Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Dialettando con la Poesia

Dialettando nel Tempo Siamo fatti di tempo. ... Read more

Il Ricordo delle Foibe

  La crudeltà con la quale sono stati compiuti ... Read more

Inquinamento Luminoso

Luce e Inquinamento Luminoso La luce per la ma... Read more

E' Venuta a Mancare

La Sig.ra Giovanna Soverati                       ... Read more

Inquinamento Luminoso

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Luce e Inquinamento Luminoso

La luce per la maggior parte dei sistemi biologici è un fattore vitale, così come l’alternarsi tra il giorno  e la notte che ha accompagnato l’evoluzione dell’uomo , degli animali e  dei vegetali per centinaia di milioni d’anni.

 

 

 

Quando si leggeva al focolare

Due candele accese in una stanza  erano sufficienti per sferruzzare  , rattoppare , stirare o preparare l’impasto per il pane.  Abitualmente , dunque , in quelle piccole stanze del Jacurso primo novecento, bastava la lumera  per  esorcizzare la paura del buio .Una o due candele, più che sufficienti con il tremolante bagliore  di luce giallognola capace a far  leggere una pagina di libro , di Giornale  o il Lunario di Barbanera - per chi sapeva - . Alle spalle il resto della stanza era solo semioscurità. Ma che importava . D’inverno si ingannava il tempo seduti in pace al calore del focolare  , le gambe stese a scaldare e trovar sollievo trastullandosi a girare a riattizzare i focosi legni   ardenti.

Il fuoco , da sempre , ha l’affascinante potere di far  trascorrere tempo solo a guardare i ceppi consumarsi, le fiamme danzare, le braci brillare di un rosso acceso... Un vero e proprio spettacolo dal vivo offerto ai nostri occhi di ragazzi .

In questi nostri giorni, invece, in certi salotti il caminetto , che ha sostituito malamente il focolare , è dotato persino del simulatore di fiamma e del  legno scoppiettante.

Alle vampate della legna vera, nel nostro focolare , si aggiungeva anche  l’effetto acustico vero: crepitii, sibili , fruscii ,fischi . Rumori delicati che accarezzano ancora le orecchie senza mai disturbare il cervello. Quanti ricordano  quel botto dirompente da un legno tosto e , a seguire ,  le  scintille impazzite che arrivavano sulle gambe senza ferire . Dialettalmente li chiamavamo “ Spissijhi “

Quanto all'olfatto, il piacere era garantito: il profumo naturale del legno sotto una panca, in attesa della sua ora, e l'incomparabile odore che fuoriesce da un focolare a fuoco aperto non è facile a dire . Ci vuole un buon naso e un bel respiro . Questo è Pino , “ Cerza “...Olivo … Fagio….Abete …Alloro ….(che profumo aromatico l’alloro!) e tutto sembrava  immaginato per la gioia del nostro olfatto.

Ma rilassarsi vicino al fuoco significava e significa  anche concedersi una pausa, un istante di vita a rallentatore, con un'atmosfera propizia alla lettura, ai racconti , alla meditazione, o più semplicemente al riposo. E nessun rischio di annoiarsi, il fuoco ha la virtù di essere divertente, reclamando in qualsiasi istante una gradevole attenzione.

Il territorio e ,sotto, Jacurso di notte

Poi arrivò la corrente elettrica e , per la novità di questa innovativa luce bianca,  fu tutta un’altra cosa . L’impegno serale si era materializzato per  una lampadina   appesa a due fili rivestiti con una sorta di calza intrecciata . In cima alla scala una sorta di apertura frontale in tavole di legno portava direttamente al piano che già ,a portata di mano , i due fili  attorcigliati aspettavano per essere tirati su  dal piano basso  attraverso un foro abilmente   praticato nel soffitto. Ma quale impianto ! Avere la “ corrente “ in casa era solo questo. Le lampadine fisse nelle stanze con l’interruttore sarebbero arrivate più tardi. Per l’adesso di quel tempo la lampadina “ si svitava “

A Jacurso arrivò nel 1932 e fu distribuita  attraverso fili nudi di rame che passavano sotto le tegole e  che  , su mensole e isolatori  ancorati ai muri delle case   correvano a portare corrente ai  bracci dell’illuminazione pubblica.

Un braccio, una piattina e la lampadina con una lucetta quanto basta .Poi vennero allacciate anche le abitazioni che così potevano usufruire  di questo bene serale mai goduto prima . Ma a pagamento .Nelle case, per la cottura dei pasti, il fuoco era ancora il re dell’energia termica adatto ai freddolosi bisogni serali del periodo invernale . La corrente elettrica serviva solo ad alimentare le prime lampadine che “ producevano mirabilmente quella luce bianca e meglio diffusa “ . Per tal uso serale, all’inizio le case venivano allacciate alla distribuzione pubblica cioè in concomitanza della sera quando si dava corrente alla pubblica illuminazione.

Non c’era sperpero e neanche inquinamento luminoso . Poi , durante la guerra si tornò all’oscuramento sia stradale che abitativo e , a stento e porta chiusa, si rischiava la contravvenzione  a tenere accesa non la luce  ma la candela o la Lumera.

Immancabilmente annerito dalla persistente infiltrazione del fumo che " catramava " le tavole dei soffitti ,non c’era riflessione ma tanto si ignorava e , altro non avendo ,si stava da signori.

 

La candela

Insieme alla lumera e al Lume , la Candela fu  la prima fonte di energia luminosa capace di assegnare  anche l’unità di misura a questa nascente e  sconosciuta risorsa luminosa.

Candela per metro quadrato (cd/m²) fu ed è ancora  l’unità fotometrica di luminanza del Sistema Internazionale e viene utilizzata quale quantità della luce emessa in un area di 1mq. Per render meglio il concetto è facile osservare la figura.

E’ trascorso troppo tempo da quei bracci con la piattina e una luce fioca agli angoli delle strade appena sufficienti per guadagnare la via di casa . Ripensando era più romantico e complice quel tempo ad aspettare, nella penombra e sotto un arco, che si aprisse un portellino…una porta. A Jacurso ,quanto altrove, per i Romeo e Giulietta del tempo, le penombre , gli angoli ,le scale esterne si palesavano gli ideali ripari per promettersi amore eterno !

A raffronto degli aridi messaggini di oggi e alla facilità degli incontri  non so quale comparazione possa reggere  a quelle amorose  fatiche fatte di patimenti nelle serate di freddo e vento . Sacrifici e patimenti  che portavano benessere … già che  non si avvertiva il peso di quel che si fa per l’ altro . Una condizione astratta di estremo appagamento e felicità a confronto dell’oggi dove , l’aspirazione a raggiungerla, è diventata una condizione normale.

 


Dall’educazione al risparmio  al consumare è Bello

All’indomani delle due Guerre la situazione economica e sociale aveva messo al chiodo tutte le famiglie e con le nuove situazioni di pace tra spesa e risparmio si rese  necessario mantenere un ragionevole equilibrio che il buon senso, la natura del lavoro, il poco posseduto, le condizioni famigliari e l’età  regolamentavano il modo per come poteva essere guadagnato.

Il risparmio e non lo spreco è stato l’equilibrio fondante che ci ha condotti al Boom economico . Poi la “democrazia del benessere” , che prende avvio negli Stati Uniti ,  si sviluppa anche da noi  a partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta.

Oggi ,considerando gli inquinamenti di cui il capitale umano è stato capace e responsabile, ci porta in crisi con noi stessi , in debito coi paesi sottosviluppati , con il pianeta e con la nostra sopravvivenza irta di disagi come le polveri sottili tra Lombardia ed Emilia.. Che fare ?. Siamo troppo poveri per dare soluzioni ma nella povertà sarebbe davvero sensato che padri e madri comincino a rientrare  in famiglia dal loro esilio.

Consumiamo troppa energia

Uno di questi incentivi al consumo di energia ha già prodotto , dunque , un notevole danno all’ambiente per le eccessive alterazioni . Tra queste cattive compagnie si accompagna , con una situazione per l'Italia abbastanza  compromessa,  persino quello luminoso .

Per iniziativa dell’Osservatorio Astronomico “Serafino Zani” di Lumezzane (BS) e con  altri  patrocini  l’attenzione , per il lungo periodo di trent’anni si è svolta in un sabato di Ottobre mentre  da quest’anno 2024 è stata anticipata  al 16 febbraio al fine di creare una proficua sinergia con la campagna informativa M’Illumino di Meno, organizzata dalla trasmissione Caterpillar di RaiRadio 2,

I primati dei consumi :

Quasi l’80 per cento della popolazione mondiale vive sotto  un cielo inquinato da luci artificiali e La Via Lattea , che si imparava a scuola senza capire tanto ,  è ormai invisibile a gran parte  dell’umanità.

La notizia peggiore , si legge , riguarda appunto  l’Italia che, a livello mondiale tra i paesi  sviluppati , si colloca  con la più elevata percentuale di territorio inquinato dalla luce artificiale. Otto italiani su dieci , pare , non possono vedere il cielo stellato incontaminato. Personalmente, pur nella preoccupazione dell’indifferenza alla quale siamo educati, c’è da cogliere un “aspetto favorevole “  derivante dal nostro sottosviluppo in quanto solo capace a preservare gran parte dei territori da inquinamenti di ogni sorta e tra questi quelli ambientali e paesaggistici .Non di meno a quello meno conosciuto dell’illuminamento diventato eccessivamente  “inquinante “ .  Ma non c’è da star tanto sereni.

Che cosa è l’inquinamento luminoso

L’inquinamento luminoso è l’introduzione diretta o indiretta di luce artificiale nell’ambiente ed è una delle forme più diffuse di alterazione ambientale

I led e l’inquinamento luminoso

Le lampade a led si stanno ampiamente diffondendo, in particolare nel settore dell’illuminazione pubblica, grazie ai loro bassi consumi. Proprio i led sembrerebbero giocare un ruolo importante nel livello di inquinamento luminoso nella parte blu dello spettro. Questo è legato al fatto che utilizzano luce con forti componenti bianco-blu che viene diffusa molto di più dalle molecole dell’atmosfera rispetto alla luce con una componente prevalente verso il giallo, come quella dei sistemi di illuminazione al sodio alta pressione prima utilizzati.

Ma i led consumano meno. E’ vero. Ma cosa costa distanziare cioè alternare , dopo una certa ora , le fonti luminose stradali e , alla pari , attenuare l’eccessiva visibilità di Palazzi , Monumenti , Piazze… riversando lo spreco con qualche controllo in più.

Spreco di energia e risorse economiche

I Comuni italiani spendono ogni anno un miliardo e 800 milioni di euro di elettricità, di cui due terzi di illuminazione pubblica. Siamo il paese a livello europeo che più spende per l’illuminazione pubblica. Ciascuno di noi consuma 100mila kWh ogni anno, il doppio dei tedeschi, degli inglesi e un terzo in più rispetto ai francesi ignorando che il pianeta ,dei quali siamo ospiti e non padroni ,ha già presentato da tempo il preoccupante stato di salute. Povere generazioni Z e future , se ci saranno.

E , a proposito di generazioni, Francesco Pellegrino e Umberto Ciliberto, Generazione Z ,giovanissimi di Jacurso  e animati da una sana voglia di sapere ,si sono spontaneamente avvicinati per recuperare alcuni dati del passato al fine (credo di aver capito )  rafforzare  un livello di coscienza comune su alcune tematiche principali quali l’ambiente, i diritti umani , le problematiche sociali che interessano i Paesi africani  , le questioni ambientali ,il nostro territorio , l’abitato ed in particolare  il cambiamento climatico e l’inquinamento.

Le due Americhe ,L'Europa , India,Russia  e Cina .Australia

Lo splendore  dell'Italia Settentrionale.

Quando ,nella ruga, si  "cummarihjava " alla luce del sole

Personalmente ho compreso che sentono una spinta propulsiva tipica della loro età, motivo per il quale si applicano con dedizione alle più disparate discipline occupando gli spazi vuoti post studio. In Particolare Francesco che si ripromette di impegnarsi a cancellare lo stereotipo appiccicato alla sua  generazione e vista in modo degradante che non risponde al vero atteggiamento e “ corregge ” che Rendere la società in cui viviamo più “sostenibile” è considerato un obiettivo importante dalla maggioranza della Generazione Z .

Umberto ,che non è da meno, è capace di selezionare invece i suoi interessi con più razionalità e si impegnerà a caratterizzare aspetti del territorio che si concretizzeranno con un evento finale. .  Dal momento che esiste troppa bellezza e troppo sapere da assimilare ,non so bene che cosa augurare a questi due che spontaneamente si avvicinano per farsi consegnare radici e futuro. !

 

..................................

Franco Casalinuovo - Francesco Pellegrino  -  Umberto Ciliberto

jacursoonline

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-1.jpg
Chi è online
 24 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante