Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Per Non Dimenticare

Per Non Dimenticare ... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra   Vittoria  Dattilo Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Cordoglio per la morte di Natale Amantea

  per anni già Sindaco di Maida   Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Nicolina  Braccio  in  Esposito Read more

Il Ricordo delle Foibe

  La crudeltà con la quale sono stati compiuti ... Read more

Tre Poesie

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Tre Poesie

FilomenaLe Lacrime La Lambada

 

 

Filomena

de lu sgrusciu ti canusciu

quandu passi pe’ li strati;

io canusciu li pedati

chi tu mini, Filomè.

 

No’ cercare de cangiare

li scarpini cu’ 'i ciabbatti

pecchì, quandu i piedi batti,

io gia sacciu ca si’ tu.

no' mi puozzu mai sbagghiare,

e ti dicu lu perchì;


ogni passu è ’nu bussare;

tuppe, tuppe, ‘mpiettu a mmè.

de lu sgrusciu ti canusciu

quandu passi pe' li strati,

pecch'io cuntu li pedati

cu' 'stu core, filomè.

di Aracri

47

 


LACRIME

 

 

Le Lacrime

non cancellano il dolore,

ma lo riportano alla mente,

lo fanno scivolare sulle braccia,

te lo ritrovi sulle mani,

e . . . rimane imperterrito nel tuo cuore


Le Lacrime

lnumidiscono il viso

bagnano fazzoletti,

arrossiscono gli occhi,

fanno gocciolare il naso,

ma . . .fanno riaffiorare tristi ricordi.


Le Lacrime

Non giustificano colpe,

non cancellano parole,

non dimenticano gesti,

non implorano perdono,

ma . . . nascondono porte aperte.


di Giovambattista ed Ernesto Gaudino - Foglie d'Autunno


92


La Lambada

Cinquantanni aju e cchjù.

Nd'aju vistu e chisti tíempi,

ma chi vitta l'atra sira

aspettati mu vi cuntu.


A 'na seggia er'assettatu

sulu sulu e quietu quietu.

Pemmu passu 'na menz'ura

m'appicciai a tv.


L'uacchj tanti strampujhai

pemmu guardu ancora miejju

tanti fimmini arrabbiati

cu certi omani jungiuti:


si torcianu, si giravanu,

i hjanchíetti, tutti nudi,

rotíjandu si toccavanu

e cu u culu s'annacavanu

cuomu quandu ca cernianu.


E' 'na vera cannunata

chistu ballu d'a lambada!

Vecchjariejhi e cotraruni,

quandu vidanu stu ballu,

stannu sempra cchjù appricati

e cu a vucca spalancata

pemmu guardanu i muossi,

mu s'u mparanu cchjù priestu

nò mu passanu pe fessi.


Puru io mo staju attientu .

ca stu ballu m'attira tantu!


di Vito Conidi      - Penzieri  - Paruali

Il ballo di cui parlo, perché allora di gran moda, è la Lambada.

Mentre assistevo ad uno spettacolo televisivo, sono stato colpito da questo ballo, perla sinuosità delle ballerine, per il suo procedere, almeno per me, un tantino trascinante s'annacavanu cuomu quandu ca cernianu":

Piaceva a tutti: uomini, donne, giovani, anziani, giovanissimi.

Ho potuto notare che si seguiva con molta attenzione, perché quasi in tutti c'era il desiderio di esprimersi nel ritmo sud-americano.

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-14.jpg
Chi è online
 16 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante