Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

E' deceduta

la Sig.ra  Teresa Di Eugenio ... Read more

E' deceduto

Il Dott. Antonino  Costantino ... Read more

Eventi e Storie di Ordinaria Irrigazione

    Storie di Ordinaria Irrigazione   ... Read more

Aliante sul Mediterraneo

  A San Pietro Maida il Gran Galà del prem... Read more

Per non Dimenticare

Piazza della Loggia Martedì 28 maggio 1974: a... Read more

Era il 24 maggio di 104 anni fa

    Sciaboletta , l’Inutile strage di Capo... Read more

Una Settimana di Eventi

Trame  a Lamezia   Una settimana di Even... Read more

La Repubblica

Per meglio comprendere il significato del 2 ... Read more

La Giornata del Gelato

Dalla Sciurubetta al Gelato Artigianale All’... Read more

Rione la Citatella

Rione “La citatella”

Le case del vecchio centro storico appartengono alla tipica architettura rurale. Case costruite in pietra con i muri larghi e la scala esterna. A volte i muri sono costruiti con blocchi di semplice fango impastato con “breschie”.

Sotto la scala esterna si trova quasi sempre la “Zimba “del maiale .  La porta ,una sola,è divisa in due metà .La parte superiore è sempre aperta  per fare entrare la luce nella stanza.  Sul muro della porta è praticato un buco attraverso il quale passavano le galline o il gatto. Per saper leggere e interpretare questo primitivo ambiente  si rende necessaria la lettura di tutti gli oggetti ancora presenti e dei segni architettonici che costituiscono questo primo insediamento abitativo. Le case ad un solo piano hanno tre o quattro gradini che vanno “saliti” sempre col piede giusto per arrivare con la pedata giusta alla porta. Manca il balcone e la pietra sul lato esterno della porta serve a disimpegnare l’interno  dall’”affollamento”. Quì le donne,cioè i membri della famiglia, seduti a contatto con i vicini formano la “ruga”. Si socializza ,si parla e ci si aiuta a vicenda. I vecchi raccontano storie ai bambini,le donne parlano delle loro figlie e quest’ultime si confidano i loro amori. Gli uomini parlano di lavoro ,della terra e dei loro animali. Questa è la “ruga”un contatto continuo dove al mattino si incontra mentre si parte per andare in campagna e la sera si ascolta lo scampanellio delle capre che aspettano per farsi  mungere il latte.

Queste case sono in pratica costituite da un solo locale,a volte due e lo spazio esiguo era condiviso da un’intera famiglia,La stanza è il punto di ritrovo della famiglia e spesso è annerita dal fumo del focolare . Fuori  ,vicino la porta, ci sono le pietre a modo di panca .Al fondo del primo vicolo c’è anche il “casilino “ una sorta di prima casa dell’intero nucleo  abitato che mostra a mala pena i ruderi dei muri. All’interno di qualche casa disabitata si possono trovare gli oggetti di chi ha vissuto,lavorato e consumato la sua esistenza. I vicoli sono stretti ,irregolari e quasi tutti in discesa. Non si affacciano balconi  e la loro forma è fatta  da come sono sistemate le scale. Queste sono una diversa dall’altra e spesso hanno un modo obbligato di salirle o scenderle. Non ci sono case con più di un piano se non due o tre costruite in epoca successiva magari dopo il terremoto del 1905. Ogni scala ha il suo “mignano”. Il mignano à semplicemente il pianerottolo: serviva per sedersi o “amprare” la fagiola,il granone o altro cereale da essiccare. Sotto il “mignano”si trova abitualmente un arco che lo regge,cè la “zimba”(il porcile) e subito la porta del “Catojo”. Vano destinato agli animali (capre,asino,vacca) e al deposito di materiali e attrezzi agricoli.

 


Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-12.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante