Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

E' Deceduta

La Sig.ra   Vittoria  Dattilo Read more

Per Non Dimenticare

Per Non Dimenticare ... Read more

Era il 9 Maggio 1928

  Oggi 9 maggio 1928. Un fatto del passato ... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Nicolina  Braccio  in  Esposito Read more

Cordoglio per la morte di Natale Amantea

  per anni già Sindaco di Maida   Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Tre Poesie

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Tre Poesie

Non Più -     A Raul -   Lu Cane e  lu Sciancatu

 

Non più


verdi orti in pianura,

o in collina,

all'ombra del Paese.


Mancano ormai

mani callose,

linfa umana

e sudore di braccia

che umida e fertile

rendevano la terra.


A guardare,

intatto

è solo

l'orizzonte più

lontano;


Non più

alberi stagliati

su cielo azzurro,

sereno.

Solo arbusti,

rami secchi,

terra incolta,

arsa,

assolata.


Che pena,

terra desolata...

abbandonata.

 

 

 


A Raul

E no' nda cíedí mai,

no' ti ricuojji,

chi succedìu, chi fù!

No' nda perduni nujha!


Riposati 'nu puocu

...e pua ripígghji.

PE LI STRATI

Io, cridimi, ti capiscíu:

quandu ti dinnu trasa

ai  'pemmu trasi,

ca chijhu chi dessi 'oja

pua si perde.


Vai bussandu sempra

e no ripuosi mai:

cuomu lu fhorgíaru fhai

dallando sempra vai.


Fallu mu si rifhrídda!

Ricettati 'nu puocu!

Trovati n’uortu buonu,

dunanci tuttu e  curatìlu!

 


Comprendendo il bisogno di libertà  e  le necessità dell 'età,   paragono la

situazione di questo mio figlio ad un fabbro quando batte il ďrro rovente

per plasmarlo, per non perdere l'attimo propizio per avere i risultati

desiderati. "....u ƒìerru no' dassa mai mu si rifhridde pe no' mmu perde  la

cadda ".

Il consiglio che mi sento di dare in questo momento, è questo: frena,

riposati un pò, "Ricettatí 'nu puocu ", cercati un ortìcello e curatilu !

'28

 

 


Lu Cane e lu   Sciancatu


Cane , pecchi tu azzanni sempr'ammia

chi de lu mundu su lu cchiu sciancatu?

no' puozzu mai passara pe' 'sta via

ca , cuomu passu, sugnu muzzicatu.


Vidi passare a l'atri e ...jioculiji;

muovi la cuda e fai tanti muini,

pua smirci a  'mmia chi ssu' malu vestutu,

grigni , mi mustri 'i dianti e mi ruvini.


Pecchìi ... pecchii...

Vavattinda , pristu ccà...

Pecchìi... pecchì?..,


Tu no' mi dassi, passare

Pecchì... pecchìi...

propriu a 'mmia tu vai m'azzanni,

Pecchìi›... Pecchi?...

Vua ‘u mi scianchi tutti ‘i panni.


Mi riduci cchiù  sciancatu,

accussì sugnu azzannatu,

atri cani cuomu a 'ttia

chi mi sbarranu la via.


Cane , chi voi de mia? non'haiu nenta!

sulu 'stu tuozzu 'e pane pe ‘a jiornata,

si 'u vue t'i  lu dugnu a 'ttia e io riastu senza,

ma vavattinda e lassami la strata.


Gurdati cane, ... te! no' m’abbajiare!

No t’appricare s'io riastu dijiunu;

‘ngrassati puarcu …te! ma lassami stare;

la genta cuamu a  'mmia, no” l'azzannara.


 

e questa si commenta da sola .....quantu   cani  e   cuantu   sciancati onesti ... 'pe  li  strati !

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-13.jpg
Chi è online
 19 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante