Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

E' nata

Beatrice Sofia Read more

Tre Poesie e una Scarpina Rossa

      Tra le mura di casa  , quasi sempre ,... Read more

Tre Poesie

    'Ntoni , lu juarnu doppu Mastru 'ntuani... Read more

TRE POESIE

  'U Maluacchiu  -  Dignità arrobat... Read more

Tre Poesie

Ntoni nò Rimojha -    I Fissi e li Potienti -... Read more

A Tà cu era ...Ulisse

  Perchè Ulisse !   …e Ulisse passava i gi... Read more

Tre Poesie

Tre Poesie 'Lu  Vinciu    -   A ttia de Pue ... Read more

Tre Poesie

 

Lu Cunsigghjiu de Mastru Giuanni  -  'a Pagura  -  Crisciu

 Lu Cunsigghjiu de Mastru Ntoninu a Giuanni Zangaru

 Nu jiuornu chi cchiovia, Giuanni Zangaru

Trasiu a la fhorgia de Mastru Ntoninu,

Mu và ncampagna no' ne'era riparu

E si scarfava jhà chi era vicinu.

 

Chiacchjarijandu disse ca volìa

Mu manda lu fhigghju mu si fà fhorgiaru,

O vi lu mandu a vui, o jhà  a Mastru Lia

mu lu cacciu de la zzappa stu cotraru.

 

Ora!.... io ti fhacia cchjiù ntelligente ...

Lu mastru de sti tiempi chi lu vua ....

 Nui simu tanti e nò facimu nente,

E' miegghjiu mu pienzi pe' li affari tua ...

 

Si cuosi , cacciatili de la mente,

Accattanci na porcejhuzza già spurgata.

 Mu si la guarda non ti custa nente

Ed ogn'annu ti fhace na scrufata.

 

Caru Giuanni..sienti cu nda sape cchiù de tia .... ,

Su tiempi brutti, non si pò campare ....

Cu li porciejhi hai na fharapia (1)

e ad Agustu a mia mi pua pagare ...

 

 

N. B.

Gli artigiani di quei tempi appartenevano ad una classe previlegiata e vivevano speculando sull'ignoranza dei contadini.

1.     Abbondanza.

2.     I contadini pagavano sempre ad Agosto.

 

di Giovambattista e Ernesto Gaudino - da foglie d'autunno

 

.................................... 

 

 

 

 

 

 A  Pagura

 

È jjùarnu ! È  jjùarnu! È  jjiùarnu fhinarmente!

Lu bbruttu de la notte si ndajìu,

però mi resta mpressu nta la mente

lu malu fhattu chi mmi succedìu.

 

È bberu ca la ggente mo' mi dice

ch'è nnu prodottu de li niarvi mìa,

ma io cumbintu sugnu ca mi fhice

quasi de la pagura mu morìa.

 

Era de sira, quasi ggià scuratu,

de la campagna io mi nda tornava;

 mi lu trovai davanti ntorcigghjiatu

e chi ddavanti a mmia si storcigghjiava.

 

Nu serpente chi fficia pemmu ntassu;

la strata cchjiù no mbitti d'a pagura,

 no ssacciu quantu lùangu avìa lu passu

mu scappu pe nna strata cchjiù ssicura

 

Ma cùamu voze Ddio mi ricogghjivi

mberzu la casa duva mi curcài.

Ma l'ùacchji mi restaru sempe vivi

pe la pagura grossa chi ppigghjiai.

 

Doppu nu piazzu, stancu, fhinarmente

lu sùannu mi gabbau, m'addormentai.

Ma nta lu sùannu ancora lu serpente

cchjiù ggrùassu e cchjiù fferoci mi sonnai.

 
No mbitti l'ura mu si naciajùarnu,
mu pùazzu jira nzema ad attra ggente,
ca sulu mi spagnava pemmu tùarnu,
 mu jamu mu ammazzamu lu serpente.

Quandu arrivammi ne'era giàjettatu,
vicinu de la via, nta la conetta,
ncunu, pìanzu, 'avìa ggià spostatu,
lu copertoni de na bbricichetta.

È giorno! È giorno! È giorno, finalmente! / La paura della notte se n'è andata, / però mi rimane impresso nella mente / il brutto fatto che mi è capitato. / È vero che la gente ora mi dice / ch' è un prodotto della mia fantasia, / ma io sono convinto che mi ha fatto / quasi morire dalla paura. / Era di sera, quasi ormai buio, / io tornavo dalla campagna, / me lo san trovato davanti attorcigliato, / mentre si distendeva davanti a me. / Un serpente che mi ha fatto trasalire: / la strada non ho più visto dalla paura! / Non so quanto erano lunghi i miei passi, / nel fuggire verso una via più sicura. / Come volle Dio sono rientrato / a casa, dove sono andato a letto; / ma gli occhi mi sono rimasti sempre aperti, / per il grosso spavento che avevo preso. / Dopo un pezzo, stanco, finalmente / ho preso sonno, mi sono addormentato. / Ma nel sonno il serpente ancora / più grosso e più feroce ho sognato. / Non ho visto l'ora che arrivasse la luce del giorno / per potere andare, insieme con altra gente, / (ché solo avevo paura di tornare) / ad ammazzare il serpente. / Quando siamo arrivati c'era buttato, / vicino alla via, nella cunetta, / ché qualcuno, penso, l'aveva già spostato, / il copertone di una bicicletta.

di Vito Conidi ( Filadelfia )   - da Pensieri Proverbi Paluari

 

 

 

 

..............................................

 

 

CRISCIU

 

Mi para ca fu jieri

chi piccirijhu tantu

nta chisti vrazza mia

strittu strittu ti tema.

 

 Mo, quandu mi dicisti

c'ai mu parti,

io buonu ti guardai

 e vitta ca criscisti

e randa randa ti fhacisti.

 

Quantu mi dispiacia

ca tu parti!

Non'era preparatu

Ancora a chistu satu!

 

Sapìa ca prima o doppu tu volavi,

c'a aciejhu quandu mpinna

ava  ... mu vola,

mu si trova sulu de mangiare,

no' po restara sempra nta fholea, però mi parìa priestu!

 

Mo chi criscisti,

va, trovati 'na strata,

però no' paccijare.

Resta pulitu, sai,

cuomu si mmo!

 

 

Il tempo scorre col ritmo, apparentemente lento ma implacabile.

In alcuni momenti dell'esistenza ti soffermi e, allora, ti accorgi con

 quanta celerità gli anni si sono accavallati.

A me è successo quando Raul, il secondo dei quattro figli,

è partito per andare a lavorare. Era il secondo figlio, in pochi mesi,

che lasciava la casa patema! Mi sono osservato allo specchio e ho

visto tanti capelli bianchi, gli anni avevano superato diverse volte gli 'anta'!

A Raul, che partiva, l'augurio, che mi è venuto spontaneo in quel momento,

è stato di sapersi mantenere onesto, così com 'era alla partenza:

"resta pulitu, sai, cuomu si mmo"

 

   

 

 

 

 

da Lucerne Lanterne  - Domenico Vono

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-9.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante