hanno cambiato!

Tu non hai ancora capito
Che non puoi cambiare niente,

Sino a quando tu non cambi il pensare nel tuo capo

Che influenza il tuo operato!

Non sei stanco di allungare
Sempre e ovunque la tua mano

e, sperare che qualquno, la riempi per un giorno


e, domani? è assai lontano! ....... CHE?

Ogni cosa che si cerca
Sta rinchiusa dentro noi;

Chi la trova può cambiare il suo cuore a la sua mente
Chi, al contrario non riesce, non potrà cambiare niente!'

" Chi spera in altri ed egli non cucina,
quando è la sera e a letto andrà digiuno!"

 


 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-4.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante