Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

E' Deceduto

Il SIg.  Marco  Tedesco Read more

Luigino...Chi Mai Sarà Stato !

Un ricordo è un ricordo. E’ qualcosa che arriv... Read more

Per non Dimenticare Capaci

Falcone e Borsellino Improvvisamente, l’infer... Read more

Racconti e Memorie per il Futuro

  La Citatejha era "inchjuta" de perzuni ! . ... Read more

Ada Murolo

I

Incontri & Recensioni

Ada Murolo

Leggere ,anche,a lume di candela.

" Leggevo ,c'era un temporale, era saltata la luce. Ricordo di avere acceso una candela ed aver proseguito la lettura: per me quell'immagine - io che leggo a lume di candela - è diventata il simbolo della mia passione. Io leggo, sempre, ovunque. E amo parlare di libri, per farli amare dagli altri."

 

 

 

 

Ada Murolo

IL MARE DI PALIZZI (Frassinelli)

La trama e le recensioni di Il mare di Palizzi, romanzo di Ada Murolo edito da Frassinelli. Dopo molti anni trascorsi altrove, Adela ritorna a Palizzi, sulla costa di quel mare Ionio che «non è mare nostro, spaventa», come scriveva Pasolini.

 

Lì, in quel mucchio di case sul mare, Adela si ferma a guardare, ormai solo da lontano, la vecchia casa di famiglia, di recente venduta dalla madre Lili, e la terrazza affacciata sull'azzurro del cielo. E, di colpo, ridiventa Adelina: la bambina dagli occhi grandi e i capelli nerissimi che dal balcone osservava la vita svolgersi sotto, la piazza animarsi, e in lontananza il mare.

La stessa bambina che, con la manina stretta dentro quella grossa e ruvida della tata, la Barbera, gironzolava per il paese, tra la bottega di spezie dello zio Paolo, il laboratorio magico della sarta Olimpia, dove nascevano tutti i suoi vestitini, e le case delle compagne, piene di giochi più misteriosi dei suoi.

La bambina che, per il resto della sua vita, avrebbe inseguito l'amore sfuggente della madre, si sarebbe chiesta le ragioni della freddezza del fratello Daddo, un tempo compagno inseparabile, e avrebbe avuto un solo, dolcissimo rifugio: l'abbraccio del padre Beniamino.

Oggi Adela è tornata in quei luoghi: per rimettere insieme i fili di una vita spesa lontano, e per chiedere a chi è rimasto - la madre, il fratello -? di ricordare, anche loro, come lei. Perché cosa siamo noi se non la nostra memoria? Il mare di Palizzi è un'opera prima di rara bellezza: un romanzo intriso di nostalgia, intessuto di personalissimi rimandi letterari e poetici, che sono un grande omaggio alla nostra letteratura, da Montale ad Anna Maria Ortese a Natalia Ginzburg. Un libro che si legge con gli occhi lucidi di commozione dalla prima all'ultima pagina."


Ada Murolo

SI PUÒ TORNARE INDIETRO ? ” ( Astoria )

Tutta la vita in un giorno. Sono tanti i romanzi che hanno condensato tutta la vita in un giorno. Citiamo i più famosi, l’”Ulisse” di Joyce, o “Mrs. Dalloway” di Virginia Woolf. Oppure “Una giornata perfetta” della nostra Melania Mazzucco da cui il regista Ozpetek ha tratto un film. Sul grande schermo anche “Una giornata particolare” con Marcello Mastroianni e Sophia Loren mette a fuoco la vita dei due protagonisti in una sola giornata, quella del 6 maggio 1938, quando Hitler è in visita a Roma.

Un’altra giornata eccezionale in “Si può tornare indietro” di Ada Murolo- il 4 novembre 1954, data che segna l’annessione di Trieste all’Italia. Tripudio della gente in piazza Unità d’Italia. Il tricolore che sventola ovunque, che occhieggia nelle vetrine negli accostamenti più insoliti- tre ombrelli, bianco, rosso e verde, tre paia di guanti, ci si può sbizzarrire.

La guerra è finita da nove anni. Sono pochi, sono tanti. Pochi per essere usciti dalla miseria e per avere dimenticato. Tanti per essere cambiati, perché il tempo segna inesorabilmente le persone. Due donne sono le protagoniste di questa giorno, si conoscevano molto bene, erano amiche, tanto amiche che una, Alina, era stata l’unica a sapere della gravidanza non voluta dell’altra, Berta. La aveva perfino accompagnata, in gran segreto, da una di quelle donne che facevano abortire- se ne erano venute via senza fare nulla. E, al rientro a casa, Alina non aveva più trovato la madre, il suo mondo si era capovolto. Era il 1943

.

Oggi, 4 novembre 1954, Berta e Alina sono entrambe nella folla in festa, senza sapere nulla l’una dell’altra. Berta è tornata a vivere a Trieste da pochi mesi dopo aver seguito in Romagna l’uomo che l’aveva messa incinta e poi sposata. Un matrimonio infelice da cui erano nate due bambine. Non è felice neppure a Trieste, Berta, assediata dal cognato che era stato fascista ed era uno dei due militi che avevano portato via la madre di Alina.

Alina è internata nel manicomio di San Giovanni e questa mattina è scappata fuori. E’ spaesata, sente gridare, non sa distinguere il vociare di esultanza da quello pauroso che le rintrona nella mente. Quando le chiedono il nome, Alina mostra il numero sul braccio. In mezzo alla gente vede una testa di donna che le pare di riconoscere, ma sì, è sua madre, deve essere sua madre perché ne riconosce gli orecchini di brillanti.


Presente e passato si alternano nelle pagine del romanzo di Ada Murolo che non fa l’errore di ‘immaginare’ o riportare testimonianze dei campi di concentramento. I ricordi dell’orrore sono quelli annebbiati nella mente di Alina traumatizzata e segnata per sempre dalla tragedia e i giorni della discesa agli inferi di Alina, i momenti bui della storia d’Italia che nessuno vuole ricordare o anche solo ammettere che ci siano stati- le delazioni per un po’ di soldi, le retate, la Risiera di San Sabba che fu usata dapprima come campo di prigionia e di smistamento ma che poi ‘si arricchì’ di un forno crematorio, i treni piombati- si alternano con le vicende di Berta, sposa infelice insidiata dal suocero in “Italia” mentre si strugge di nostalgia per la sua Trieste, per poi passare al presente, alle ore in piazza, a quel rincorrersi inconsapevole di Berta e Alina. Si incontreranno? Si riconosceranno? Soprattutto, si può tornare indietro?

Il finale di “Si può tornare indietro?” è aperto. Se tornare indietro significa cancellare il passato, questo è indelebile come i numeri tatuati sul braccio di Alina. Non si può dimenticare, come non si possono eliminare le due bambine di Berta.

Se invece significa accettare quello che è stato, riconoscere le colpe e gli errori, tornare indietro per poi andare avanti nella luce, ricucendo gli strappi della vita, allora forse sì. Forse è questo quello che ci vuol dire questo libro che si apre mettendo a fuoco l’immagine di un bacio immortalato dalla macchina fotografica- la ragazza che saluta il soldato americano che lascia Trieste, sospesa in aria tra le braccia di lui che si affaccia dal finestrino del treno.

Le truppe straniere lasciano Trieste. C’è stato il Male, c’è stato anche il Bene, se guardiamo la ragazza innamorata. Prendiamo entrambi.

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-8.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante