Notizie Scorrevoli

ALI SUL MEDITERRANEO

ALI SUL MEDITERRANEO Per il terzo anno co... Read more

Dipendenti Comunali , Promozione del Territorio ed Emigrazione

Riceviamo  e pubblichiamo la nota pervenuta da... Read more

E' Deceduta

Angela  Dattilo di anni 88   Read more

La Festa di Aprile

  La Festa di Aprile Si celebrava oggi,ulti... Read more

'U Miraculu - La Ciciarata

“ U Miraculu “ Come negli anni che l’hanno pr... Read more

E' Deceduta

La Sig.ra Vittoria  Michienzi   Read more

Un Brutto Clima

Il  16 febbraio si era tenuto un incontro su... Read more

8 Marzo

I piccoli paesi  sono diventati, ormai  borghi... Read more

DONNA

Per questo evento, abbiamo   voluto promuove... Read more

Escursione al Fiume Pilla

 

 

Escursione lungo il Fiume Pilla

Il Fiume Pilla nasce sulle alture dei territori tra il comune di Jacurso e Cortale.E’ alimentato da una miriade di sorgive e degrada dai quasi mille metri sino ai 230 metri quando confluisce in altro corso d’acqua.

 

A volte si snoda in gole profonde e quasi inaccessibili per la selvaggia conformazione del suolo.  Si incontrano massi  enormi e ciotolame di varia pezzatura addossato ai margini del corso d’acqua .Di notevole interesse sono all’osservatore le particolari conformazioni geologiche delle pareti rocciose. Rappresenta un ottimo sentiero didattico per un buon naturalista regalando il piacere di conoscere  varie specie di alberi,cespugli,piante e  pietre percorrendo un tragitto naturale e incontaminato lungo il quale è facile scorgere le trote e la presenza di altri animali. Di particolare interesse è,poi, la presenza della felce dell'epoca ternaria(woodwardia),ormai molto rara in Italia e presente nelle Regioni del Sud . Campania,Calabria e Sicilia.

La grande protagonista di questo territorio è la woodwardia .Si tratta di una pianta molto rara,cioè un tipo di felce risalente all’era del ternario che trova tutte le condizioni climatiche per dimorare e riprodursi. Altra felce , l’osmunda regalis ,è facile osservarla lungo le sponde del Pilla e nelle zone umide del territorio dove la temperatura e la morfologia del terreno costituiscono l’habitat ideale per queste due piante.

Più di una diga è ancora esistente anche se la natura e la forza dell’acqua le hanno danneggiate per incuria e carenza di manutenzione.Qualche volta ,probabilmente,anche gli interessi egoistici dell'uomo hanno prodotto lo sventramento delle pareti.I ruderi di alcuni mulini sono ancora visibili e la struttura in pietra mantiene decorosa la mastria di chi li  ha impiantati. Quasi incontaminate e ferme ad aspettare,sono alcune pietre sulle quali sono state  “curate” lenzuola,asgiugamani,tovaglie ,coperte...da quelle giovani donne che si portavano al fiume per preparare i panni della dote.

una passeggiata  piacevole con Pierino

bocca  della sajitta dalla quale fuorusciva l'acqua ...a pressione notevole

felce rara di epoca molto antica (ternario o quaternario)

Mulino Del Duca.Ruderi  del mulino azionato dall'acqua del Pilla

un arco del mulino in pietra a secco

Interno della galleria dove era posizionata la ruota idraulica

è bello riposarsi su una grossa pietra... al fresco piacevole degli alberi

massi enormi e ciotolame.Il controllo naturale dell'eco sistema.Sulla destra appaiono visibili le ondate di piena.

Enormi massi sono abituali lungo il percorso

Una delle dighe.Costituiva un buon invaso.Sventrata dalla piena del fiume o dall'uomo ?

 

durante la piena l'acqua si "alza" parecchio

 rocce di notevole interesse per l'osservazione idrogeologica

continua...

 

 

 

Banner

Banner
Ora Esatta
Immagine casuale
jacurso-2.jpg
Sondaggi
Quale sezione ritieni più Interessante