Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Enrico Mattei

  Enrico Mattei Alle 18,40 del 27 ottobre 1... Read more

E' Deceduto

a Portogruaro Antonio Moio Read more

Racconti e Memorie per il Futuro

  La Citatejha era "inchjuta" de perzuni ! . ... Read more

Maledetta Guerra & Profezie

Era arrivato il freddo e poi  la  neve .  Ai r... Read more

La Giornata della Radio

Prima la radio e poi la  televisione sono... Read more

Che Cuore Batte

Che Cuore Batte per Natale ? Abbiamo assisti... Read more

Babilonia & Dintorni

  Babilonia & Dintorni Quarant’anni or son... Read more

Le Pietre del Carso

Se le Pietre del Carso ...   La Grande Gu... Read more

Racconti e Memorie per il Futuro

 

La Citatejha era "inchjuta" de perzuni ! . . Questa la malinconica nostalgia degli ultimi che  possono  raccontare , più che con i ricordi , con gli occhi del cuore . “ E se pure potessi scordarmi de tutti li perzuni ad una ad una li vijhu ancora ammatupati de matima cu lu ‘ziu peppe suttu lu fhorzalettune “.

Tra le non poche ascoltate ho raccolto anche queste ricordanze del tempo che fu e  che  restano troppo lontane dalla “ civilezza “ dell’ultima  generazione. Ultima davvero perchè alla citatejha non si genera più.

Si puru mi potisse scordare de quanti perzuni o paisani haju vistu  ‘nt’a la vita, su sicuru ca ……tutta la Citatejha l'ahju a 'mmente !

Oggi quei vicoli sono ormai disabitati e tali resterebbero se qualcuno non si fosse deciso , non per nostalgia  ma, come si diceva, con il cuore . Amore , cioè, a rinverdire in versi.

Così può capitare che un figlio di quella Citatella si decide di appartarsi negli angoli del tempo e scrivere  frammenti di storia vissuta in quei vicoli , ora disabitati, che per un  ammirevole sotterfugio quelle storie fa  rivivere nelle viuzze nuovamente abbondate  di gente  e dove porte e finestre d’improvviso si riaprono.

Per ricostruire questa trascorsa identità e mettere insieme intensi frammenti di vita non è stato certamente semplice ma , quando si decide di ascoltare il cuore , si può anche raccontare il coraggio di quelle persone capaci  ad affrontare la vita di ogni giorno .  Che tra fame e miseria , malattie e difficoltà diffuse provavano anche a volersi  bene  senza scopo . Forse incosciamente  propedeutico a quella comunità per affrontare le difficoltà , non percepire il dramma della paura e vivere la vita nella sua bellezza.                                                                                                                   Perché la vita era proprio bella nonostante tutto !

 

Stavolta  ci soffermeremo su Com’era la vita a chiddri tìampi….. “                                          sempre dello stesso autore ( Dott. Mario Dastoli ) e sempre di quella prima Citatejha

Vicoli corti , stretti e ripidi . Case basse ,due stanze , un mignano e pochi gradini

 

Com’era la vita a chiddri tìampi…..

No ‘nc’era scrittu duve vìaddri

quali servizzi spettasseru a li

omani e quali a li hfimmini;

si ‘nta la hfamigghjia

‘nc’era armonia e bbona volontà,

s’aiutavanu cu l’intelligenza e

si spartìanu li puànduri pisanti.

Ma sempre cumandava l’uomu e

quandu ‘nda capitava unu stuartu, o

era nu pìarzicu malatu,

allura eranu cazzi…… e

la vita,

pe cchiddra povara scentina chi ‘ncappava

diventava propi nu ‘mpìarnu.

La hfimmina accudìa la casa,

criscìa li hfigghjiuali,

hfacìa lu pane e cucinava

a lu hfocularu e a la hfurnacetta;

iddra jia a fraschi

chiddri vosca-vosca,

portava l’acqua a la casa pe tutti li bisuagni.

fhacìa dui o tri bbiaggi lu jiuarnu,

cu li vuazzi a li mani o na cista ‘ntesta, a

li cincu cannali;

iddra lavava li panni de li letta e

de tutti li cristiani,

e avìa mu va’ a la gurna de zocca o

puramente a la prisa de l’acqua

de lu strittu;

certu era bellu, mu lava cu

acqua corrente, ma

chiddri misi de jennaru, hhrevaru e mmarzu

cu si li po' scordare

li mani li si ‘mpassulavanu pè nnente,

no li sentianu cchjiù pe bbellu tìampu,

li rùasuli vrusxìavanu arraggiati e

quanti vuati si schjiattavano

jiettandu a ssangu.

E a la hfimmina spettava puru

chiddr’atru serbbizzu,

lu cchjiù umile e ‘ngratu e

dde cui no ssi parrava mai e cchi però

nno ssi potìa hfare a mmenu:

a li matinati quandu ancora

no ‘nc’era tanta luce,

all’arva propi,

‘nc’era na pricessione de cristiani,

‘mberzu lu catusu,

duve si sbacavanu li vasi……..

Quanta energia e quanta dignità…..

L’uamu jjia a la jiornata,

a maggioranza zzappava la terra, o cavava li patati,

putava li olivari, tagghjiava ligna pe lu hfocularu,

portava ‘ncunu sordicìaddru a la casa,

quandu jjia bona,

e arranciulijiava……

Cu potìa avire nu puacu de campagna

si criscìa nu porceddrzzu,

potìa tenire li gaddrini, dui conigghji,

na crapetteddra pe lu latte a li picciriddri

e tutti coltivavanu la terra:

pumadora e patati, vajianiaddri e pipi,

rapi e caruati, hhfinocchjia e cucuzziaddri

‘nc’eranu sempre ‘nta la casa.

L’unicu sbijiu chi ll’uamu potìa avìre,

era lu sabatu sira, passatu

a la cantina de Peppinu lu sciancatu,

duve si potìa hhare na partita a li carti

e nna biccherijiata cu l’amici o

puramente ‘ncuna dominica doppu mangiare,

cu lu buanu tìampu,

si potìa hfare na partita a li paddri

a lu chjianu de sutta lu timpune.

Pe la hfimmina ahimè,

no ‘nc’era jiuacu, sbiju e divertimentu,

a cchiddri tìampi no ‘nc’era passegiu,

ma sulu casa, hfatiga  e patimìantu

Tutti li siri,

‘ntuarnu-‘ntuarnu a chiddru hfocularu,

doppu mangiatu,

cu cchiddru bellu calure gammbi-gambi,

si passava lu tìampu

a ssentire ‘ncuna storia de l’antichi,

a scacciare  olivi e pe lu cugnuattu,

mentre la mamma, lavurava cu li hferra, a

li cozìatti de lana grossa pe lu vìarnu.

Si mangiava sempe priastu-priastu,

e pe cuamu mi ricuardu io, a li nove de la sira,

eramu tutti quanti beati

‘nta lu lìattu.

Mi ricuardu lu sgrusciu de spogghjiuli,

de chiddru matarazzu atu de la nanna, chi

chjianu-chjianu mi hfacìa mu ‘ngalìna

lu suannu.

 

Dove finiva la Citatejha.


Appena abitazioni civili e tutte con una breve scala esterna

E chi mai sarà ! Eppure... capace di sollevare una sedia ..stringendola tra i denti !                                                                            Immagine tratta dai ricordi  tra le  persone speciali capaci a non farsi dimenticare.

 

 

 

----------------------------


francesco casalinuovo   ass cult  Kalo krio     Jacursoonline

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-6.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante