Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Dialettando con la Poesia

Dialettando nel Tempo Siamo fatti di tempo. ... Read more

Il Ricordo delle Foibe

  La crudeltà con la quale sono stati compiuti ... Read more

Inquinamento Luminoso

Luce e Inquinamento Luminoso La luce per la ma... Read more

E' Venuta a Mancare

La Sig.ra Giovanna Soverati                       ... Read more

Tre Poesie

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Tre Poesie

Duva  Vai - Lacrime -  A  Mpruenza


 

Duva Vai ?

duva vai ?

duva vai?

si stancu de la vita, duva vai?

tu cridi ca cangiandu panorama, ,,-

lu dolura c’hai `ntr’o cora, comu nenta.

s`alluntana ?


duva vai ?



fermati, no' scappara, duva vai?

guardati dintr’u fundu de lu cora,

cerca e trova la raggiuna chi ti duna dispiaciri.

pecchì duva ca vai ti porti appressu

`stu carricu de guai chi ti turmenta.


e, finaquandu no' pulizzi 'a menta,

chistu currira, no’ cangia nenta.

 


duva vai ?

Cu’ 'stu bagagghiu appressu duva vai?

si veramenta ti vua libberara

d'a tagghiola chi t'affuca hai ‘e restara ccà cu’

'ttia

 


duva vai?

nujdhu ti po' aiutara, duva vai?

tu sulu si’ cu’ ttia matina e sira

e, tu sulu pua sapira chijdhu c”hai dintra de tia.

45 dalla raccolta “ E cuamu ti vinna a mmenta” di Domenico Aracri

 

 


 

LACRIME

Le Lacrime

non cancellano il dolore,

ma lo riportano alla mente,

lo fanno scivolare sulle braccia,

te lo ritrovi sulle mani,

-e . . _ rimane imperterrito nel tuo cuore.



Le Lacrime

lnumidiscono il viso,

bagnano fazzoletti,

arrossiscono gli occhi,

fanno gocciolare il naso,

ma .. .fanno riaffiorare tristi ricordi.

 


Le Lacrime

Non giustificano colpe,

non cancellano parole,

non dimenticano gesti,

non implorano perdono,

ma . . . nascondono porte aperte.


92 dalla raccolta “Foglie D’autunno-Poesie dialettali e non “ di Giovambattista e Ernesto Gaudino

 

 

 

 


A Mpruenza

Quand'arrivanu sti tiempi

cu si curca a destra

e cui a sinistra:


Prima a chjamavanu a cinese,

mo dinnu ch'è a spagnola,

a russa, a spaziale o a livomese,

ma è 'na cazza e freva

C'ammuscia tutti 1'ossa!


Omani e filmnini,

schjetti e maritati,

viecchj e cotrari

ni curca pari pari!


No' sienti famí,

u nasu e l'uocchj

curranu a funtana,

i gambi cichijhíjanu,

a testa para sbacantata.


Chjamatala cuomu voliti,

u fattu è chistu:

quandu n'ava 'acchjappati

ni dassa a tutti ncazzunuti!


Dalla raccolta “penzieri e paluori “ di vito conidi

In Autunno o in Inverno arriva "'na cazza e ƒreva c'ammuscia tutti l'ossa" : è l'influenza cui danno nomi diversi di anno in anno.

Non risparmia nessuno: " ni curca pari pari! ".

Anche se il nome cambia, l'effetto è quasi sempre lo stesso ci lascia storditi con un indolenzimento generale. ,

24

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-4.jpg
Chi è online
 12 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante