Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Adduru de Mangiare

A chiddr’ura, ogne ddominica matina, si sentìa ... Read more

Due Congressi

E’ finito Sabato cinque novembre il convegno c... Read more

Tra i Caduti delle due Guerre

    Novembre 1918: mese in cui si concluse l... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra  Elisabetta Ciliberto (ved.Panza)   Read more

E' Deceduto

Antonio  Moio a Portogruaro   Read more

Non Solo Boschi

  La mitologia racconta che Prometeo ( “co... Read more

Catarnuzza

 

 

Con il termine di Medicina Popolare si intendevano nel nostro passato - e ancora oggi - quelle pratiche adottate per "curare" disturbi e malanni dovuti ad incidenti quotidiani che nella nostra comunità , fatta di artigiani e contadini, erano soliti verificarsi. E c’eravamo anche noi , arditi ,imprudenti e ignoranti esploratori che ci misuravamo a camminare sui muretti, salire sugli alberi , saltare tra i fossi… correre , sudarci , bagnarci…

 

Caterina Buccafurni nata nel 1894. Ci ha lasciati nel1979

 

 

LI  MANI  DE  CATARNUZZA


Chiddri jidita ossuti e affusolati,

la pelle morbida de lu tattu anticu,

no mmi li puazzu mai scordare.


Li untava

appena-appena,

cu ‘nna pizzicata de saliva,

recitava cittu-cittu ‘na preghìara,

e cercava,

cu ‘nna delicatezza hfina,

lu puntu offesu,

duv’era lu dolure,

la ‘mbunnatina,

duv’era lu male,

la scavajjatina,

duve stava lu mirò,,,,,


Iddra toccava e

ssentìa

si nc’era ‘ncuna cosa

chi nno jjìa.


Catarnuzza

non era ‘na hfimmina ‘mponente,

no ssi dunava mai ‘mportanza,

era umile, esile e ddiscreta,

vestìa all’antica,

lu costume jicurzanu,

cuamu tutti li hfimmini d’età,

la capu cuveruta cu ll’aggiaru e

lu hforzalettune niguru

a li spaddri.


No ssacciu mancu mò

cuamu hfacìa,

non era na maga e mancu

na veggente,

no ssi avantava

de lu bene chi ffacìa a ttanta gente;


Era ‘na donna normale,

gentile e religiosa;

sapìa tuttu

de com’era hfatta la vita,

de cuamu potìanu jjire

li cuasi de lu mundu, e

cuamu si potìanu trattare

chiddri povari cristiani chi

nno ttenìanu propi nente.


Mi portau, na vota, la mamma mia,

chi era randiciaddru,

m’avìa stroppijatu a ‘nna spaddra,

cadìandu malamente,

doppu nu satu,

‘nta lu scureu de Zocca.


La spaddra mi dolìa chi

nno potìa mancu azare lu vrazzu;

lu linimentu,

chi ssi appricava tandu,

non avìa servutu a nnente, e

doppu cincu jiuarni de dolure,

la spaddra mi hfacìa sempe cchjiù mmale.


E ffu allura,

chiddra sira,

era quasi ura de mangiare,

jjimmi cu la mamma a

ttrovare Catarnuzza…..


La casa non era assai luntana,

si jia de chiddra carrera

sutta l’archicìaddru,

‘mpacce a la chjiasa de San Bestianu,

de jjiiancu lu negozziu alimentare;


anchjianammi li tri scaluni

de petra hfrabbicati,

e supa lu mignanu picciridru,

abbussammi a la porta cu li mani;


n’apariu la nora Nicolina,

‘mpaccendata,

eranu tutti a la tavula seduti, e

n’accogghjiru cu ssorrisi veri,

non bbittimu nuddru segnu de hfastidiu;


s’azau, Catarnuzza,

queta-queta, de la seggia,

era beddrissima anziana,

si ‘mbicinau,

cu ‘nnu sguardu serenu

e nna vuce ‘ngarbata,

“ah biaddru mio, chi tti succediu?”, e

m’accumpagnau

‘nta n’atra cambareddra.


Pe ccuamu puatti,

cacciandu la magghjia e la cammisa,

scuverivi la parte chi ddolìa,

e iddra,

doppu lu segnu de la cruce,

cominciau mu tocca,

lentamente,

duv’era la jiocatura de la spaddra e

pue ’mberu lu vrazzu;

cu li dui jjidita de la manu destra,

hfacìa supa e ssutta a la ricerca

de lu puntu ‘nteressatu

chi ffinarmente trovau.


Hfu chiddru lu momentu cchjiù ‘mportante,

continuau,

cu la pressione, duce,

de la manu,

quasi ‘na carezza,

sparmandu,

senza mu stroppijia,

li musculi e li tendini contratti,

chi cuamu per incantu si sciogghjiru.


Chjianu-chjianu,

lu dolure s’alleggiau, e

lu vrazzu ripigghjiau lu movimentu.


Lu jiuarnu doppu,

tornai pe mmu mi vide,

mi toccau n’atra vota,

cercandu delicatamente cu la manu,

la parte offesa,

cuamu ad apparare;


parìa ca stava mentìandu a postu,

cu ‘nna sapìanza senza guali,

hfilu pe ffilu,

li ligamenti tutti de l‘articolazione.


Doppu quattru o cincu minuti,

quandu hfinìu,

no ‘nc’era cchjiù nente,

lu vrazzu era libaru completu,

lu dolure sbanitu de lu tuttu.


Chiddru de Catarnuzza era nu donu,

avìa na sensibilità ‘nta li mani

chi usava cu semplicità e naturalezza,

senza pregiudizi,

pe lu bene de tutti li cristiani.

No ‘nc’era ‘nteresse perzunale,

non era n’attività retribuita.


Ssu hfattu cca, appi a fforza

mu lu cuntu,

pecchì nta la mente,

‘nce sunu ricojjiuti e ammuccìati

tanti hhfatti, immagini e ricuardi,

chi, ciarti vuati, cu pprepotenza,

venenu a ggalla, e

bbuanu pe fforza diventare manihfesti;


quandu pue ni mentimu a scrivìre,

nc’è nu mistu de gioia,

tristezza e nostalgia

chi acchjiappa e pare ca ti tira l’anima.


Ad ogni modu,

quandu ricordamu li perzuni chi,

cittu-cittu,

hhficeru tantu bene,

nui rrendimu giustizia e riconoscimentu

a ttutti chiddri chi, umilmente,

e ssenza tanti inutili paluari,

hficeru la storia

de tutti li paisi nuastri.

 

Catarnuzza : autore Mario Dastoli 30 Agosto '22

 

I rimedi naturali locali hanno origini antiche e le loro conoscenze sono state tramandate di generazione in generazione, almeno sino alla soglia degli anni anni '60 , quando si è cominciato a conoscere medici, medicine ed ospedali. E' il motivo per cui la medicina popolare era diffusa in tutte le piccole località come Jacurso dove difficilmente si andava dal medico ,la farmacia stava a Maida e spesso i farmaci avevano costi elevati che bisognava ricorrere all’ ECA *. Insomma solo difficoltà che conducevano affidarsi alla disponibilità di Catarnuzza o Mariuzza come si andrà a ricordare con la bella e nostalgica descrizione che ancora una volta il nostro Dottore ci sa riproporre mettendoci dentro quanto ogni lettore saprà tirar fuori di suo. Nostalgia , esperienza vissuta o ricordi .


I rimedi popolari consistevano soprattutto nei medicamenti delle ferite , fasciature , decotti a base di erbe come la malva, salvia e nel caso di slogature e scavallamenti di nervi all’albume d’uovo e alle mani abili di anziane donne esperte in questi interventi. Racconti con particolare riguardo ai “valori umani”, alla “solidarietà” di donne jacursane , protagoniste della storia che stavolta si è andati a raccontare.

Mario ci ha consegnato un pezzo della nostra infanzia e vorremmo venisse considerato un gesto di rispetto verso i nostri nonni e genitori che poco hanno avuto a giocare ma lavorando si curavano e si adoperavano a loro volta per lenire questi dolori e inabilità.

Vuole essere anche un omaggio alla terra Jacurzana che per lunghissimi lustri vide coltivare e raccogliere alla bisogna fiori ed erbe anche selvatiche con grande pazienza, conoscenza , sapienza e amore.

Anche per questo motivo ad ogni racconto si è sempre pensato di unire un commento, a volte ampliato solo per aggiungere ricordi ai ricordi..

Come per le altre volte , anche stavolta, Il nostro Dottore ha voluto riprendere episodi tra i ricordi della nostra generazione visti e vissuti da noi con angoscia, sofferenza e fifarella per le situazioni in cui eravamo bravi e spericolati a infilarci. Quella voce, anticipata da un sorriso accogliente e quasi sempre a noi sconosciuta , ci distraeva riuscendo a pacificare davvero il nostro sentirci pulcini piccini e impauriti. Si usciva da quella porta rincuorati e a volte anche più cresciutelli.

A parte il piacevole raccontare, che certamente fa cultura , il Dott. Dastoli , prendendoci per questi episodi sta celebrando semplici persone del popolo che meritano di essere proposti per i valori che ci hanno consegnato.

 

note

ECA - Ente Comunale di Assistenza

 

Il Municipio . Le forme architettoniche in stile Impero si prestavano ad ogni sorta di audacia irresponsabile. Camminare sopra il muretto del colonnato ci faceva sentire unici...osservati da chi prudentemente ci consigliava...a biajhu...vidi nommu cadi...ca si cadi sunu doluri!

 

..................

 

Francesco Casalinuovo  ass.cult  kalo Krio-  jacursoonline -mario dastoli - mimmo mazza - mimmo dastoli

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-13.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante