Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Appuntamento Viaggi - Vonella

Appuntamento Viaggi -   S. Vonella Alla vigilia... Read more

Nessun Luogo è Lontano

Gli Spiriti della Memoria - di Franco Nota... Read more

Appuntamento con il Libro

  L’Appuntamento con il Libro di Silvia Came... Read more

Libri alla Biblioteca

Consegna di Libri Nelle piccole  comunità ... Read more

E' deceduta

La Sig.ra  Faga Rosa  Maria Read more

E' Deceduto

Il Sig. Michele  Dattilo   Read more

Giornata sulla Memoria Fotografica

La Giornata sulla Memoria Fotografica La ... Read more

Monte Contessa

Monte Contessa

Il Monte Contessa e le colture alla base dell'altura

 

Monte Contessa, negli anni 50 ,era solamente un’altura ricoperta in qualche zona da arbusti spontanei  e  in altre dalla tipica macchia mediterranea.La parte più consistente  (ai piedi del monte) era costituito da terreno ben lavorato e segmentato a protezione degli eventi atmosferici .

Piogge ,vento e neve erano le insidie più ricorrenti per un territorio in pendio che andava a declinare dai novecento metri sino ai settecento della base montuosa. Qui i terreni venivano coltivati utilizzando l’aratura con i buoi e la forza successiva della zappa. Lupini,avena,grano,orzo ,"ndianu" ed altre specie di cereali venivano coltivate per uso alimentare sia delle persone che degli animali. Sul monte esisteva solo una grande croce infissa nel settembre del 1900 ed il resto era come la natura aveva predisposto. Le pinete vennero impiantate negli anni 50 con i cantieri di lavoro,non esistevano pali per le linee telefoniche e le condutture elettriche sui tralicci.Il fabbricato e la grande antenna della SIP furono costruiti,sulla cima ,negli anni '70 .I ripetitori delle TV private negli anni '80 .Le pale eoliche arrivarono negli anni 2000.Le strade ,asfaltate,presero forma contemporaneamente a queste opere . La viabilità,prima, era quella essenziale  per il passaggio dei carri ,degli asini e delle persone. Acquari capienti e mantenuti  aperti e liberi da fogliame ed erbe infestanti costituivano la linfa indispensabile per  alimentare d’acqua le coltivazioni. Avevano un percorso molto lungo e si alimentavano con le acque del Pilla.Poi furono sostituiti con condotte interrate negli anni '70. La foto che vi proponiamo e che cortesemente mette a disposizione il nostro amico arch. Mimmo Mazza è una testimonianza di quei tempi lontani quando col vento, la pioggia ,la neve o il caldo i nostri contadini mantenevano salubre “la montagna” e non c’era pezzetto di terreno che rimaneva incolto. Tante case,in pietra e ben inserite nel territorio,restano solo la testimonianza di un passato laborioso.

 Cantieri di lavoro per il  rimboschimento (anni '50)

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-1.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante