Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

E' nata

Beatrice Sofia Read more

A Tà cu era ...Ulisse

  Perchè Ulisse !   …e Ulisse passava i gi... Read more

Tre Poesie e una Scarpina Rossa

      Tra le mura di casa  , quasi sempre ,... Read more

Tre Poesie

    'Ntoni , lu juarnu doppu Mastru 'ntuani... Read more

TRE POESIE

  'U Maluacchiu  -  Dignità arrobat... Read more

Tre Poesie

Ntoni nò Rimojha -    I Fissi e li Potienti -... Read more

Tre Poesie

Tre Poesie 'Lu  Vinciu    -   A ttia de Pue ... Read more

Tre Poesie


Tre Poesie

'Lu  Vinciu    -   A ttia de Pue   -   Lu Bellu Paise

 

 

'Lu  Vinciu

É vero u dittu anticu "ca u guttaru e continu percia a petra".


Tanti vuoti nci provasti

e arrivau chijha giusta.

Cu ttia fumma cuntienti e si a ncunu nci dolìu ...a ttia chi ti nda futta?


Tu sini ormai capumassaru,

ài 'na virga chi cumandi,

sini u capu de nui atri:

mo tu dici e nui facimu.



Pe dui cuosi ti pregamu:

no' mu gridi tantu forta

ca de ntisa no' suffrimu;


Quandu parri statti fiermu,

no' girara stanza stanza

ca ni vena u mala e testa

e pua nenta capiscimu

... e cchjù cunni diventamu.

 

 

di Vito Conidi ...

da Penzieri , proverbi , Paluari


'Volli! Sempre volli! Fortissimamente volli!' Perseverando i risultati arrivano!

E' il caso di un mio caro amico.

Ha dovuto insistere ed è riuscito nel suo intento, "u guttaru e continu percia a petra ".

Della sua affermazione siamo stati contenti ed abbiamo esternato il nostro compiacimento.

Adesso "ai 'na virga chi cumandi, ... mo tu dici e nui facimu ". Auguri!


***

A ttia de pua *


Parru cu ttia chi nno ssi generatu,

chi nta lu mundu ancora hai de venira.

Ricordati de mia chi ssu passatu,

leja sti scritti, si li vua lejìra.


Lèjali pemm'appuri cu su jjìo,

cu su li ggìanti chi tti generaru,

mu sai ca nta stu tìampu ch'è lu mio

penzammi puru pe lu postararu.

 

 

Ti dassu scritti l'usi e li custumi,

chi ngiru sunu nta li tìampi mia,

ca puru chisti pùanu dara lumi,

dunara cchjiù sapira puru a ttia.


È bberu ca tu si cchjiù sbiluppatu,

si cchjiù patruni de la canuscenza,

però si ssi a nnu statu cchjiù avanzatu,

ncunu prima de tia ncignau mu penza.


Perciò si bbua cchjiù mìagghjiu mu camini,

li canuscìanzi tua mu sunu tanti,

mu scìagghji a cquala strata mu ti mini

gìrati arrìadi e ppua camina avanti.


di Domenico Vono ...    da Lucerne ..Lanterne

 

Mi rivolgo a te che non sei stato ancora generato, / che ancora devi venire al mondo. / Ricordati di me che sono vissuto prima di te, / leggi questi scritti, se li vuoi leggere. / Leggili per sapere chi sono io, / chi sono Ie persone che ti hanno generato, / per sapere che in questo tempo che é il mio / abbiamo pensato anche per le future generazioni.

/Ti lascio scritti gli usi e i costumi / che si usano in questi miei tempi,/ ché pure questi possono dare lumi, / possono dare pm sapere anche a te. / E vero che tu sei pit: progredito, / sei pm padrone della conoscenza; / pen‘), se ti trovi in una condizione pifi avanzata, /qualcuno prima di te ha cominciato a riflettere. / Percié, se vuoicamminare con maggiore sicurezza, / le tue conoscenze siano tante, /ma per scegliere [bene] la strada lungo la quale camminare / voltati indietro e poi cammina avanti. _ -

* III premio al concorso di poesia “Città di Mileto”

 

 

***


 

Lu Bellu Paise


E ogni jiournu, n' atru carrettuna

Chinu de carna umana de disperati,

Approda supra 'i spiaggi 'talijiani;

Fimmani prieni e omani affamati.


Bene arrivati scartu de lu mundu!

Bene arrivati duva 'nce cuccagna;

Chistu è 'u paisa chi ogni  vacabbundu

si po' gurdara 'e pizza e de lasagna!"


Pecchì nui avimu 'a cassa 'ntegraziona

Duva c'u no 'fa nenta è rispettatu;

Duva si p'o' pigghiara la penziona

Senza pua avira tantu faticatu.

S'i a lu paisa vuostru no' 'nce pana

No 'v'appricati, ccà 'nce de mangiara,

A 'stu paisa no' si mora e fama;

Ccà aviti lu dirittu 'e protestara!


'Na vota diventati residenti, '

A vita vostra è bbona e assicurata;

Appena vi 'mbizzati a fara nenta

Potiti passijiara allegramenta!

Si vi venissa 'a vogghia 'e faticara,

No'v'appricati, è cosa tempurala;

Appena vi scriviti a 'i sindacati,

Tutta la vogghia v'afannu passara!


Bastanu puocu jiourni 'u vi 'mparati

Cuomu funziona ccà tuttu l'andazzu;

'Na vota chi vi siti 'ncorporati,

passati li jornati a fare un cazzu.


Si lu patruna 'ncasu si lamenta

Ca no' vi vida tantu faticara,

Futtitivinda; no' po' fara nenta,

Vui aviti 'nu contrattu nazionala!


Ormai, cuomu 'ntegrati vacabbundi,

Aviti ogni dirittu, senza spisa;

Pe' legge vui potiti, chiaru e tundu,

Dira 'a 'u patruna: "Và 'a chiddhu paisa!"


I proprietari ccà su' gran minchiuni

'Mbardati de doveri e no' dirittu;

forzati 'e chiddhi reguli cumuni

de pagare li spisi e stara cittu!

 

***


un ingegnere calabrese a... spasso

di Domenico Aracri  da " Accussì Jiu "

Domenico Aracri   è nato a Cortale (_ CZ) nei 1929 e vive negli Stati Uniti dividendosi tra la Virginia e Conegliano Veneto.

Musicista e cantautore, ha intrapreso giovanissimo la carriera di showman passando attraverso tutte le faticose prove di chi aspira alla notorietà,  offrendo il proprio talento in cambio dell’attenzione di un pubblico  che non sempre  è attento ai valori veri di chi scrive e compone.

Dopo l’esperienza italiana, nel corso della quale si e imposto giovanissimo con composizioni di gran successo, come la celeberrima  “Tuppe Tupe Marescià “, ha lasciato l’Italia approdando negli Stati Uniti dopo alcune esperienze condotte in America Latina.

A New York, ha cominciato a conoscere un discreto successo che è anche diventato crescente senza tuttavia smarrire le sue origini cortalesi.

Compone anche poesie ed alcune sue opere sono pubblicate da Calabria Letteraria Editrice.

 

 

 

franco casalinuovo per Jacursoonline.it  kalokrio

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-1.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante