Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

E' Deceduta

La Sig.ra   Vittoria  Dattilo Read more

Per Non Dimenticare

Per Non Dimenticare ... Read more

Era il 9 Maggio 1928

  Oggi 9 maggio 1928. Un fatto del passato ... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Nicolina  Braccio  in  Esposito Read more

Cordoglio per la morte di Natale Amantea

  per anni già Sindaco di Maida   Read more

Tre Poesie

Oggi, in non pochi poeti calabresi che scrivono... Read more

Jacurso memorie ,racconti e personaggi del passato

Il lettore jacursano e quanti leggeranno questo... Read more

Micuzzu

 

La gente era ancora tanta e Jacurso un paese dove all’anagrafe ufficiale si affiancava un’altra anagrafe : quella popolare . Per necessità ,nella nostra comunità,  nasceva rafforzato uno specchio esclusivo che serviva così ad evitare confusione tra quelle persone che portavano una uguale identità. O diversamente quando la persona ricopriva un particolare incarico.

Micuzzu ( dittu “de pò-pò”.)

 

Pe ccuamu mi lu ricuardu io,

era n’uamu anzianu,

avìa nu portamentu signorile,

rigidu de li spaddri,

la capu chjicata a mmanu manca,

l’uacchji sempe attenti,

li gigghji e lu varvazzale sullevati,

n’espressione severa de la fhaccia,

seriu ‘nta lu lavoru principale.


Micuzzu,

era dipendente cumunale,

addettu a la pulizzia de li strati e

all’ordine de lu campusantu;

 

girava cu la carrijola e nna scupa de bruvera

lu manicu gruassu de castagnu,

ricogghjìa li mundizzi viàli-viàli e

li conferia arriatu lu strittu

duv’era lu mundizzaru comunale.


Micuzzu,

cuamu dipendente comunale,

avìa l’incaricu de ‘mpormare la popolazione

supa li decisioni e li disposizioni

de lu sindicu e dde la giunta;

iddru era lu bandìari ufficiale e

portava a tuttu lu paise li notizzi

de ‘nteressere sociale.


Quandu, pue,

lu prohfessore ndon Nicola cu atri amici,

apariru lu cinima, ddrassutta,

a lu garaci de lu comitatu,

Micuzzu diventau banditore titolare e

ogne sabatu sira, ‘mberu li cincu

hfacìa lu giru de tuttu lu paise,

cu la trumbiceddra lucida a nna manu e

all’atra lu manihfestu a ccolori arrumbulatu.


Tuu-tuu, tuu-tuu,

Questa sera alle ore otto,

a lu garaci, ci sarà

una bellissima firma in cinemascope…..

Pane amore e ffantasia,

Santa Maria Goretti,

Catene,

I figli di nessuno……


ogne strata e ogne piazzola,

cominciava a lu timpune e pue jia all’acquaru,

a lu strittu, avanti la Chiasa,

avanti Cicciu e a la cona e Ssanta Maria

pe arrivare ‘mberzu lu villaggiu;


chiddra via-via li si hformava,

chjianu-chjianu, na carovana de hfigghjiuali

chi li jjia apprìassu-apprìassu,

aspettandu la distribuzione de

chiddri manihfesti culurati de li attori

chi hfacìanu sognare ogne zzitiaddru.


Micuzzu avìa na carma chi era canusciuta,

era adocato cu ttutti li cristiani,

salutava li pìatri de la strata.


Si trattenìa a pparrare

cu ttutti li perzuni,

li pìacia mu cunta hfattarìaddri e

‘nta la ruga, quandu ‘nc’era

jiungiuta tanta gente, iddru

ogne ttantu si esibìa….


Mi lu ricuardu cuamu hfusse mò,

io era picciriddru,

e Micuzzu quandu ‘nc’eranu tanti hfimmini

a bbidire, mustrava la sua hforza

sovrumana;


misi de parte li strumenti de lavoru,

appoiata la scupa a lu muru de petra,

accantu a la carrijiola,

iddru scommettìa,

cu ttutti li gìanti de la citateddra,

ca era capace mu solleva,

senza mu la tocca cu li mani,

na seggia de chiddri ‘mbottiti ‘nta la via.


No pparìa veru ca

nu cristianu seriu-seriu,

tutttu-d’un-pezzu,

chi nno n’avìa mancu vivutu,

potìa avire momenti de rilassatezza…..


Fattu sta ca Micuzzu,

ammìanzu a ttanti sorrisi e sputtò,

li hfimmini, si sà, quandu si jiungenu….

si mentìa strancaleddra,

arrìadu la seggia de vudu pisante,

li vrazza libari a li lati,

la vucca aperta spalancata,

si chjicava cu la capu a la spaddrera, e

l’acchjiappava cu

la dentatura stritta-stritta;


era nu spuarzu non indifferente,

Micuzzu a ddovere concentratu,

li catini de lu cuaddru tutti contratti,

li musculi de la vucca cu li dìanti serrati,

si dunava na spinta cu li spaddri e

cominciava a sullevare la capu;

chiddra seggia s’azava chjianu-chjianu

hfin’aqquandu la mentìa ‘mbirgheddra e

la tenìa deritta a lu cìalu,

‘mpernata. pe nnu bellu puacu.


Micuzzu, cuamu nu giocolìere de circo,

cu cchiddr’affare in aria,

diventava russu-russu a la hfaccia e

li gìanti si spagnavanu

ca li potìa pigghiare toccu.


Quandu era ormai arrivatu,

sudatu e stancu

chi nno lla hfacìa cchjiù,

si curvava lentamente tuttu quantu,

piegava la cudiddra,

vasciava pue puru la capu e

atterrava,

attentu no mmu li sata  ‘ncunu dente,

chiddru simbulu de hforza,

de gloria e dde sciocchezzi…


Nu biccherinu de archermis

mu asciuca lu sudure,

era prontu, attramente, cuamu premiu,

e MMicuzzu, cchjiù muartu ca vivu,

ma cuntìantu pe lu successu de l’impresa,

assettatu, si ripigghjiava,

hfesteggiatu de tutti li cristiani,

sorseggiandu chiddru nettare vitale.


Autore :. Dott. Mario Dastoli

Febbraio 23

 

Il Soprannome

Il soprannome è notorio quanto si perpetuasse  in tutte le piccole collettività ed erano dunque tanti perché tanta la gente . Oggi Jacurso conta poco più di seicento abitanti   ma allora , anni cinquanta , si era in più di milleottocento ed era consuetudine rinnovare i nonni, le nonne… fratelli che …erano purtroppo già passati ai ricordi.

Il mestiere, la provenienza, persino l’aspetto fisico e caratteriale di una persona venivano racchiusi in una o due, tre parole, e servivano a distinguere un gruppo familiare da un altro. Nell’esposizione , articolata con garbo, il nostro Mario non poteva privare questo aspetto tipico , diffuso e così comune nel nostro paese privilegiando una figura indubbiamente familiare.

Un pò come il postino di quel tempo e quelli di oggi.... in un certo senso quella figura dava anche una certa sicurezza perchè conosceva tutti e sicuramente notava se c'era qualcosa di strano .Si fermava a domandartelo come  quando percepiva essere il momento adatto per qualche ilarità che non gli difettava.

Micuzzu, un volto che vedevi sempre al mattino e che faceva parte della realtà quotidiana. Io l'ho visto ,l’ho conosciuto e osservato quando puliva e disinfettava le vasche di Castanò. Preparare i Seggi Elettorali, Mantenere agibile la villa Comunale ( alla Cona ) , attendere ai vari compiti presso il Cimitero .E ,purtroppo , dare anche le braciole a qualche cane “arrabbiato “ o con la “rogna “. Usava le scope  lunghe di “ Bruvera “ che si produceva  a sua misura  e che vedevo in giro , ogni giorno , dentro strade e viuzze del paese. Tutte . Una carriola di legno , una pala , due scope. Tanta simpatia .

Il Dott. Dastoli  citaMicuzzu col soprannome “ PoPò “ , il soprannome che sta per identificare subito il nostro concittadino a cui vanno tantissimi meriti per l’ attività svolta . Tra queste anche quella di banditore che , con la sua trombetta, anticipava gli avvisi del Comune od altri informazioni di carattere privato.  “  …..e sarà denunziatu senza riguardu  “ . A volte i bandi da dare erano due ed allora …due altre trombettate  …..PoPòPoPò  ….Lu Sindacu …Avverte….

Ciliberto Domenico è stato un dipendente comunale sino agli anni sessanta la cui  identità è stata comune ad altri nostri concittadini per il qual motivo ricorrere al soprannome  di Po – Po' era il solo modo per distinguerlo dagli altri .Perché Po-Po' ? Dovuto semplicemente  ai due squilli di tromba che anticipavano l’informazione a viva voce. E ci voleva stile, accortezza e simpatia.

Di mezzo c’era , però , tutta la gestualità e la simpatia che tali persone imparano o sono preposte a  calare durante il mestiere che diversamente potrebbero passare persino inosservati. Appare evidente quanto il Dott. Dastoli indugia ad esaltare tale mestiere .

Ciliberto Domenico era nato nel 1899 e , cessato il servizio ha continuato a portarsi addosso questo “appellativo professionale “ anche se , alle dipendenze dell’Amministrazione Comunale , svolgeva  altre mansioni. Incaricato precipuamente alla pulizia e decoro del centro abitato, da solo  assolveva ,anche , all’incarico  come Custode al Cimitero , curava il mantenimento degli spazi assolvendo persino  il delicato compito delle tumulazioni ed esumazioni. Ci ha lasciato nel 1983 .

Viani cu 'mmia " ! Si avviava lento . In silenzio. E mostrando una di quelle croci in cemento , una medaglietta legata con fil di ferro … un numero stampigliato …. Quelle croci piantate sulla nuda terra   “ Ciangi …ccà ! Per chi non conosceva il posto a terra di un parente ...Micuzzu sapeva..


Nickname : All’origine dei Nickname c’è l’antica arte del soprannome

Oggi questa usanza , di identificare alla paesana , è alquanto caduta in disuso , come si scriveva ,  soprattutto per la desertificazione sociale o meglio si è trasformata coi tempi e , nell’era digitale  che viviamo , si è spesso trasformata nel cosiddetto “nickname “. Non so se si dice così ma tanto mi pare. Viene da pensare alla evoluzione dello Spazzino che i comunicatori sociali hanno prima " addolcito " come  Netturbino  ed in seguito Operatore Ecologico . Ma sempre quello di prima rimaneva. Provvedere alla pulizia , all'igiene e al decoro  interpretati come lavoro e non come degrado sociale. Pare debba scomparire con la istituzione  delle Isole Ecologiche . Denigrando quasi la persona che lo compie  siamo , infatti, arrivati dove stiamo coabitando cioè con  i cassonetti puzzolenti  e le cacche di cani e gatti .

La  " Vrasciola "

I cani erano tanti soprattutto nelle campagne. Era obbligatorio sottoporli alla vaccinazione ma qualche volta capitava di vedere in giro qualche cane rognoso o randagio. L’ingrato compito di preparare una polpetta di carne "praticamente  disposta da Luigino ..." e il giorno dopo... la carretta e una fossa appena fuori il paese.


Lu Bandieri

Lu Bandiari (il banditore) aveva  il compito di trasmettere e diffondere la parola dell'autorità che a Jacurso prima fu il Podestà e poi il Sindaco. Figura ,pertanto , indispensabile in un mondo in cui la comunicazione dipende fortemente dall’oralità. Micu Po – Po'  era di suo o era diventato  un personaggio dalle molte sfaccettature, oggetto di funzioni importanti e delicate che svolgeva e che gli conferivano l’onore di prestare la sua voce all’autorità di turno . Una persona che per essere credibile doveva forzatamente godere di particolare considerazione sociale e Micuzzu queste funzioni sapeva svolgerle tutte bene .

La comunicazione ,ricordo , non sempre era  necessariamente verbale  ma , attraverso il linguaggio del corpo, mi pare essere  divenuto insito nel personaggio. Le sue espressioni facciali , i movimenti del corpo e la postura ,i gesti e fondamentalmente la Voce . Il tono ,le  pause , le esitazioni. Vedi Napoli……e poi ….muori  “ . Quando Jacurso, al Garage , aveva il Cinema che mancava ai paesi vicini .Tumasi Mascaro bigliettaio insieme a Michelinu Esposito che staccava il biglietto e allargava la tendina per farti entrare.

Iniziava a lavorare la mattina di buon’ora e cercava di tenere il paese più pulito possibile. Anzi era pulito  con le strade tutte  in calendario nei giorni della settimana . E Luigino , di suo  e dopo, le “ girava “ tutte .

Il lavoro che da qualche tempo stiamo proponendo ai nostri lettori è il frutto di tanta passione. Non è stato semplice cercare di realizzare un progetto che facesse sintesi di tanti punti di vista. Abbiamo scelto di narrare una storia scritta da persone che per diretta esperienza, testimonianze tramandate con scritti e documenti fotografici, hanno avuto memoria di un tempo trascorso.

I giovani potranno scoprire le semplici ma robuste radici dei valori di questo borgo che ci impegniamo a fare ancora vivere tutelando quanto i nostri padri e gente comune ha saputo lasciarci con l’obbligo morale di non distruggerlo.

 

Abbiamo riscontrato l'interesse con cui sono stati letti gli ultimi argomenti  . Ringraziamo i nostri lettori e quelli lontani in particolare. Tra le ultime provenienze di lettura vogliamo ricordare : Roma  Roccapiemonte  San Pietro a Maida  Crotone  Palermo  Firenze Rovigo  Opfikon Taranto Rivalta Bormida  Cannizzano  Milano  Grumo Appula Bologna  Napoli Altofonte Reggio Torino Alessandria Pizzo  Avellino Cosenza  Torino Crucoli Favria  Dro  Anoia  Gagliato e da Singapore  Svezia  Svizzera Germania  Cina.

francesco casalinuovo - jacursoonline

marzo 23

...............................



Un Grande Paese da Cortale a Curinga  -  Associazione KaloKrio  -   Sito web   jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-5.jpg
Chi è online
 11 visitatori online
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante