Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Dialettando con la Poesia

Dialettando nel Tempo Siamo fatti di tempo. ... Read more

Il Ricordo delle Foibe

  La crudeltà con la quale sono stati compiuti ... Read more

Inquinamento Luminoso

Luce e Inquinamento Luminoso La luce per la ma... Read more

E' Venuta a Mancare

La Sig.ra Giovanna Soverati                       ... Read more

Si Chiamava Vicianzu

 

Era na vuce disperata,

cuntava la storia de la vita,

hfatta de miseria, ssofferenzi e pprivaziùani

chi ttoccava lu core de li gìanti.

 

Si chjiamava Vicìanzu

 

Caminava a scatti, cu la capu vascia,

no gguardava ‘nta l’ùacchji li cristiani,

li gambi li minava a strancaleddra,

era siccu, cùamu, de vìarnu, la prunara.

 

Avia perdutu, de tantu tìampu, li capiddri,

la varva la portava sempe longa,

tenìa nu culure-pallidu de cira,

passandu, salutava cu la manu.


Doppu dece anni, chjiusu a Cilihfarcu,

tornau a la casa de la citateddra,

non c’era cchjiù nnuddru, ormai, a l’aspettare,

Maria, cu li hfigghjiuali, si ‘nda jiu.


Campava sulu-sulu,

de tristezzi, ricùardi e ffantasie,

com’eranu belli chiddri sabati a ssira,

passati cu ttutti quanti in allegria….


No ‘nc’era la radiu e mancu lu visore,

lu vinu a la testa, la capu malata,

pìatti e mmarmitti, cuverchjia e bùatti,

sbattuti ccà e ddrà,


bicchera e fforchetti, cucchhjiari e ttazzoni,

bottigghji e ccoppini,

era musica vera,

chi bbenìa de l’abissu;


ritmi ‘mpocati, afforza abballati,

lu dìavulu ‘ncùarpu, la mente mucata,

e ttutti a ssubire lu volìre alteratu,

li sìansi scioddrati, lu fisicu spattu.


Quanti pensìari, quanti doluri,

quanti occasiùani jiettati a lu vìantu,

povari gìanti, randi e ffigghjiùali

tenuti luntani de atri perzuni.


E mò, tenìa nu strumentu,

nu cantu, malinconicu, si udìa,

la hfisarmonica,

strillava a squarciagola.


Ciangìa e ggridava cùamu nu hfigghiùalu,

lu bene de la vita era perdutu,

la mamma, la hfamigghjia, la mugghjiere

e ttutti li zzitìaddri.


Era na vuce disperata,

cuntava la storia de la vita,

hfatta de miseria, ssofferenzi e pprivaziùani

chi ttoccava lu core de li gìanti.


Quandu la capu non è dde nente a ppostu,

‘nda succedenu de tutti li culuri,

e dde mmìanzu ‘nda vanu li guagliuni,

chi nno tenenu peccati de scuntare.


Quanti danni ‘mpassatu,….

pe ppùacu ‘na cristiana no mmorìa,

e ffu allora chi, a lu ‘mprimu, lu ‘nternaru,

duve  portavanu li malati de li nìarvi.


Pe cchiddri disturbi,

no ‘nc’eranu rimedi, e

all’esplosione, ‘mprovvisu, de lu male,

l’ùamu diventava ‘ndiavulatu.


Vicìanzu, pagau de perzuna li peccati sue,

non appe nuddra giojia ‘nta la vita,

lu destinu l’assecutau de picciriddru,

e a la hfine,

volontariu,

tornau duve lu curavanu ‘na vota.


di Mario Dastoli

 

La vita è lunga e ricca di avvenimenti, cambiamenti, incontri, avversità e successi tali che  nessun essere umano può dirsi capace di  avere un percorso di vita lineare .Inciampare durante il percorso a due , a volte, diventerà inevitabile  quando le circostanze della vita quotidiana creeranno le condizioni per cui ciò avvenga e si definirà, come per Vincenzo , in un progredire che potrà condurre  all’atto imprevisto . Ancor meno sarà poi facile  procedere dritti e rispettosi dietro i  personali proponimenti , ormai compromessi , pensando di aver corretto difetti e aspirazioni espiando una  colpa.

Per chi non sa del fatto, credo ,sarà difficoltoso comprendere quanto appare assurdo capire  la cronaca , quasi giornaliera ,di questi fatti.

Tutti noi, oggi,  viviamo in una realtà convulsa e frenetica e la fretta sembra averci preso tutti: ci manca spesso il tempo per contemplare, dialogare, incontrarci ed anche riuscire a perdere tanto tempo in attività di pura ricreazione, disinteressata amicizia, intimo piacere personale. Avvenimenti e cronache degli ultimi anni sono da ritenere frutto di tali mutamenti oggi peggiorati dai cosiddetti  social e influencer .

 

Per niente agile a dimenarsi nel dramma di una persona del passato ,Mario ha  saputo riproporre  un aspetto  ricorrente della quotidianità e  con cura  ,però, ha saputo restituire  Vincenzo , a noi ,come persona e non come altro. Una Persona abbrutita dalla vita .

francesco casalinuovo - jacursoonline

 

 

-------------------

Associazione Cult.   Kalokrio    -  www.jacursoonline.it

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-10.jpg
Chi è online
 21 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante