Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

E' Deceduto

Il SIg.  Marco  Tedesco Read more

Luigino...Chi Mai Sarà Stato !

Un ricordo è un ricordo. E’ qualcosa che arriv... Read more

Per non Dimenticare Capaci

Falcone e Borsellino Improvvisamente, l’infer... Read more

Racconti e Memorie per il Futuro

  La Citatejha era "inchjuta" de perzuni ! . ... Read more

Lu Cilò

Ancora oggi, quando vedo quella cicatrice prossima al sopraciglio, penso a quanto eravamo incoscienti e alla fortuna avuta nell'essere sopravvissuti a certe sventatezze. Come quella volta con Mario.  A Santa Maria resistevano ancora  i sedili in cemento con la scritta ” EPT”  e non trovammo  di meglio per scartucciare la polvere  recuperata dopo i fuochi della Sarvazione .

 

Una gran fiammata… ma andò quasi bene ! Io con qualche brutta abrasione tra guancia e capelli e Mario  sul ginocchio !   A ben pensarci, è difficile credere che siamo vissuti fino ad oggi!! Eppure le sfide sono state non poche,giornaliere e ,il più delle volte , incosciamente spericolate   che però ci hanno aiutato a “crescere “. Ogni giorno ,però, in competizione  e senza saperlo. Come quella volta che il futuro dottore si trovò sotto al muro del Timpone. Una brutta cadutta .Un guaio serio …con la mamma che andava e tornava veloce da Maida (a piedi) per portare di continuo il ghiaccio  necessario… Su e giù più volte al giorno che a dirlo restano solo due parole .Il cuore di una mamma ! Non c’era ancora il frigo e , a Maida , lo disponeva ,appena per cortesia e solidarietà, un gelatiere o gassosaro ..non so bene.

Perchè le nostre  mamme erano tranquille anche se stavamo fuori fino a sera; ci chiamavano dalle finestre, chiedevano … ma senza orologio stavamo disciplinati a non buscare …vergate!

Per un periodo, abbastanza lungo , fu  “ la moda del Cilò “ a impensierire i giovanissimi  che stentavano a procurarsi un bel cerchione. C’era , però , lu cilò dei poveri e dei meno poveri. Poi diventava un compagno di giornata per tutti . Sino allo sfinimento. Era un’arte addomesticare il Cerchione e il  ferro ma il manico vero era la fantasia,l’astuzia e l’estro dell’autista.

“ Arduzzu “ era il gioco nel senso della libera improvvisazione, fantasia incontrollata,allegria , movimento e divertimento. Arduzzu era lu cilò ... e lu cilò 'ntinnava sulu cu Ardiciajhu !

 

 

Lu Cilò

Cù si lu ricorda lu cilò?

Lu cilò era na specie de jiocariaddru chi

ssi ‘mbentaru li guagliuni pe sbijiu,

e ppe passare lu tìampu.


Era ‘nu cerchiu de landia,

ma potìa essere de azzaru o

puramente de hfìarru,

sempe arrobba de recuperu però,

chi ssi potìa cilare, guidare o ‘mbijiare cu

‘nu manicu, ‘na specie de tuacciu curtu

chi ppotìa essere hhfattu de tanti materiali:


de hfìarru hhilatu, curvatu

a bbuccula, chi era lu cchjiù praticu,

pecchì lu mbijiava a ‘mbuttare, ma

cuamu lu girava puacu puacu,

rallentava la velocità e

lu controllava cuamu nente;


ma lu manicu

potìa essere puru de lignu tuastu,

de bruvera o de castagnu,

chi jjia giustu-giustu

‘nta la scanalatura de lu cerchiu o

cìarti vuati puru de azzaru.


Lu cilò era de tanti misuri,

‘nc’era lu cilò picciriddru,

hfatto de nu circhjiu de varrile;

era pe ffigghjiuali de cincu-sie anni;

‘nc’era chiddru cchjiù randuliddru,

hfattu cu lu cerchiu de la rota

de na bricichetteddra vecchia de hfigghiualu,

era pe guagliuni de uattu-nov’anni;


lu cilò-cilò veru, mbece,

chiddru bellu rande,

sciortìa de na bricichetta bona, chi

a mani de nu hhfigghjiualu de dudici-tridici anni

era cuamu na motu, vera e propi,

quasi na machina de competizione,

chi avìa lu motore de cristianu.


‘Nce hfu nu tiampu chi lu cilò

diventau famosu e

fu quandu cominciaru li avventuri

de lu cilò de Arduzzu de Fioramante,

e bberamente potimu dire ca,

a mani sue,

chiddru jiocarìaddru,

diventau ’n’oggettu preziosu assai.


L’avìa ricavatu de nu cerchione

de bricichetta de corsa,

de chiddri cerchioni hfini hfini,

cu li copertoni sottili,

chi ccu sà dduve lu potte trovare…..;


cu ttanta pacìanza s’appricau,

‘nta la carrera de la citateddra,

mu caccia tutti li raggi de la rota;

lu cominciau a lisciare e lucidare,

li hfice tanti civilezzi,

li passau la lana d’acciaiu e

puru l’uagghjiu de machina de cusire,

pe ‘nno mmu sgrusce assai

a chiddri strati-strati;


lu tenia e lu trattava cuamu nu

cristianu,

nu cumpagnu e n’amicu

de avventura;

lu ‘mbijiava cu nnu pìazzu de

hhfiarru filatu, de chiddru gruassu,

chi stava giustu giustu ’nta la scanalatura,

e puru chiddru

era statu lisciatu cu llana d’acciaiu….


Quandu passava ‘nta chiddra scinduta

de la scola elementare,

parìa ca volava,

e nno ‘nc’era hfigghjiualu chi li potìa

stare apprìassu;

hhfacìa cìarti curvi

chi pparìanu disegnati.


‘Ngilina, bonanima,

chi lu vidìa passare de vanti la porta,

cuamu ‘na hfriccia,

si mentìa li mani a li capiddri

e nno ssi potìa capacitare

de quantu riuscìa mu hha

cu chiddr’arnese.


Rallentava, hfrenava, cangiava direzione,

curvava a nna via o a nn’atra,

si girava a ‘nna vota senza preavvisu,

era na hforza de la natura,

ed era puru pericolosu,

no ssulu pe li automobili,

chi nno ttantu, ‘mberità,

‘nd’avìia, a chiddri tìampi,

ma pecchì cìarti vuati,

potìa jire a finire ‘ncuaddru a li gìanti,


e ssi,

mmanculicani,

‘na hfimmina ‘nc’appava

cu li vuazzi chjini-d’acqua

‘ntesta,

pue eranu doluri peddeviaru.


Ma Arduzzu

era spericolatu…….

Quandu la dominica matina,

doppu la missa cantata de li dìaci,

si vidìanu cu tutti li cumpagni,

Micu, Battista e Totu,

Pasquale, Cicciu e Bestianu,

Orlandu, Romeu e Nicola,

ddra ssutta a lu chjiuppu de l’aqcquaru,

ognunu cu lu mezziciaddru sue

e ffacìanu la gara supa tutta la vianova,

hfina a Cincu Cannali e a li Jjiuncari ma

cìarti vuati puru hhina a lu

ponte de donna Marianna,

chi era bellu luntanu,

era sempre lu primu ad arrivare, e

no l’acchjiappavanu mancu……

cu li cannunati.


Lu cilò sue

era lu cchjiù bellu,

lu canuscivi puru de luntanu,

brillava sutta li raggi de lu sule.


e iddru sempre allegru, cuntiantu e

sorridente

cu li amici e cu tutta la gente,

si scialava beatu

jìandu girandu paise-paise

de la matina a la sira.


Arduzzu

era nu diavulicchjiu,

nu birbante

anzi era propi nu “Brigante”.


De tìampu ‘nda passau de vìaru tantu,

e Arduzzu mò è ‘n’uamu rande,

tene hfigghiuali e

a’ dde avìre puru neputicchji,

si trova a nu mundu nuavu e luntanu cu tutti li

parìanti sue;


sacciu ca è sempre attaccatu a lu paise, e

quandu po', scappa,

mu cerca,

no ssulu li parìanti e l’amici

ma mu trova chiddri strati,

la carrera,

li puarti e li hfurniasti,

chiddri adduri de la lustra,

li mattuni de la citateddra,

lu mignanu de lu casalinu,

li scaluni,

chiddra ringhìara de hfiarru lavuratu,

tutti cuasi chi dassau de tantu tìampu.


Ma la realtà,

purtroppu è ‘n’atra, e

chiddru chi ttrova mò

è ssulu silenziu,

puarti e ffurniasti chjiusi,

serrati,

piruni e ìarvi mali mura-mura;

gìanti pe li strati

no ‘ndà cchjiù,

lu muru de l’acquaru è sempre sulu,

a lu timpune no ‘nce su’ figghjiuali,

diventau quasi tuttu nu

desertu.

autore :Mario Dastoli


Nei miei ricordi Aldo Casalinuovo appare e scompare e sorride sempre con amorevole birbanteria.

 

--------------------------

franceso casalinuovo  jacursoonline   -  Ass. Kalokrio

 

Per chi vuole continuare a leggere....

 

……………………………..

Poi di nuovo subito in strada  o tra le scale del Timpone a giocare a carte sul Mignano . Le porte da calcio erano nello slargo appena fuori sotto la strada. Il guaio era continuo quando il pallone andava fuori. Gùscini o meglio “ Lu Strittu” era invece la località del Nostro Campo " ufficiale ". Quando ogni tanto, e la sera in particolare, tornavano dalla campagna  la comitiva della “famiglia Fioravante “ o dei cugini … si gridava  « aspetta»… ed il gioco si interrompeva, anche se stavi per segnare; In mano tutti qualcosa e in testa  “ lu mazzinu de ligna ‘pe cucinare. Più di uno se era l’inverno. In porta solitamente stava il più scarso ,il più piccolo o il più alto , anche se non c’era la traversa della porta .Si giocava sino allo sfinimento , sino a quando faceva buio …o sino a quando arrivava …” nu stuartu “. Perché i bulli sono sempre esistiti . Ma si provvedeva  accompagnandoli “ a la cambera de curruzzione “. Così dicevano perché correzione si diceva in italiano. Lontani da Jacurso sono andati più d'uno,accompagnati da Luigino . Praticamente tutti rientrati dopo qualche anno di rieducazione e apprendistato.

Chi Ha rubato la Marmellata?

Adesso non c’è più la fantasia , l’inventiva per giocare  ." La fantasia è , infatti ,  come la marmellata : se la mangi con il cucchiaio ti  “sciali “ ma poi  ti stomaca,ti senti male  perché hai ingurgitato troppo zucchero e saziato troppo in fretta. Se la spalmi su una fetta di pane è meglio … più gustosa... insomma bisogna che sia spalmata su una buona fetta di  pane se no… rimane il gusto  indefinito che ti rivolta.

Il gioco era certamente un'ottima fetta di pane su cui trovva supporto la fantasia, che a sua volta nutriva il gioco in modo egregio in quanto il gioco era ed è ancora scaltrezza , furbizia ,appagamento . Tutto, però, cambia con il passare del tempo e il tempo non fa sconti in quanto scorre, si ruba qualche cosa e ti lascia solo i ricordi. Che fanno compagnia e però non saziano.

In quegli anni le vie , viuzze e la “ Vianova” erano popolate di gente. Non perché rientrassero da lontano. L’emigrazione ,infatti, era appena cominciata e chi partiva per l’Argentina non sarebbe più tornata. Partirono a famiglia di sette otto persone. Semplicemente perché le famiglie erano numerose e i ragazzi del posto ,abituati alla vita di Paese ,non sentivano alcun bisogno di lasciare la Patria Jacurso. Si stava bene dove ci si trovava. Ma già si pativa la fame .Così, soprattutto la sera dalle diciassette in poi, la Grande Cona o l’Acquaro si riempiva della gioventù locale. Saremo stati una ventina, forse trenta, appartenenti a generazioni anche abbastanza distanti l’una dall'altra, ma eravamo un tutt'uno, saldamente uniti dalle stesse abitudini e interessi.

Le giornate di Luglio e Agosto erano calde e luminose , il sole incandescente e tutta la gioventù stava fuori. No! Non c’erano i motorini. Qualcuno cazzeggiava con la palla a far palleggi , qualcuno tentava o bazzicava ( da lontano ) con le ragazze, qualcuno chiacchierava e qualcun altro progettava . Il nostro “ segmento “ semplicemente giocava da mattina a sera . Gli ormoni poco sollecitati stavano a riposo .Quelli che progettavano erano i più pericolosi. Ricordo quel periodo con molta nostalgia. Se è vero che esiste un momento in cui la vita si condensa, probabilmente,sarà stato  proprio in quelle estati lì e lo si è capito troppo tardi.

Uno dei fenomeni che caratterizzavano la gioventù dell’epoca era lo scoppio di certe mode . Nascevano per caso e bastava la prima novità, l’utilizzo di un qualche attrezzo o strumento,  come, ad esempio, la Carretta o lu Cilò per riempire le strade  gareggiando, anche ,  a suon di spintoni, sfide  e qualche lite. Era così, piccole avventure impreviste perché a volte si era un po’ spericolati.

“ Passava  il Giro “

E  abitualmente un punto d’obbligo restava e resta ancora il Casello della Posta sotto Maida. Si andava a piedi per vedere i corridori ,le macchine della pubblicità….insomma il Giro… da raccontare poi  la sera.Vitti a Bartali…e io a Coppi .Qualcuno di noi , ancora giovanissimi ,che curiosi e intraprendenti dovevamo andare al giro ma non sapevamo dove, come e perché dovevamo andare …chiese a Tumasi. “ Tumà puazzu venire cu ‘ttia …” E il buon Tommaso ,preso di importanza si limitò a rispondere: Ti potisse portare ….ma io vau cu lu Cilò “ . Che poi sempre a piedi …era . Ma era come dirgli che aveva un mezo da guidare ! Di questo arnese o mezzo di svago e di possesso dirà qualcosa l’amico Mario riportando il bel ricordo de lu Cilò ma “ del suo autista in particolare.

Arduzzu chi fhacia ‘ntinnare lu Cilò cuamu nu strumentu e lu guidava in modo unico e mirabile. Arduzzu era lu Cilò … e lu Cilò era nente senza Arduzzu “

La descrizione è stata un po piena quanto meritava .Non si poteva davvero tralasciare nulla. Basta , però,  scorrerla ancora una volta e gustare il tempo che è volato ! Mamma come è volato….

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-8.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante