Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

Peppino De Vito   Read more

Alla Ricerca del Futuro

  Fanno parte di quel mondo vissuto anche i fra... Read more

Ricordare

Il Prof. Antonio Panzarella Read more

Per Non Dimenticare

1961 In tutti i paesi e paesini della Calabri... Read more

Ultimi Frammenti di un Mondo Perduto

  Tanto ma tanto tempo fa gli Dei cercavan... Read more

Per non Dimenticare

Per non Dimenticare Accadde oggi: 8 novembre 1... Read more

Per Non Dimenticare

Nella Memoria del Sisma Sono passati esattamen... Read more

Tre Poesie

Tre Poesie

Peppe..nnamuratu -  A Funtana -  U Muartu chi Parra

 

 

 

Peppe.. è nnammuratu (Nu jiarnu de settembre)


Nu jornu di settembri, a la rifriscata,

vitte ca va mu faci la vucata;


Pensau c'avìa arrivatu lu mumentu

mu nci dichiara lu sue sentimentu,

pemmu nci dice quantu la pò amari,

ca da accussì non pò cchjiù campare.


Quandu la petra si mise a stirari*, strofinare

Peppi, ammucciatu *, pensau comu fhari,    nascosto

arredi a la sipala * , comu latru,        siepe ai bordi del fiume

pe' nommu vidi mammasa e nuj'atru.


Ma quand' è destinatu, tuttu vali!

jiu donna Sina m'ampra * lu vancale*  stende/tovaglia lunga

Peppi a la vista nci sentìa spossare.


Nci dissi: "Non t'amarijari,*                        amareggiare

ca mò nci l'armu jeu na mastravota* manovra furbesca

* mu veni senza nuju mu la nota".


Nci vinnaru a la menti l'anni belli,

pe' testimoni luna cu li stelli.


Cu Rosa nci la fici na parrata, pe'

tali mu la teni mpacendata.


Cuncetta lu curpettu avìa lavatu

e la mandau mu l'ampra a chiju latu

ca jà lu suli è forti e coce l'uovu,

lu faci nta nu creddu * comu nuovu.      Momento , in un attimo


Ija, l'amara, mancu nci nzònnàva * nemmeno sognava

j'arredi a la sipala chi trovava;

e quandu si trovau davanti a Peppi

cumpusa pemmu parra cchjiù non seppi.



Iju pigghjiau li mani mu nci teni,

nci dissi: "Non supportu cchjiù sti peni!


Quandu ti guardu pari na rigina,

comu lu suli luci la matina,

brillanu l'uocchji toi cchjiù di cristallu,

la facci russa comu nu corallu.


Teni l'adduru bellu di na rosa,

quandu lu sentu lu meu cori posa.

Vorrìa mu sugnu a vvita cundannatu

mu pozzu stari sempri a ttia abbrazzatu.


Ormai tu cunti cchjiù di la mia vita,

pemmu diventi vogghjiu la mia zita.


Mu ni duna lu Signuri la saluti

li figghji mu vidimu e li niputi.


Pe' sempri restu jeu lu servu toi

abbasta mu mi dici ca mi voi".


Ija nci rispundìu cu vuci fina,

la facci chi parìa na paparina: *             rossa come un papavero ..

"Jeu, puru ca ti viju a la luntana,

lu cori sona comu na campana.


Ma quandu comu mò tu sì vicinu,

mi sentu già mbriaca senza vinu.


Si voli mu nd'aiuta lu Signuri

jeu ti lu dugnu tuttu lu meu amuri,

ca sentu nu disiju troppu forti

mu sù jungiuta a ttia fin'a la morti.


Vogghjiu mu ti lu dugnu lu meu cori

cu tantu de rispettu e cu d'onori,

si mi maritu l'abitu ha m'è jancu!

cu la famigghjia mia pe' nommu mancu!


Si ncuna cosa pari ca va storta,

ha mu facimu pemmu cangia sorta,

cu fidi, sumportandu,

e cu pacenza, pe' tutti

quanti nc'è la provvidenza".


Peppi la facci già l’accarizzava,

ija pigghjiau mu torna pemmu lava.


Di l'atri si conzau* nu pocu lasca*     sistemò allargata/distante

cantava allegra chi parìa na Pasca.

 

........................................................................................

Da “ Il Sapore dell’Acqua “ evento del 26 agosto "Il Sapore dell'Amore a la fhiumara"

Tutte le donne del paese , le giovani più di tutte , ma anche le bambine si andava " a la fhiumara " ( il Pilla ) , ad aiutare , per imparare e per gioco.

Si imitava volentieri il lavoro e la vita delle mamme e presto sarebbe toccato anche a loro questo rituale che governava i matrimoni e la nascita di una famiglia.

Le seguivano sino al fiume, a piedi , osservando con curiosità ogni cosa ma soprattutto ascoltando quanto se ne raccontava sciacquando , amprando , " mangiando " , andando e tornando.

Per le ragazze il fiume , come le fontane , era anche un luogo di ritrovo dove lavare i panni era divenuto un rito piacevole di aggiornamento grazie allo scambio di pettegolezzi . Indiscrezioni , dicerie e voci per la maggiore di natura sentimentale.


 

I panni, in questo piccolo mondo paesano, si lavavano al torrente o alla fiumara e quelle giornate da Luglio in avanti significavano "amore " . Per quelle che l'amore l'avevano già , per le altre che lo consolidavano e quelle ancora che lo cercavano o erano alle prime mosse.

oggi…"..mi piacerebbe chiudere gli occhi e immaginare, anche solo per un momento, di godere degli stessi suoni, colori, odori che avvolgevano chi si recava al fiume con me per curare la dote e tuffarsi e giocare nell'acqua, e mi sembra di sentire tutta la freschezza e il profumo emanati dai panni lavati in quell'acqua limpida e pura e lasciati asciugare sull'erba….sognavamo……

forse…".nascosto tra i cespugli e dietro la siepe poteva esserci sempre “ ‘ncunu giovane “ o  , meglio, qualche innamorato che ci seguiva e in quell’occasione trovava la voglia di aggiungere alla sua fantasia la concreta possibilità di osservarci “diversamente “, particolarmente quando il corpo veniva esaltato dalle vesti bagnate, quando sciacquavamo sulle pietre e tanti altri quando che adesso potrebbero solo essere una risata  piena di ricordi e triste nostalgia ma non cancellare i desideri nascosti di allora ! Perché anche noi , che credete ! …avevamo la gioventù e con la gioventù i bisogni di quella età  che quasi sempre  giravano e rigiravano aspettando  l'occasione .....come un giorno di Luglio alla fiumara..."

A sera le donne, con i panni piegati, asciugati e posti in cesti portati sulle testa, inebriate dal profumo profondo di acqua e sapone da essi emanato, prendevano la strada del ritorno stanche ma felici.

 

 

Tratto dal Poemetto in vernacolo di Michele Dileo



-------------------------------

 

Funtana d'acqua


Funtana d'acqua chiara mi pariti

quandu vicinu a mmia vui v'assettati;

e ‘ssI a vuccuzza a risu vui m’apriti

garofhali de Spagna mi jettati.


Ogni palora vostra è nn' armonia

d'arpa e violini d'angeli sonato,

e de lu pettu miu pigghja la via

l'anima sciljusa a la volata.


Oh, chi llizzi e cchi ssù  jju, o chi turmentu !

u jornu s'alluttau comu a nnu muorttu,

'a notta è longa ed io non m'addormmentu,

pe ‘ssu pensieru chi mmi ciangie ‘ncuorppu


Cà armenu vi vidìa ssa strata strata

quandu tornàuvu a sira sira 'e fora

(oh, chi ffocu nta facci, oh, chi vvampata,

oh, chi ssartti morttali anima e cora!).


E mmo chi ssientu, chi? …ca vi nda jati!

a nna terra luntana e forastera!

S'è bberu vui stu core vi porttati,

e rrestu comu canna alla nivera! ...

 

 

 

 

 

lìzzi | pl | litigi | scilusa | m | vogliosa      nivera  sf   neve      canna nella neve

Il Sapore dell'Acqua

evento Ass.KaloKrio del 26 agosto "ll Sapore delle due Fontane"

 

 

 

 

 

.....mentre l'acqua entrava nelle vozze , nei barili , c'era il tempo per scambiare impressioni sulla giornata, sulla stagione, raccogliere o donare le ultime novità del paese. Certe volte per confidare che si stava partendo per l'Argentina o l'Australia...

La conversazione continuava anche verso casa, ritorno non certo spedito come l'andata, tipico l'ondeggiare dell'andatura per mantenere in equilibrio e non rovesciare il prezioso carico. Ma anche per farsi guardare !

I secchi pesavano sulle spalle, ma non si sentivano, quel che veniva ricordato era ben più importante.

Poi le donne tornavano di nuovo ad attingere per cucinare, ma accadeva spesso che qualcuna, per strada, girato il primo angolo, buttasse l'acqua del secchio e ritornasse di nuovo alla fontana.

Sì, perché intorno alla fontana nascevano speranze e amori, i giovani s'incontravano sfuggendo al controllo materno e si passavano di mano in mano, di cuore in cuore, storie e sogni......

la poesia è tratta da " A Catarra " di Nicola Caporale



. Nicola Caporale

nascita: Badolato, 25 gennaio 1906  - morte:Badolato Marina, 23 giugno 1994

studi: ginnasio monteleone (vibo valentia) ; liceo classico galluppi (catanzaro); abilitazione magistrale; laurea in materie letterarie ( messina)

magistero educativo dal 1929 al 1972 nella scuola elementare, con la parentesi di alcuni anni nella scuola media quale insegnante di materie letterarie

finalista al premio di poesia di vallombros finalista al premio di narrativa di villa s. giovanni (r.c.)

...........

Giovambattista Amendola

 

capita di osservare i loculi e le tombe al cimitero e ,a  volte , parlano i " riposanti"

U Muartu chi Parra

Nu mìedicu dicìse de trasìre dintrà

nu cimiteru disulatu,

li vìnne tantu spìnnu de vidìre

duve  avìenu nu parente sistematu.


Girannu l'ùecchj, vide nu ritrattu

"' de nu malatu cronicu e ppezzènte,"


«iju sugnu chijhu amicu mutuatu

ca 'un sugnu tra li vivi ppe la via

ppecchì a nnu lìettu tu m'ha trascuràtu.


Da Cassa Mutua ormai sugnu nesciùtu

e a nn'atra cassa mi sugnu truvatu,

s'ancora lu librettu 'un mme scadùtu,

vulesse nu scirùppu cunzigliatu.


Si t'avvicini 'e cchjù de sa cuccètta,

ti dicu ppecchì sserve, si ti fìermi!

fa' prìestu, scrivemila sa ricètta,

armenu mu mi sarvi da li vìermi!

 

 

 

la poesia è tratta dalla raccolta " A Vrascera " di G.sta Amendola


 

 

da il Sapore dell'Acqua " Il decoro e la dignità alle "case" dei dormienti "

,


...l'acqua "lavora" ai tetti e ai muri delle case ancora oggi e li "Guttari " erano un quasi normale disagio.  Il tic-tic nelle bagnalore ,al tempo solo in materiale laminato di latta,finiva quando cessava di piovere.   Ci si ricordava, solo allora,  che era necessario dare una guardata al tetto.

A settembre si faceva un sopralluogo anche alle dimore eterne del Cimitero ed era spontaneo farsi quei pochi stradini e stradoni ( così li riconoscevano li " compusantari " ) per rincontrare il sorriso di Totò o la faccia austera , come in vita , de....e la tristezza di qualcuno poco fortunato in vita.

Con lo sguardo si capiva al volo cosa ti passava per la testa.....e forse qualche riposante , intuivi , aveva qualcosa da dire come ......in questa circostanza.......


 


Giovambattista Amendola è nato nel 1934, dove vive da sempre, a Nocera Terinese (cz), un paese tra l’antico e il moderno.

La sua attività di poeta è di vecchia memoria avendo conseguito numerosi riconoscimenti e premi.

Ha scritto tre volumi di poesie, a vrascèra ,   ’u tilaru     , ’a pacchiana .

la nostra epoca prodiga di certezze e di sicure intuizioni  "socio-politiche " non sa che cosa fare della poesia, una merce poco commerciale e poco richiesta nel mondo del consumismo ad oltranza.

In questo mondo di aride e geometriche certezze il poeta vive il dramma dell’esclusione, la solitudine della emarginazione e, a volte, anche il peso del dileggio o della derisione. La sfida della poesia è proprio in questa volontà di opporsi ad ogni facile "chiusura" e ad ogni arroganza della visione economicistica del mondo, nella speranza mai celata di riuscire a trovare uno spazio sereno in cui respirare liberi dai condizionamenti continui della società.


Da “ Il Sapore dell’Acqua “ evento del 26 agosto  "Il Sapore dell'Amore a la fhiumara"


Tutte le donne del paese , le giovani più di tutte , ma anche  le bambine si andava " a la fhiumara " ( il Pilla )  , ad aiutare  , per imparare e per gioco.
Si imitava volentieri il lavoro e la vita delle mamme e presto sarebbe toccato anche a loro questo rituale che governava i matrimoni e la nascita di una famiglia.                                            
Le seguivano sino al fiume, a piedi , osservando con  curiosità ogni cosa ma soprattutto ascoltando  quanto se ne raccontava sciacquando , amprando , " mangiando " , andando e tornando.

Per le ragazze il fiume , come le fontane , era anche un luogo di ritrovo dove lavare i panni era divenuto  un rito piacevole di aggiornamento grazie allo scambio di pettegolezzi . Indiscrezioni , dicerie e voci per la maggiore di natura sentimentale.
I panni, in questo piccolo mondo paesano, si lavavano al torrente o alla fiumara e quelle giornate da Luglio in avanti significavano "amore " . Per quelle che l'amore l'avevano già , per le altre che lo consolidavano e quelle ancora che lo cercavano o erano alle prime mosse.

oggi…..mi piacerebbe chiudere gli occhi e immaginare, anche solo per un momento, di godere degli stessi suoni, colori, odori che avvolgevano chi si recava al fiume con me per curare la dote e tuffarsi e giocare nell'acqua, e mi sembra di sentire tutta la freschezza e il profumo emanati dai panni lavati in quell'acqua limpida e pura e lasciati asciugare sull'erba….sognavamo……

forse….nascosto tra i cespugli e dietro la siepe poteva esserci sempre “ ‘ncunu giovane “ di quelle campagne o ,meglio, qualche innamorato che ci seguiva e in quell’occasione trovava la voglia di aggiungere alla sua fantasia la concreta possibilità di osservarci “diversamente “, particolarmente quando il corpo reastava esaltato dalle vesti bagnate, quando sciacquavamo sulle pietre o tanti altri quando che adesso sarebbero una risata e non i desideri di allora ! Perché anche noi , chi criditi ! …aviamu desideri…

A sera le donne, con i panni piegati, asciugati e posti in cesti portati sulle testa, inebriate dal profumo  profondo di acqua e sapone da essi emanato, prendevano la strada del ritorno stanche ma felici.

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-8.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante