Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

Ci Siamo

XX   Da poco sono state  superate le 170.000 vi... Read more

Erano i Giorni della Merla

Il Platano di Curinga. E' il platano millenar... Read more

E' scomparso a Soriano

  E' scomparso V. Fatiga   Read more

Jacurso e Lamezia

Jacurso e Lamezia Read more

Alla Ricerca del Futuro

  Fanno parte di quel mondo vissuto anche i fra... Read more

E' Deceduto

Giuseppe  Serratore   Read more

Ultimi Frammenti di un Mondo Perduto

  Tanto ma tanto tempo fa gli Dei cercavan... Read more

E' Deceduta

Maria Ciliberti   Read more

A proposito di rifiuti

 

 

 

 

Cuamu  vi  vinne a ‘mmente !”

 

L’espressione ,nel mondo contadino e artigianale ,era il modo immediato per esternare una soddisfazione . Porre rimedio, con una trovata intelligente, ad una difficoltà e mandare  avanti un lavoro , costituiva l’ingegno continuo dei nostri padri che ,privi di mezzi ,allenavano continuamente l’ingegno.

Oggi quel mondo è quasi del tutto sparito o sta per esserlo e questa espressione diventa sempre più rara tra coloro che ogni giorno si affardellano per porre  riparo alle afflizioni giornaliere. I nostri amministratori ,che contadini o artigiani non sono ma ben altro , difronte al problemi  dei rifiuti ,hanno avuto “ in ‘mmente “ di rivolgersi nientemeno che a una regione amica e con la quale si collabora dal tempo dei Savoia.

Gli amministratori di quella fortunata terra, il Piemonte ,hanno giustamente risposto ..N0 !  semmai vi mandiamo i nostri ,quelli speciali ,ma i vostri (da pattumiera ) teneteveli e imparate a  smaltirveli  da soli !

 

 

"I nostri impianti -ha aggiunto l'assessore regionale all'Ambiente Roberto Ravello- sono stati realizzati per gestire una tipologia di rifiuto caratterizzata da un’alta percentuale di raccolta differenzia; nel caso della Calabria, si tratta di rifiuto tal quale, pertanto non compatibile con il nostro sistema”.

Giusto ! Dobbiamo cominciare a programmare i nostri zozzi, poveri e umili  rifiuti o da incapaci  si va a casa. Non risulta sia stato mai fatto un passo serio  in tale direzione e al fallimento dei vari commissariamenti cominciati nel lontano 1997. Si è giocato a scaricabarile all'interno della regione,non si è mai pensato alla differenziazione incentivata e motivata nè si è mai ipotizzato un investimento economico sull'impiantistica del riciclaggio .

Qualche nostro amministratore locale (del  litorale Cosentino) in verità un’idea gli era  pure  “ venuta  a ‘mmente “ . Ricopiandola dal nostro passato, quando le molliche  di pane non si conferivano nella busta ma si “ scotulavanu “  e insieme ad  altri “avanzi”  (pochi)  divenivano  “ il mangiare “ per galline ,maiali  e cani. Io me lo ricordo bene . Non c’era  granchè  da  “rifiutare “ .Gli scarti commestibili sfamavano le bestie  e gli altri ,biologicamente degradabili, concimavano le campagne.

Si parlava poco di tumori e diossine e le comunità non avevano tempo per le proteste  con gli striscioni. Oggi quell'amministratore  ha reintrodotto le galline come operatrici ecologiche e produttrici di uova come quelli di una volta.Ma nella bassa Calabria pare che le  "pecore" saranno operatrici ecologiche nel parco degli scavi.

Da noi,Il buon Pasquale e il Vigile Peppino spesso si portavano  nel nostro vasto territorio. Si imbattevano in carcasse di macchine, fustoni e abbandoni vari. Qualche volta  “ispezionavano “ gli abbandoni e rintracciavano i depositari …La discarica  era controllata e quasi biodegradabile ,ciclicamente veniva compattata con la ruspa. Il servizio rifiuti funzionava e nessuno ha mai protestato.

Ma i tempi sono cambiati e di tanto !. In bene certamente  per la tutela dell’igiene, meno per l’ambiente  ma  con soddisfazione per quella consumistica. Oggi ,comprare  una fetta di formaggio significa portarsi a casa ,il prodotto incartato , la guantierina di polistirolo bianco  e tanta  pellicola trasparente. Per l’igiene del prodotto la sola carta non potrebbe già bastare ?  Ma poi se non metti queste cose, non vanno in crisi le aziende e ti licenziano i lavoratori ? E allora si demanda più di un compitino alla scuola dove si lavora poco  e si può fare perciò… l’educazione ambientale,  l’educazione stradale, l’educazione alla legalità, l’educazione sessuale, l’educazione alla convivenza civile ,il patentino  ….Quante educazioni ! Nella scuola ai ragazzi andrebbe  prima di tutto insegnato   il Latino la Matematica il Disegno l’Informatica  e l’Italiano perché il Prof.  o la Prof.  di  Elettrotecnica  non devono  parlare di ambiente o di sesso  ma insegnare bene le loro conoscenze! E la Scuola ,quella che forma, sta fuori ,tra la gente.

I nostri amministratori ,considerato che oggi la politica è un mestiere cioè una professione, avrebbero  però bisogno delle  conoscenze sul  territorio che amministrano . Bisognerebbe percorrerlo il territorio,assaporarlo e non approvare un piano disegnando aree (sulla carta ) per destinazioni inadatte o stilare un programma  senza aver conosciuto le bellezze o le asperità di un luogo.

Conoscerne ,cioè, le risorse ,le potenzialità e destinarne  l’utilizzo dovrebbe essere una cosa fatta " per davvero". Nel territorio calabrese ed italiano, esistono indubbiamente i siti ottimali  che possono ospitare certamente le discariche controllate, gli inceneritori e i differenziatori per il riciclaggio dei materiali “buoni “. Pensiamo alle lattine di birra e coca cola (alluminio) ai componenti elettronici (oro e rame ). I rifiuti vanno certamente differenziati ,riutilizzati e smaltiti ma sul territorio . Dove sono stati  prodotti e non certamente spediti all’estero .Forse che all'estero sono più capaci o hanno solo deserti ?

Sicuramente saranno più attenti alle necessità sociali.La collettività deve anche  imparare a riciclare, differenziare ,essere meno sporcacciona, fare meno…olà ! con le buste sulle strade  , ai bordi dei sentieri ,le lavatrici negli alvei dei fiumi, i materassi nei boschi. Le proteste  procedono dopo i sani e civili comportamenti e ,se giuste, devono essere ascoltate . Troppo spesso arrivano  per l’incapacità di adeguate scelte politiche e soprattutto per la marginalità ritagliata alla collettività che spesso, se non sempre, resta esclusa dalle scelte operate da chi ha virtualmente tutti gli strumenti per farlo e non lo fa.

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-3.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante