Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

E' Deceduta

La Sig.ra   Vittoria  Dattilo Read more

Per Non Dimenticare

Per Non Dimenticare ... Read more

Era il 9 Maggio 1928

  Oggi 9 maggio 1928. Un fatto del passato ... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Nicolina  Braccio  in  Esposito Read more

Cordoglio per la morte di Natale Amantea

  per anni già Sindaco di Maida   Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Ntonuzzu

Coloro che  risultano essere persone simpatiche sono  anche quelle che , abitualmente, dicono ciò che pensano e pensano ciò che dicono  . “ Ntonuzzu era persona sincera ... tentava a prevedere le giornate di sole o di pioggia...

 

Ntonuzzu era persona sincera e simpatica perché “ si assumeva la responsabilità “  delle sue previsioni . Dove per tempo intendeva la condizione di buono o cattivo tempo. Leggeva , consultava e seguiva il grande  Barbanera... Orgoglioso si acculturava leggendo Barbanera e , abitando in un crocevia strategico, già di primo mattino gli capitava di incontrare tanta di quella gente che si movimentava alla propria arte….

Lasciamo al Dott. Dastoli il ricordo de Ntonuzzu.


 

‘Ntonuzzu

 

‘Ntonuzzu s’azava sempe prìastu,

S’assettava a lu muru avanti la porta,

era ‘nu muriaddru hfattu a pposta, e, ddra sedutu,

si godìa chiddr’aria-bella-hfrisca de matina.


‘Nc’era sempe ‘nu ventarìaddru hfinu-hfinu

chi mminava de Arrìatu lu Strittu,

o cìarti vùati de l’atra banda,

duv’era la potihha de mastru Vicenzinu;


de ddr’avanti passava sempe tanta gente:

‘mprima matina, quandu li hfimmini jiìanu all’olivi,

portavanu li cotrari, ddra a Bettuzza

o puramente a Catarnuzza la Sipendinota,


a ‘nna certa ura, ‘Ngilina, cu la tahharìa ‘ntesta,

si ‘mpesava a la Lustra cu tutti li zzitìaddri,

mastru Cicciu si ‘mbijiava a la potiha,

lu patre, mastru Vicìanzu, allongava a la Malìa,


passava lu tìampu cu quattru pìadi de olivari,

lu zziu Michìali si dirigìa a Ssantu Nicola,

‘nc’eranu li pumadora de ‘mpalare,

era sempe ‘nu via-vai de cristiani ‘ndaffarati.


Jìandu pè la Lustra si arrivava a lu Siminaru e

cchjiù avanti a lu vùascu de Rrudìa

duve tanti hfimmini e ccummari ‘ncumpagnia

ricogghjìanu li hfraschi pe lu hfùacu e ppe lu cocipane.


‘Ntonuzzu si prejiava de tuttu chiddru movimentu,

pe iddru, era ‘na rande giojia vidire gìanti e

scangiare dui palùari cu giùveni e rrandi,

vìacchji e ffiggghjiùali, òmani e ffimmini.


A ‘nna certa ura, si ‘nda scindìa a la Cona,

si hfermava ‘nu mùarzu a la Parisa,

si guardava ‘ntùarnu-‘ntùarnu, cùamu preoccupatu,

azava l’ùacchji, osservava lu cìalu,


A ‘nna certa ura, si ‘nda scindìa a la Cona,

Scrutava l’orizzonte, de ‘nu mare all’atru,

cercava mu capisce cùamu jiia lu tìampu,

ed era capace mu hfa li previsioni;


non era mai combintu de lu tuttu,

stringìa sempe li spaddri e mmussijiava,

lu cappìaddru a lu còccalu appojiatu,

si basava supa pensìari e sensaziùani:


la camula chi abbistava de luntanu,

chiddri nuvuluni arrumbulati e supramisi,

lu vìantu chi mminava de ponente,

li doluri de l’ossa risbigghjiati.


E li jiornati passavanu accussì,

‘Ntonuzzu era ‘mpensione ormai de tantu tìampu,

avìa trascorsu la vita a la Contissa,

‘na ciucciareddra, Rosina, pe cumpagna de lavoru.

‘Ntonuzzu, la trattava cù garbu e cumprensione;

la parrava e li cuntava tanti hfattarìaddri,

iddra arricchjiava e parìa ca capisce ogne ppalora,

chjiudìandu l’ùacchji o vasciandu, ciarti vùati, puru la capu;


era ’nu dialogu costante,

tenìanu ‘n’accordu e ‘nnu rispettu senza ‘guali.

Quandu ‘mpesavanu pe jjire a la muntagna

li cisti tutti carrichi de arroba,


‘Ntonuzzu stava sempe cu lu culu ‘nterra,

la hfatiga era guala puru pe li ciucci,

caminava a ppede a lu hfiancu de Rosina, e

a Ssan Michiali o a l’anchjianata de Mungili,


la hfacìa mu si riposa bella-bella, la ‘ncoraggiava

cu palùari duci, l’accarizzava la capu e la crinìara;

iddra cumprindìa chiddri signali e

lu rimirava commossa, cu ùacchji languidi e lucenti.


Rosina hfu la cumpagna sua pe ttutta ‘na vita,

passaru ‘nsema no ssacciu mu vi dicu quanti anni,

la crisciu picciriddra chi avìa ancora la mamma,

chjianu-chjianu la ‘mparau a li hfatighi,


era sempre docile e tranquilla,

ogne ttantu, la hfacìa puru muntare, ma

a causa de ‘ncunu dihfettu scanusciutu,

non appe la giojia mu vide ‘nu puddritru.


Rosina, non pprovau mai li virgati,

lu hfianu, l’erva e ll’avena no li mancaru mai,

l’acqua a lu bivìari sempe hfrisca,

era trattata cùamu ‘na regina.


‘Ntonuzzu, appe ‘nu dispiacire troppu rande

quandu vecchjiareddra vinne a mmancare.

Iddra, cominciau a nno mangiare,

no lla hfacìa cchiù mancu mu s’aza,


vivìa sempe, cercava sulu acqua,

tirau accussi pe ttutta ’na simana e pue

‘na matina la trovau senza vita,

curcata de hfiancu, cùamu chi ddormìa.


La vita è ffatta de amore, amicizia e fedeltà,

silenzi, cumpagnia e riconoscenza,

de dispiaciri, doluri e ssofferenzi,

sentimenti comuni tra cristiani,


cu si potia cridìre ca lu stessu affettu e

gguali sentimenti si potìanu provare

pe ‘na ciuccireddra de hfatiga?

‘Ntonuzzu li voze bene cùamu a ‘nna sùaru,


si la sonnava la notte, e ssentìa la mancanza

de chiddra cumpagna laboriosa.

Si dice ca li ciucci sunu ciucci, ma ‘Ntonuzzu

si rendiu cuntu ca sunu nimali intelligenti e


si benenu trattati cu riguardu,

ti ripaganu senza risparmiu,

cu ttantu lavoru, sudure e ddevozione,

Doppu Rosina , ‘Ntonuzzu, ‘no ssi pigghjiau cchiù atri nimali……

 

di Mario Dastoli 12 Novembre '23

Quando i Pioppi erano tre, Ntonuzzu aveva come postazione il Primo Pioppo di sinistra,cioè l'ultimo dei caduti. Immobile a scrutare e prendere note appoggiato al tronco.. . Si intravedono i pali in metallo della prima cabina elettrica posizionata nei pressi del secondo pioppo.

 

In fondo a destra è Capo Passero e sopra il Reventino.Per le teorie de Ntonuzzu " Il tempo fa indice tra quei due punti. Sino a tarda mattinata a scrutare e prendere nota della direzione delle correnti e dei corpi nuvolosi.

Francesco Casalinuovo    Jacursoonline   -   Ass. Kalo Krio

 

.........................................................................................

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-11.jpg
Chi è online
 16 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante