Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Lu Stagnatu

  “Uno dei momenti spiacevoli della vita é qua... Read more

E' Deceduto

Il Sig. Bruno Maiolo Read more

E' Deceduto

Il Sig. Carlo Mascaro   - a Cortale Read more

Lu Coddararu

  Arrivava prìastu-prìastu de matina, ripar... Read more

Micuzzu

  La gente era ancora tanta e Jacurso un paes... Read more

la giornata della poesia

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

La Giornata della Poesia

Ogni anno ,dal 1999, in data 21 marzo ricorre la Giornata Mondiale della Poesia, istituita dalla Conferenza Generale Unesco.

La data segna anche il primo giorno di primavera mentre la giornata successiva un altro evento pone l’attenzione su una risorsa essenziale come l’acqua.

Il primo appuntamento del 21 marzo riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e delle comprensioni interculturali, della diversità linguistica, della comunicazione e della pace, tant’è che coincide con quella della “Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale”, introdotta dalle Nazioni Unite nel 1966.

Contro tutte le Mafie “ sono ,invece, già in corso diverse manifestazioni che interessano da vicino il nostro meridione e la Calabria in particolare.

La nostra Associazione si era posta da tempo questi temi che interessano molto da vicino anche il nostro comprensorio e , con le scadenze programmate, s’era già posta nella condizione di presentare le ricorrenze in un evento unico .

Difficoltà di vario genere non hanno , purtroppo , consentito la condivisione di una serata che avrebbe portato bene a confrontare le diversità di opinione e quindi al dialogo che riproporremo, tuttavia , in circostanze più favorevoli.

Non mancheremo ,però , di offrire il nostro contributo proponendo alcune poesie i cui autori/autrici sono concittadini dell’Unione dei Comuni KaloKrio.

Associazione Virtuale , Ambientalista e Culturale , che prende forma alla bisogna portando in groppa il nome antico di Monte Contessa e che vuole unire le diverse associazioni già in buona sinergia. 

Nella giornata di Mercoledì, possibilmente ,si potrà leggere ,invece , sulle risorse idriche del territorio dei Comuni alla falde di KaloKrio.

“Nell’era del mondo virtuale ,troppo spesso caratterizzato dal culto dell’immagine e dalla globalizzazione delle informazioni, è oggi più che mai necessario ritagliare momenti da dedicare alla riflessione, al dubbio, al ripensamento, a tutte quelle forme del pensiero che definiscono la poesia e che, soprattutto nei giovani, arricchiscono il bagaglio di esperienze, divenendo strumenti in più per affrontare le sfide quotidiane.

Jacursoonline ringrazia gli autori/autrici che ,con passione ,scrivono e consentono alla conoscenza dei lettori le loro poesie.

Ernesto Gaudino , G.B. Gaudino, Domenico Aracri , Carmen Mutone , Vito Conidi

FU PROGRESSO

Ho percorso i miei sogni:
camminando a ritroso,
pensando, ammirando,
guardando e meditando.

Ho visto strade polverose
Piedi scalzi, case di paglia,
moccioli in faccia,
indumenti stracciati.

Ho visto uomini andare e ritornare,
su asini e muli stanchi dalla fatica,
schiene ricurve, mani cailose
e vino asciugare tanto sudore.

Ho visto lame taglienti solcare il duro terreno,
rovi ed arbusti screpolare mani indurite
e solcare volti scarni
poco propensi al sorriso.

Ho visto braccia piegate dal dolore,
bocche imploranti, saluti riverenti,
facce segnate dallo sguardo sofferente.
Poi:

Ho visto il sole rosso al tramonto
Ed il cuore si è riempito di gioia;
ho capito, ho sperato e così fu.
Luce diffusa, volti sorridenti,
strade illuminate, pane fumante e...
grida di gioia.

Non più asini ma, ruote,
non bici ma, moto,
dall'ignoranza al sapere
e poì....
Case, palazzi, ville.
Fu progresso.


Don Tittinu Sinisi e lu Riuoggiu

Si volivi mu vidi a don Tittinu
Non'è c'avivi pe mu vai luntanu,
bastava na camìnata a S.Francìscu
e lu vidivi già nta chigghu chianu.

Sedutu a chijha petra de li Mazzi
Tenia a mienzu li gambi lu bastuni
Lu cappottu supa de li spajhi
E nu riuoggiu guastatu nta li mani.

Ogni tantu a ncunu chi passava
Domandava: compara chi ura è?
E chijhu senza mu lu guarda
Rispundia: compara su li tre!

E l'acconzava propri a chijha ura
Ma non'era ca doppu lu stipava
Si lu girava sempre nta Ii mani
Fina chi n'attru si nda presentava.

Non'appena chi l'attru mbicinava
Lestu nci domandava chi ura è;
si compara! È quasi l'una e menza...
Cuomu?...ca mo mi dissaru li tre!...
.
Intantu ogni momentu lu girava,
S'arrabbiava devieru e jiastimava.
Stu riuoggiu per Dio non vajie buonu
E finalmente finia chi lu stipava.

Sapienu tutti ch'era na manìa
Ed a capocchia l'ura nci dicìa
Non'è ca lu guardava devieru
Fhacia ca guarda e doppu si nda jia.

 

Gloria Antica

Io vinni mu ti truavu, terra mia,

pecchì , prima 'e lassara chistu mundu,

vorrissa canuscira 'u megghiu 'e tia;

'a gloria d'o passatu chi tu hai 'nfundu.

Sapire pecchi 'i greci ti scegghjiru

pe' fare centri d'arte e de cultura;

“Enotria”, terra 'e vinu ti chjamaru,

d'a Magna Grecia fhusti 'nu splendure.

'Sti monumenti, 'sti cattedrali,

castelli 'mpisi supra munti e supra mari,

' su' testimoni de “gloria antica”

de gente nobile chi bbinne mu ti vide e

s ' incantau.

Mo para ca nui tutti ni scordamma

de' i valorosi Svevi e Bizzantini;

schiavi d'o sordu tutti diventamma,

criandu latri, furbi e malandrini.

Ma, 'nta 'sta terra tutt'abbandunata,

sutt'a 'stu cielu chinu de culuri,

ammenzu a la gramigna, s 'intravida

'na luce de speranza ch'è 'a cultura.

Coraggiu, terra mia, no' t'abbilira,

a puru si 'a menzannotta e scura assai,

u c'a' rota de lu mundu sempa gira

e, 'u jiornu arriva, e tu risplenderai!

 

Al mio Paese

È  fra i  cento mille sguardi di luce che ammanta

di rosso il Golfo che ti perdi nell ultimo pensiero

Lo lasci a S. Maria in faccia alla sera .

Il vecchio pioppo ti racconta il vento di sempre

e l’ eco alla fontana è  il cabto antico della donna  .

Oh mia sera . Oh mio paese ancora e mai perduto

conosci che l’ inverno incede  del vento nuovo

e della Luna che ancora non ci lascia.



'A lIberta'

L'ordinanza d'o Sindacu dicìa:

de mò 'nd’ avanzi nente cchjiù gajini

né púarci 'mu si vidanu pe' bbia!

Mu obbidiscianu mò i cittadini,

pe' nommu dure cchjiù 'sta porcheria!

De tri paisi tutti i cuntadini

s'arribbejàru, ‘ ca ognunu volìa

“a libertà pe' i púarci e li gajhini!

Gajhini e púarci facìanu “e spazzini “,

e i mundizzi facìanu scumparire,

… ma dassàvanu, doppu, i... cacatini.

Cu protestava no m‘potìa sapire

ca 'a libertà è cúamu i medicini:

si ti nda pigghji troppu púe morire!

NOTE

L'episodio si riferisce alla comparsa dei primi provvedimenti a favore dell'igiene pubblica; ma il provvedimento ricordato non era il solo: quanto si era fatto o si doveva ancora fare per gli altri essenziali servizi ?

- lo smaltimento dei rifiuti, le fognature, l'acqua, ecc...?

Araco

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-7.jpg
Chi è online
 19 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante