Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

E' nata

Beatrice Sofia Read more

A Tà cu era ...Ulisse

  Perchè Ulisse !   …e Ulisse passava i gi... Read more

Tre Poesie e una Scarpina Rossa

      Tra le mura di casa  , quasi sempre ,... Read more

Tre Poesie

    'Ntoni , lu juarnu doppu Mastru 'ntuani... Read more

TRE POESIE

  'U Maluacchiu  -  Dignità arrobat... Read more

Tre Poesie

Ntoni nò Rimojha -    I Fissi e li Potienti -... Read more

Tre Poesie

Tre Poesie 'Lu  Vinciu    -   A ttia de Pue ... Read more

Tre Poesie e una Scarpina Rossa

 

 

 

Tra le mura di casa  , quasi sempre , era violenza  serale per tutta la famiglia .Oggi è certamente cambiato qualcosa se le donne , non più deboli intellettualmente  ed economicamente sanno  porre fine al padre –padrone......

 

Gli episodi si susseguono da Nord a Sud, con una successione  quasi giornaliera  e  in ogni strato sociale. Pare chiaro che  le motivazioni dipendano  dal mutato atteggiamento femminile non più preda  dell’uomo cacciatore    e quindi da  imputare   all’irruenza  ribelle del  “maschio “, visto che ,  sempre , sono i compagni di vita a compiere l’insano gesto. Abitualmente   quando c’è di mezzo un rapporto arrivato al capolinea.

Dando dietro alle storie che in una piccola comunità è facile conoscere  , sappiamo quante violenze sono state sopportate dalle nostre donne. Nel tempo che fu le bettole erano strapiene e le strade offrivano spesso il  teatrino spassoso dei  “ rientranti “.

Tra le mura di casa  , quasi sempre , era violenza  serale per tutta la famiglia .Oggi è certamente cambiato qualcosa se le donne , non più deboli intellettualmente  ed economicamente sanno  porre fine al padre –padrone  maschile  che stenta ad accettare  Però bisogna pur menzionare delle donne “ maschiliste “ che sanno anche imporsi  , bacchettare e rendere talvolta aspra  la vita attorno a loro.

Il maschilismo non è ,pertanto ,una prerogativa solo dei maschi: ma appartiene al genere umano, senza distinzione di genere. Si   tratta di un atteggiamento mentale, un sistema di pensiero e di comportamento che riduce il genere umano in  prede e predatori, in dominatori e dominati.

Le poesie pubblicate  rappresentano il concetto di donna ,il pensiero  e l’atteggiamento maschile nelle varie epoche .

Foto e Poesie per dire no alla violenza sulle donne

Il serpente che danza

O quant’amo vedere, cara indolente,
delle tue membra belle,
come tremula stella rilucente,
luccicare la pelle!


Sulla capigliatura tua profonda
dall’acri essenze asprine,
odorosa marea vagabonda
di onde turchine,


Come un bastimento che si desta
al vento antelucano
l’anima mia al salpare s’appresta
per un cielo lontano.


I tuoi occhi in cui nulla si rivela
di dolce né d’amaro
son due freddi gioielli, una miscela
d’oro e di duro acciaro.

Quando cammini cadenzatamente
bella nell’espansione,
si direbbe, al vederti, che un serpente
danzi in cima a un bastone.


di  Charles Baudelaire

.......................................................................


Corpo di Donna

Corpo di donna, bianche colline, cosce bianche,
assomigli al mondo nel tuo gesto di abbandono.
Il mio corpo di rude contadino ti scava
e fa scaturire il figlio dal fondo della terra.


Fui solo come un tunnel. Da me fuggivano gli uccelli
e in me irrompeva la notte con la sua potente invasione.
Per sopravvivere a me stesso ti forgiai come un’arma,
come freccia al mio arco, come pietra per la mia fionda.


Ma viene l’ora della vendetta, e ti amo.
Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo.
Ah le coppe del seno! Ah gli occhi d’assenza!
Ah le rose del pube! Ah la tua voce lenta e triste!


Corpo della mia donna, resterò nella tua grazia.
Mia sete, mia ansia senza limite, mio cammino incerto!
Rivoli oscuri dove la sete eterna rimane,
e la fatica rimane, e il dolore infinito.

di Pablo Neruda

.................................................



Arzìra vitti

Arzìra vitti ‘na jicurzanejha

Chi sula e sudata de l’acqua venia.

Li dissi: gioia mia quantu sii bella!

Na stizza d’acqua de la tua volìa.


Ijha mi rispundìu cu  ‘nnà paròla bella.. :

acqua nun si ‘nda  dùna pè la via,

si mmi  càde de  ‘ncàpu la lancejha,

cu la sènte stasìra a mammarejha mia!


- Si  ‘tti la rùppu ti l’accàttu, bella,

‘cu  ‘li dinàri de la tasca mia,

a màmmata li pàgu la lancejha,

a  ‘ttia, gioiùzza, ti pùartu ‘cu ‘mmia.


Vìani a la casa ‘si mi vue vidìre

‘ca mamma ‘no ‘ncè e mi truavi sula.

Ijhu si pìgghja lu  mantu e la spata…

àpari bella ‘ca l’ùra  è  bbènuta !


Mo chi bbenisti  ,io sùgnu intra e bon ‘nserrata

‘tu sì ‘de fhore …e  guardi li mura

Addè venìre lu tìampu de l’ùva

Quando li belli dònni vànnu fhore


Dàssami stare e dàssalu venire

Tìagnu sie fhrati e mi sàcciù guardàre !

‘ca màncu li tue fhrati mu fhusseru leùni

Ammìanzu de la chjazza t’haju de vasare


Si ttù mi vasi la cuntata è brutta

Lu chjaccu cu li mani mie t’haju de armare !

Ca pue mi disse …addio jicurzanejha

…’ca l’acqua ‘nò ‘ssì duna pe la via…

...........................................

 


Sdìagnu


Sdìagnu chi mmi sdegnau lu core tantu,

nominare no 'mbùàgghjiu mu ti sìantu,

cà duva vijiu lu diavulu no  schjiantu

e dduve vijiu a ttia gridu spavìantu.


E ffujiu cchjiù ca 'nda 'ncuntru castagnari,

pe nno mmù pigghjiu la rizza a lu pede,

prima dicisti sì e mmo no 'mbua,

dimmi de cui ti spagni e nno la fhai.


Essi tti spagni de l'aggienti tue,

'mbrazza ti pùàrtu e nno tti dassu mai,

ti pùàsu duva pòsanu li gru,

duva màmmata non ti vida cchjiùi.


dalla Tradizione orale di Curinga

Traduzione

o sdegno che ha portato il mio cuore ad aborrirti tanto, / non voglio più sentir'ti nominare, / ché, quando vedo il diavolo non mi atterrisco / e dove vedo te grido di spavento.

Più incontro dei castagni e più rapidamente fuggo, / per non prendere il riccio al piede, / prima hai detto di sì e adesso non vuoi, / dimmi di chi hai paura e 'non lo fai.

.................................

MUTAZIONE

di Armanda Guiducci


Com’eri trepido, chiaro, appassionato.
Di una tenerezza quasi
E senza riserve nella gioia
di quell’unica cosa che eravamo.


Lentamente, una forza
ha corrotto i tuoi tratti.


Ha disegnato un altro uomo in te:

virile, ma anche aspro, reticente, irato
verso il tuo cuore stesso e me , che ami
controvoglia, di nascosto, come un furto
o un caro errore, un lapsus reiterato.

di Armanda Guiducci


 

 

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-3.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante