Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Lu Stagnatu

  “Uno dei momenti spiacevoli della vita é qua... Read more

E' Deceduto

Il Sig. Bruno Maiolo Read more

E' Deceduto

Il Sig. Carlo Mascaro   - a Cortale Read more

Lu Coddararu

  Arrivava prìastu-prìastu de matina, ripar... Read more

Micuzzu

  La gente era ancora tanta e Jacurso un paes... Read more

Tre Poesie

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 


Tre  Poesie

 

 

Il Cane e il Lupo -  Ricordi  - Ricordi (Uomini a Curinga )


 

Lu Cane e lu Lupu


 

Il Lupo e il Cane

Na notti u lupu , schiavu, di la fami,

scindia lu sintieru du paisi,

e vicinu a na casa i latu o gajhinaru

ncèra attaccato nu cane mammulisi,


”Caru cuginu aundi stati iendu”

nci dissi u cane tuttu boriusu.

Ti viu asciucatu, siccu, e vai cadiando,

mi pari u filazzuolu di lu fusu.


Vaiu cercando cchi ccosa pe mu mangiu

ca su dijunu di diverzi iorna

Da fami mi mangiava puru a pejha ,

e di na crapa non dassava mancu i corna.


Statti cca cu mia e mangi sempri,

dassala stari chissa vita erranti.

Senza sacrifici e senza stenti,

attaccatu sempri ccà nzina chi campi.


Ieu sugnu mortu i fami ma cuntentu,

sugnu liberu e vaiu a undi vogghiu.

E curru a menzu all’erba comu o vientu.


Mangiu quando trovu, pocu o nenti

Curru comu u pacciu da sira a la matina,

cercandu nu pezzu i pani ogni mumentu.


Ma nta lu cuajhu.

Non hajiu ssà catina.

 

 

"Libertà va cercando che si cara, come sa chi per lei... vita rifiuta ": Alighieri. Purgatorio

Ma cos'è la libertà ?  Quali sono le sue radici e i suoi confini ?  Chi può stabilire le sue reali coordinate ? Chi può asserire in tutta onestà di essere  " Veramente Libero/a ?

 

E’ mortificante ascoltare gli arroganti, i presuntuosi, coloro che sono convinti di essere gli unici a sapere tutto ciò che serve per vivere bene e in pace con gli altri , come se fossero gli unici a saper gestire e organizzare, la cosa pubblica affinchè la macchina del vivere insieme …funzioni veramente.

Sono convinti di avere più neuroni nel cervello e pensano che le ossidate cellule del pensiero altrui , costituiscano un limite invalicabile che impedisce loro di accedere ai livelli superiori dove orbitano le eccelse e illuminate menti dei millantatori.

Purtroppo queste “ orbite superiori “ non essendo in rotta di collisione con noi, comuni mortali che viaggiamo a livelli inferiori , ci privano di un cosi tanto ambito onore . Quando, però , per inspiegabili ma normali circostanze ciò accade e tutto si infrange , la pioggia di meteore rafforza la nostra determinazione di aver tracciato la rotta giusta.


 

 

Ricordi

 

Non sunnu chiù li tiempi di nà vota,

quandu lu mundu scurria chiù lentu

ntuarnu lu fhuacu si facia la rota

cu a panza vacanti, ma u cori cuntentu.

 

 

Si lavurava dall’arva o tramoantu

zzappandu la terra, carriandu fhumiari,

fhaciandu a cuverta puntu pè puntu

mpàrandu l’arti di ogni mistieri.

 

 

Qandu calava lu sule luntanu

Tingiendu lu cielu de russu e turchinu

Lu pecuraru scindia a lu chianu

Chiudia li nimali e si inchia de vinu.

 

 

Cu era chiù virde e ndavia poteri

T’armava suonu e si jia a ballare

E trà storielli, canzuni e suspiri

Cu li penzieri volava luntanu.

 

Volava luntanu ddabbanda mari 

Undi lu mundu era menu crudeli

Mangiare buonu, vestiti, dinari,

pè chidda vita ajhumava candili.

 

 

Mancu a figghjiola si potia guardare

Cantari sturnelli, canzuni d’amuri.

Li milli prodigi cercavi de fhare

Mu vidi chijh’uacchi lucire a lu sule.


 

Ora li cuosi su stracangiati,

lu mundu curri troppu veloce

non vidi a nujhu chiù ntà sti strati

non sienti lu suonu de nujha vuce.

 

Sulu lu vecchiu restau ccà.

Mi cunta li juarni passati e futuri

Guardandu ancora ‘ssi puachi villani

Chi scorciunu a terra jettandu suduri

Ormai li figghji sunnu luntanu.

 

 

A casa è vacante senza chiù suonu

Ntà cristallera , supra lu chianu

Ndave u ritrattu de quandu era buonu.

Pè non pensare a stì cuosi crudeli,

Tantu tremendi ca tàgghjia lu core,

Si fhà la cruce e si mente a dormire

Pè 'mmu si sperde ca ha 'de morire.


" Eranu miagghjiu li tiampi de na vota ! " Poesie , considerazioni e commenti sono tratte dalla Collezione di Francesco  Foti  che ringraziamo per usufruire di questi suoi saperi  per divulgarli.

Questa era la realtà dei piccoli paesini, dove ci si conosceva tutti, quando ancora non c’era il televisore, che intratteneva grandi e piccini. Prima nei bar e poi nelle case

Nelle fredde e piovose serate d’inverno, ci si riuniva intorno al focolare e oltre a raccontare i fatti del giorno , si programmavano le attività del giorno seguente, dove tutti grandi e piccini, maschi e femmine , avevano un ruolo specifico da svolgere, nella fioca luce di una stanza, affumicata, con gli insaccati appesi a stagionare.

Nelle calde serate d’estate ci si riuniva fuori con i vicini (Ntà ruga), modesto cortile o piccolo spiazzo davanti un gruppo di abitazioni, e si consolidavano le famiglie, le amicizie le parentele col piacevole sottofondo di grilli e ranocchie in concerto, i bambini ascoltavano le nonne raccontare qualche favola e si addormentavano felici, tra le braccia della mamma.

Purtroppo adesso non si trova più il tempo nemmeno per dialogare, comunicare tra componenti della stessa famiglia, altro che piacevoli momenti di relax e intrattenimento, ci stiamo egoisticamente isolando dalla realtà immergendoci in un mondo virtuale, progettato e costruito ad arte, per soggiogare e pilotare le masse.

Tutto sommato ,dal mio modesto e limitato punto di vista,  Eranu miagghiu li tiampi de nà vota”.


Ricordi (uomo di Curinga )

A chìjhu muru parìa nchiòvatu

Cu ‘nnu muzzunì de sicaretta

Fhacìa lu lustru no mu si vide

Pecchì fumava nta la barretta.

Guardava attientu chijha fhurnesta

Chi de na ndàcca vidìa la luce

E mbicinàva sempre ..cchiù chìanu

Cuntientu sulu mu sientu la vuce.

Fhacìa nu friddhu chi ssi moria

Io ncàppottatu fhorta tremava

Ma ostinatu no mi nda jìa

Finchè la luce non si astutava.

A volte le cose, fuori , sono diverse da come appaiono nella nostra mente e nascondono un’altra verità. A tutti noi capita di giudicare le persone, le cose ecc. solo dall’apparenza, solo se il nostro  cervello dice sì è bello o bella non scoprendo mai che in realtà dentro di esso si nasconde qualcosa che neppure i nostri occhi e le nostre orecchie possono intravvedere.

E’ grande la curiosità di spiare ,di ascoltare , di sapere le cose …..altrui. Parla a bassa voce.. ..il nemico ti ascolta  ! : Si diceva una volta !

Se la curiosità diventa mancanza di rispetto non è più un valore positivo e se una porta è chiusa a chiave, spiare la vita degli altri, può non essere giusto.”

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-2.jpg
Chi è online
 26 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante