Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

E' nata

Beatrice Sofia Read more

A Tà cu era ...Ulisse

  Perchè Ulisse !   …e Ulisse passava i gi... Read more

Tre Poesie e una Scarpina Rossa

      Tra le mura di casa  , quasi sempre ,... Read more

Tre Poesie

    'Ntoni , lu juarnu doppu Mastru 'ntuani... Read more

TRE POESIE

  'U Maluacchiu  -  Dignità arrobat... Read more

Tre Poesie

Ntoni nò Rimojha -    I Fissi e li Potienti -... Read more

Tre Poesie

Tre Poesie 'Lu  Vinciu    -   A ttia de Pue ... Read more

Tre Poesie

 

 

'Ntoni , lu juarnu doppu Mastru 'ntuani lu calabrise Rimpianto

In passato , e fino a tempi abbastanza recenti , il matrimonio veniva  organizzato , anche ,  dalle famiglie o il più delle volte autorizzato dalle famiglie che avevano potere di veto.

L’integrità morale e fisica  , nell’immaginario collettivo di quel  tempo passato , camminava di pari passo con l’atteggiamento  che si poneva verso il mondo femminile.

A volte , all’ insaputa della loro figlia , erano i genitori a fare entrare in casa loro il giovane adocchiato da loro stessi . Per la ragazza non c’era altra via d’uscita che il matrimonio solo con quel giovane! Un  giovane in casa ! Alla Ragazza restava da sposarlo o sparire o accomodarsi con lo " scemo " del villaggio!

Peggio succedeva quando qualcuno come Ntoni pensava di compromettere la ragazza desiderata, semplicemente compromettendola con una “ vasata “ in piazza , cioè pubblica compromissione.    Uno spicchio di storia vera  anche per quello che succede  in chiesa  o in occasione di un lutto dove avviene   di tutto …

Tre poesie per scoprire ‘Ntoni …  e  Mastru ntoni lu Calabrise  .

E, per dare un senso all’evoluzione della vita , anche il Rimpianto che inesorabilmente  ci fa diventare anziani e vecchi !!!

 


 

'Ntoni ,lu juarnu doppu


Lu juornu doppu quandu fu matina,

all'arva già la chjiesia era chjina.

Rumbulijati * sutta a li vancali

ciuciulijandu * comu nu cuvali *


e cuminciandu cu n'ave maria,

finenu cu "non mi ndi premi a mmia" .

Quandu trasìa parenti , a la scordata,

la chjiesia pe' nu pocu diventava cchjiù ammutata.


Ncuna minava ncuna gumitata,

ncun'atra si fhacìa ncun'a risata,

diciendu ch'è doluri chi nci passa,

volava puru ncuna cosa grassa. *


Mentre lu prieviti si fhacìa la cruce

pigghjiau pemmu  ‘aza fhorte cchjiù la vuci;

disse : " Chi sunnu ‘ccà sti carnavalati ?

Viditi vui s'aviti mu pregati."


Di corpu tutti quanti s’acquetaru,

la cruci mu si fhannu cuminciaru.

Ncuna, azzinnàndu ancora a la vicina,

scangiau la manu destra e la mancina.

 

Lu jornu cuminciau cu stu parrari,

ad ogni postu nc'era nu chjiatari. *


Jhà lu ziu  Ntuoni lu surijacaru *

fhiciru tanti rota * mparu mparu;

Cu cui venìa m'accatta zzannijava,

* ncuna storiella  nci cuntava.


Parìa ca chjiacchjiarija cu lu risu,

mbrogghjiava ncunu pocu cu lu pisu.

Ogni dui sassulati * chi pisava

ncuna cu la manuzza * la mbiscava. *


Girava  Pintimallu lu lattaru

ch'era nu viecchjiu mastru catarraru,

ad ogni posta, comu si fhermava,

la canzunejha sua nci la mbejhava.


Mungiandu pue lu latte di la crapa cantava:


"Bella mia, tu sì na papa,

di li bellizzi toi m'annamurai,

moru d'amuri e mancu tu lu sai.


Mò chi li genti tue cchjiù non mi vuonnu,

jo fhazzu mu mi s’avvera  chistu  suonnu.


Ti dugnu , mpacci a tutti na vasata,

mu resti pe' la vita a mmia ligata.

Tu mi perduni pe' sta rivirdita, *

si ti maritu senza mu sì zita".


Lu carvunaru  Micu chi dicìa

ca ngiru ne'è na brutta dicerìa.

Jhìanu li fhimmani pe' li carvuna,

comu trasenu  ndà  dicienu una.


Ijo fhacìa lu gnorru  a pocu a pocu

e a la linazza * li dunava ffuocu.

E zzannijandu cu la cummari Tiresa

mbuttava nta lu saccu la cinesa. *


Jhìa pemmu cerca ngiru Natalejha,

già spilettata * cu dui bastunejha,

ad ogni porta, quandu abbottijava, *

ognunu di stu fattu ndà parrava.


Ed ijha cu parrare mungarusu, *

jìa ripetiendu: "Fannu com'è l'usu!


Mu si rassegna cuomu va la vita,

ormai chi la vasau mu si marita.

E quandu  jhà   la porta fu di Ntoni,

non bottijau pe' bona docazione.

 


...............................................

 

 

Mastru 'Ntuani lu Calabrise

 

Mo io v' ajiu de cuntara

storia de paisa

chi successa quandu è muortu

mastru 'ntoni 'u calabrisa.


A' sonata d'u martuoru,

'nu viavai chi no'vi dicu;

tanti flmmani juntaru

vucijiandu d'ogni vico.


Tutti 'e prescia, caminandu

verzu a casa e mastru 'ntuoni,

mugugnandu tra de iddhi:

"s'indavannu sulu i buoni."


Ca 'ntonuzzu era 'nu santu,

tra li vivi benedittu;

e, 'nu postu 'mparadisu,

mo li spetta pe' dirittu.


Accussì la genta ciangla,

'ntornu a bara d'o cumpara;

cu' si tira li capiddhi,

cu cunsula la cummara.


Ma, tant' atri ciangiulini,

pe' 'ntonuzzu disperati,

chianu, chianu, s'addobbaru

supra ' a bara ammunzedhati .


E, a lu muortu, stannu dandu

li 'mbasgiati pe' i parenti,

già chi s'indavianu jiutu,

com' adijhu, 'nta 'u tambutl


Cuncettuzza ' a culisicca,

Tiresina la parrettera,

Fhilomena ' a taggjhiarina,

Carmeluzza e donna  Rosa;


Pienzu cchiù de 'na trentina

l'affibbiaru 'ncuna cosa

de portare  tundu, tundu,

'ntra 'u tambutu a l'atru mundu.


La mugghiera, scunsulata,

chi assistiu tutta la scena,

quasi a l'urtima 'mbasciata

cchiù no' seppe mu si fhrena !


S' aza e facia  'na guardata

tosta a tutti 'li  giangiulini,

lacrimusi e 'mpacendati

chi mandavanu 'mbasciati.


Asciucandusi lu chiantu,

s'adderizza e, a lu maritu,

li sentenzia: "'Ntuani arricchia"

tuttu chijhu chi ti dicu:


" Scordatili  li 'mbasciati

chi 'sta gente  ti dunaru;

no' li fhare , arricchia ammia,

pensa sulu mu stai 'mparu.


 

Quandu arrivi 'mparadisu,

chijhu chi t' arraccumandu

è de stare cu' San Pietru

e no' jire girijiandu.


Pua de riestu, frata mio,

doppu arrivi fhai chi bbua.

io dicisse  ... mu m'arricchi;

.......mu ti fhai li cazzi tua!

 

 

...............................................

 


Rimpianto

Na vota ieri nu fhiuri

Bella cuomu na rosa

Arzira ti ncuntrai

Si tutta n'attra cosa.


Duv'è chiggha bellezza

Cu chigghu piettu tisu!...

Bastava mu ti vasu ...

Mu vaiju mparadisu.


Cuomu passau volandu

Lu tiempu de li ruosi. ..

Mi mentarìa mu ciangiu

Pensando a certi cuosi.


Ma chi vecchiajia porca,

cuomu ni combinamu

giuvini tantu energici

e viecchi ammagghiolamu.

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-10.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante